An Italian Xmas - CD Audio di Johann Sebastian Bach,Arcangelo Corelli,Antonio Vivaldi,Federico Ferri,Daniele Proni,Elena Cecchi Fedi

An Italian Xmas

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Federico Ferri
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Concerto
Data di pubblicazione: 11 dicembre 2017
  • EAN: 8012665210528

€ 29,90

Venduto e spedito da Juke Box

spedizione gratuita

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 29,90 €)

Musiche di Antonio Vivaldi, Lorenzo Gaetano Zavateri, Giacomo Antonio Perti, Giovanni Battista Martini, Giuseppe Torelli, Georg Friedrich Händel, Henry Purcell, J.Ch.Bach, G.Muffat.
Il titolo recita: An Italian Xmas, un Natale Italiano: ed effettivamente il tema del Natale attraversa tutte le composizioni, celeberrime o quasi del tutto obliate, registrate in questo doppio Cd dell’Accademia degli Astrusi per la serie di Concerto: The Magic of Live. E allora due considerazioni: la prima, benché il live risalga a qualche anno fa, a noi pare (contrariamente a quanto espresso una volta da un critico d’Oltralpe) che sia stata, tout’ à fait, un’ottima idea, quella di ripresentarlo ora, salvando così dall’oblio tre concerti rari e indimenticabili. La seconda riguarda invece la domanda più che lecita: che ci fanno, all’interno di un Natale italiano, i nomi di Haendel, di Muffat, per non parlare di Purcell? È esattamente quello che spiega la colta introduzione del prof. Francesco Lora.
  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
  • Arcangelo Corelli Cover

    Compositore e violinista. Studiò a Bologna, dove nel 1670 venne accolto nell'Accademia filarmonica. Nel 1675 si stabilì a Roma: lì fu, dal 1679, violinista nell'orchestra del Teatro Capranica, e si perfezionò nella composizione. Nel 1679-80 soggiornò forse in Germania; ma la sua attività si svolse esclusivamente a Roma, dove ebbe come protettori e mecenati i cardinali Benedetto Pamphili e Pietro Ottoboni e fu in buoni rapporti con Cristina di Svezia. Messosi in luce, in varie occasioni, come primo violino di complessi ad arco, nel 1702 si esibì, ma con scarso successo, alla corte di Napoli. Nel 1708 lasciò ogni attività pubblica; trascorse gli ultimi anni di vita in preda a una profonda depressione. L'opera di C. – che fu assai apprezzato e ricercato in vita come esecutore e anche come insegnante... Approfondisci
  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
Note legali