Jakob von Gunten. Un diario - Robert Walser - copertina

Jakob von Gunten. Un diario

Robert Walser

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Emilio Castellani
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 1992
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 marzo 1992
Pagine: 191 p., Brossura
  • EAN: 9788845908941
Salvato in 143 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Jakob von Gunten. Un diario

Robert Walser

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Jakob von Gunten. Un diario

Robert Walser

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Jakob von Gunten. Un diario

Robert Walser

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Scoprire Walser è un po' come per Jakob von Gunten scoprire l'Istituto Benjamenta: si passa dal sospetto della mistificazione alla certezza del mistero e infine alla scoperta che il centro di quel mistero è la sua quasi identità con la mistificazione. Jakob scopre che veramente dietro alla facciata dell'Istituto non c'è un pensiero – "Forse che qui c'è un qualche piano generale, un pensiero? No, niente" –, ma è proprio la fuga dal pensiero il segreto dei Benjamenta e anche di Walser». (Roberto Calasso)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,86
di 5
Totale 7
5
6
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sandro G 74

    21/02/2020 06:39:41

    Romanzo capolavoro di Walser, opera consigliata soltanto a lettori dal palato fine, perchè trattasi di un testo caratterizzato da estrema leggerezza narrativa, ironia e allo stesso tempo inquietante in maniera sottilissima, raffinata, un'opera davvero straniante, bizzarra, allucinata, di complessa psicologia. Il fatto che il finale sia un etereo cerchio aperto, per me aumenta il valore simbolico e misterioso del romanzo. Ispiratore di Kafka,autore molto apprezzato dalla critica, ma ovviamente misconosciuto alla maggior parte dei lettori, e viste le qualità letterarie e di pensiero di Walser assolutamente non convenzionali, non poteva che essere uno scrittore di nicchia, stimato anche da mostri sacri come Musil o Zweig.

  • User Icon

    Carmine

    26/04/2019 11:21:30

    Pochissimi personaggi agitano questo straniante romanzo,tutti concentrati nell'ou-topos (non luogo) che è l'Istituto Benjamenta,un buco nero dove tempo e spazio sono inghiottiti e dove l'unica dimensione reale è l'assurdo.Quest'istituto è infatti simbolo del nonpensiero,che non si risolve però nella sola assenza di esso,è bensì antipensiero,negatività,non necessità di pensiero e addirittura condanna,condanna di curiosità e di qualsiasi attività che abbia un senso.Si sta in silenzio,non si impara nulla,i professori nemmeno esistono,si studia un unico ridondante manuale,nulla più.Il protagonista Jakob ci guida attraverso le pagine del suo diario in una allucinazione ove spiccano il suo camerata Kraus,ragazzo il cui unico scopo nella vita sarà servire,il volubile e criptico direttore Benjamenta e la sua delicata sorella,l'unica reale maestra dell'istituto su cui aleggia però un'aria di tragedia.Fra sogni vaticinanti e divagazioni Jacob e l'istituto stesso si avvicinano al baratro:"mi sentivo come se nel mondo,da una estremità degli spazi fino a quella opposta,si fosse aperto uno squarcio pauroso,ardente,incandescente".Egli si legherà sempre più morbosamente all'oscuro re spodestato e direttore tanto da decidere di seguirlo nel deserto dopo l'irreversibile rovina dell'istituto.L'opera si risolve in un nulla di fatto,Jakob non va incontro a nessuna bildung,né si ha la sensazione di aver compreso a pieno il senso del tutto;con un romanzo alienato,allucinante,criptico,ossessionato, Walser demolisce la parola e qualsivoglia forma di pensiero facendo in effetti crollare la letteratura stessa sotto i colpi impietosi della sua penna(per 28 anni non scriverà nemmeno più un rigo sino alla sua morte).Nei meandri della vita egli sembra aver trovato un'essenza,ma ennesimo paradosso non ha scovato altro che vuoto,assenza di senso.Ecco tutto ciò che resta alla fine di questo capolavoro all'impacciato lettore,che vuole solo chiudere gli occhi,come Jakob,per non pensare.

  • User Icon

    emilio berra

    21/08/2013 17:28:34

    questo libro non è per chi cerca le solite trame e i colpi di scena; bensì per chi ama le orme sulla neve, la musica, il silenzio. l'autore è assolutamente non convenzionale, il suo mondo interiore risulta di grande originalità. lo stile è limpido e terso, del tutto antiretorico. la realtà rappresentata appare impalpabile, quasi fuori del tempo. ci stiamo appossimando a un piccolo capolavoro.

  • User Icon

    Luca Baratta

    18/09/2007 12:41:48

    Un romanzo (molto probabilmente non lo è!) nel suo genere unico e straordinario!!! Chi avrà il piacere di leggerlo e soprattutto di capirlo, verrà immediatamente catapultato in una dimensione a noi estranea che nient'altro non è, se non quella in cui Walser, timido e riservato, costretto alla solitudine della clinica psichiatrica in cui era stato internato, si è nascosto. Da non perdere assolutamente!

  • User Icon

    rogopag99

    16/12/2004 15:41:24

    Jacob Von Gunten, l'eponimo protagonista del romanzo di Walser, entra nel Istituto Benjamenta per imparare l'arte di servire. L'istituto è un mondo parallelo a quello reale, un universo sospeso in una dimensione sognante e retto da Herr Benjamenta e sua sorella, la quale sembra essere l'unica insegnante dei pochi studenti ammessi, essendo gli altri docenti praticamente assenti. Nel suo stile trasparente e preciso, Robert Walser si avvicina il più possibile (quanto il linguaggio lo può rendere possibile) a ciò che sta oltre le parole, a quell'assenza, o vuoto, che le parole e la vita stessa indefessamente occultano, e a cui, nel racconto, lo steso Jacob tende come alla meta perfetta.

  • User Icon

    sara

    04/05/2003 20:24:00

    splendido.uno dei libri piu' belli di tutti i tempi.

  • User Icon

    Bartolomeo Di Monaco

    01/06/2002 13:20:28

    Non conoscevo questo autore, non ne avevo mai sentito parlare fino a poco tempo fa. Ho appreso, così, che nacque in Svizzera nel 1878 e vi morì nel 1956, rinchiuso volontariamente in un ospedale psichiatrico. La storia ha un io narrante, Jakob, appunto, rinchiuso nell'Istituto Benjamenta dove si ha il compito di inculcare ai giovani allievi (prima che affrontino la vita al servizio degli altri) alcune qualità ritenute importanti: la pazienza e l'ubbidienza, ma anche la perseveranza e la capacità di attesa (rilevante quest'ultima: "Non puoi credere che felicità, che grandezza ci sia nell'aspirazione, insomma nell'attesa".) È un istituto speciale, giacché, confessa il protagonista: "Da quando mi trovo qui all'Istituto Benjamenta, sono già riuscito a diventarmi enigmatico". E più avanti: "qui ci si abitua all'idea di qualcosa di difficile e di oscuro che si avvicini". Si avverte subito un'atmosfera di incertezza e di incredulità di fronte alle prime osservazioni che annotiamo, una specie di mondo a parte, quasi sospeso, irreale, deformato, in cui stiamo per inoltrarci, che ha regole e misure diverse dalle nostre, ma che appaiono non estranee comunque a noi, come se fossero state nascoste da tanto tempo (da sempre?) ed ora, grazie al sortilegio di una scrittura che sa vedere, scavare e raccogliere, esse si presentano, rivelandoci che ci sono, sempre pronte a produrre l'incredibile, lo stupefacente, l'assurdo, e soprattutto il nulla. Lo scopriamo a poco a poco, con gli occhi tesi, sbarrati per la meraviglia. Per tutto il cammino ci accompagnerà l'ironia del narratore, che è il bisturi con il quale osserva, analizza e inquieta. Ciò che ne esce, infatti - sia quando osserva i suoi compagni e gli adulti che gli stanno intorno (ad esempio i signori Benjamenta, fratello e sorella), sia quando posa lo sguardo sulle cose, perfino quelle inanimate - è una specie di resurrezione dell'ignoto, che ci colloca tutti in quell'altrove uniforme e pigro - capace però di riempire il vuoto del nulla - che solo altre regole e altre misu

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Robert Walser Cover

    (Biel, Berna, 1878 - Herisau, Appenzell, 1956) scrittore svizzero di lingua tedesca. Per molto tempo si guadagnò da vivere esercitando in Svizzera e in Germania i più umili mestieri (tra gli altri, quello di domestico in un castello), che tralasciava per scrivere poesie e brevi prose d’arte; ma frequentò anche ambienti artistici e letterari. A Berlino scrisse di getto tre notevolissimi romanzi autobiografici (I fratelli Tanner, Geschwister Tanner, 1907; L’assistente, Der Gehülfe, 1908; Jakob von Gunten, 1909), caratterizzati da una visione enigmatica e lenticolare del comportamento umano e dei rapporti intersoggettivi. Deluso dal mancato successo e vittima di gravi crisi depressive, tornò in Svizzera e dal 1929 visse in una clinica psichiatrica.W. fu un maestro della forma breve, del microcosmo... Approfondisci
Note legali