Jacques Offenbach. Orpheus in der unterwelt. Orfeo all'inferno - DVD

Jacques Offenbach. Orpheus in der unterwelt. Orfeo all'inferno

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Salvato in 3 liste dei desideri
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Produzione: Arthaus Musik, 2007
  • Distribuzione: Ducale Music
  • Durata: 101 min
  • Lingua audio: Mono - Inglese; Tedesco; Francese; Spagnolo
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 4:3
  • Area0
  • Jacques Offenbach Cover

    Compositore tedesco naturalizzato francese. Dal 1833 si stabilì a Parigi, dove fu allievo di J. Halévy e dove cominciò la sua carriera suonando come violoncellista in orchestre teatrali. La sua prima operetta fu rappresentata nel 1839; dal 1850 al 1855 diresse l'orchestra del Théâtre Français e dal 1855 al 1861 gestì il Théâtre des Bouffes, mentre le sue operette conoscevano successi sempre più grandi. Dopo un nuovo periodo di attività come impresario (dal 1873 al 1875, con il Théâtre de la Gaîté), si dedicò esclusivamente alla composizione. Il nome di O. coincide praticamente con la nascita e i primi trionfi dell'f operetta. Nella sua vasta produzione si rispecchia ed è oggetto di satira la Francia del ii Impero; il suo eccezionale successo derivò dal fatto che il pubblico di quegli anni... Approfondisci
  • Liselotte Pulver Cover

    Detta «Lilo», attrice svizzera. Figlia di un ingegnere e una cantante, terminati gli studi commerciali segue gli insegnamenti di arte drammatica del regista P. Kalbeck. Esordisce alla fine degli anni ’40 in parti di sfondo e in breve si impone come valida interprete drammatica, pur non assurgendo mai a ruoli da protagonista. Tra le sue interpretazioni la si ricorda coraggiosa alpinista nel drammatico Anime nella tormenta (1950) di R. Hansen, ironica Zaza nel letterario Le confessioni del filibustiere Felix Krull (1957) di K. Hoffman, infelice sorella maggiore nel kolossal I Buddenbrook (1959) di A. Weidenmann, perversa madre superiora nel diderotiano e «scandaloso» Susanna Simonin, la religiosa (1966) di J. Rivette, forse il suo ruolo più riuscito. Dagli anni ’70 dirada le sue apparizioni... Approfondisci
Note legali