Kafka sulla spiaggia - Haruki Murakami - copertina

Kafka sulla spiaggia

Haruki Murakami

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Giorgio Amitrano
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 1
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 maggio 2013
Pagine: 514 p., Brossura
  • EAN: 9788806216948

38° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 1408 liste dei desideri

€ 14,25

€ 15,00
(-5%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Kafka sulla spiaggia

Haruki Murakami

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Kafka sulla spiaggia

Haruki Murakami

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Kafka sulla spiaggia

Haruki Murakami

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Scelto da IBS per la Libreria ideale per scoprire la narrativa giapponese contemporanea attraverso il suo esponente più impenetrabile, amatissimo in tutto il mondo. Ci stupisce con la sua capacità di combinare la narrativa occidentale con la cultura giapponese, la filosofia greca con la visione claustrofobica di Kafka, il paranormale e la storia, shakerando il tutto per dare vita a un romanzo che molti hanno considerato il suo capolavoro, quello che lo rende degno candidato al Nobel per la Letteratura.

«Ci sono scrittori che restano giovani tutta la vita. Murakami ha quasi raggiunto i sessant'anni e su di lui si può tagliare perfettamente questo abito mentale: la gioventù. Straordinariamente giovane è il suo sguardo, giovani le sue parole (che noi leggiamo nella bella traduzione di Giorgio Amitrano), infantili certe sensazioni irreali, adolescenziali i suoi sogni. Il contenitore di tutto è una mente adulta che mescola la capacità di immaginare con quella di vedere la realtà e che racconta le sue storie con una limpidezza rarissima.»
dalla recensione di Wuz.it

«Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l'andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell'alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l'unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.»

Un ragazzo di quindici anni, maturo e determinato come un adulto, e un vecchio con l'ingenuità e il candore di un bambino, si allontanano dallo stesso quartiere di Tokyo diretti allo stesso luogo, Takamatsu, nel Sud del Giappone. Il ragazzo, che ha scelto come pseudonimo Kafka, è in fuga dal padre, uno scultore geniale e satanico, e dalla sua profezia, che riecheggia quella di Edipo. Il vecchio, Nakata, fugge invece dalla scena di un delitto sconvolgente nel quale è stato coinvolto contro la sua volontà. Abbandonata la sua vita tranquilla e fantastica, fatta di piccole abitudini quotidiane e rallegrata da animate conversazioni con i gatti, dei quali parla e capisce la lingua, parte per il Sud. Nel corso del viaggio, Nakata scopre di essere chiamato a svolgere un compito, anche a prezzo della propria vita. Seguendo percorsi paralleli, che non tarderanno a sovrapporsi, il vecchio e il ragazzo avanzano nella nebbia dell'incomprensibile schivando numerosi ostacoli, ognuno proteso verso un obiettivo che ignora ma che rappresenterà il compimento del proprio destino. Diversi personaggi affiancano i due protagonisti: Hoshino, un giovane camionista di irresistibile simpatia; l'affascinante signora Saeki, ferma nel ricordo di un passato lontano; Òshima, l'androgino custode di una biblioteca; una splendida prostituta che fa sesso citando Hegel; e poi i gatti, che sovente rubano la scena agli umani. E infine Kafka. "Uno spirito solitario che vaga lungo la riva dell'assurdo".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,23
di 5
Totale 196
5
125
4
36
3
14
2
10
1
11
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Angelus

    19/10/2020 12:48:29

    Questo è uno dei libri più ostici di Murakami, dove la logica nuda è cruda non esiste. Il suo surrealismo è alle stelle, ogni personaggio, ogni azione significa altro, come dice un personaggio nel libro "siamo tutti metafora". Così vanno presi i libri di Murakami, metafore metafisiche. Poi è un bel racconto di formazione non solo di Kafka ma anche di Nakata e Hoshino.

  • User Icon

    Manuela

    12/10/2020 17:03:35

    Non delude mai!

  • User Icon

    marghe otto

    06/09/2020 07:24:46

    Leggo i libri di Murakami facendo passare tra l’uno e l’altro un po’ di tempo. Nel mezzo girovago nel mare letterario. Poi devo riprendere un suo romanzo in mano e immergermi nell’assurdo che non pare mai assurdo. Non si può spiegare, Murakami riesce a scrivere di cose che se raccontate a voce non hanno senso e sembrano idiozie e invece scritte come le scrive lui sembrano normali e anzi, verità assolute. Io lo amo. Kafka sulla spiaggia, che ho appena letto, è una delle sue assurdità uscite meglio. Stupendo

  • User Icon

    alissa

    07/08/2020 16:08:29

    Mi ha colpito fin dall'inizio lo stile di Murakami, sorprendendomi con piacevoli sorprese, lo consiglio.

  • User Icon

    Alessandro

    04/08/2020 13:18:48

    Un libro “psicoanalitico”. Magia e cruda realtà si fondono insieme per portarci ad una profonda riflessione su noi stessi attraverso personaggi in cui è facile immedesimarsi. Murakami scrive benissimo.

  • User Icon

    Gaia

    16/07/2020 10:19:36

    Murakami o lo si ama o non lo si capisce. Io non ho la presunzione di capirlo sempre, ma lo amo. Un libro ossimoro, un libro con una forte componente onirica nella trama che si contrappone alla componente estremamente pragmatica e chiara del suo stile, così limpido, talvolta anche crudo. Una volta che il libro inizia a prendere forma e i tasselli sembrano iniziare a combaciare, diventa difficile staccarsi dalla lettura. Mi è piaciuto, anche se non tanto come Norvegian Wood.

  • User Icon

    Stefania

    24/06/2020 21:16:25

    Romanzo che nell' assurdità della trama ha una sua logica. Si legge bene perché è avvincente come un thriller, a volte anche inquietante. Tutto sommato mi é piaciuto anche se sono rimaste in sospeso alcune risposte.

  • User Icon

    Alfonso Campagna

    24/06/2020 14:43:55

    Grande Murakami Haruki. Sempre. Chi non lo ha capito non lo capirà mai. E vivrà comunque bene, con altri amori letterari. Lontana da me la tentazione di contestare il gusto degli altri. Per me è straordinaria la creazione dell'ordito: si parte con questo adolescente confuso eppure determinato, con un vecchio 'pazzo' che cerca di capire in che pasticcio si è cacciato con le sue allucinazioni che difatti sono la realtà chiara di un Altro. Ci si arrabatta con una vecchia filantropa che ha donato una Biblioteca alla comunità in onore del figlio caduto nelle contestazioni violente del '68 di Tokio. L'autore, splendido per chi lo apprezza, rovescia il contenuto con i tasselli del puzzle e dice al lettore: rimetti ogni tessera al suo posto e troverai il significato della Vita. La trama sulle prime è impervia, appaiono figure allucinogene (come il Corvo) come il padre scultore del giovane fuggitivo che sarà protagonista in giallo del vecchio scampato alla follia. Si dipana con le apparizioni di 'cori', alla stregua delle tragedie greche: figure lievi che spiegano e reggono le candele nel buio del lettore. Tre romanzi in uno, che troveranno inevitabilmente un tratto d'unione. Murakami dà sempre l'impressione di innamorarsi oltremodo delle proprie creature e rimpolpa la trama in preliminari infiniti mai inutili. Io che morale ho tratto dalle oltre 500 pagine? Senza Immaginazione la vita è inutile. Seconda considerazione: ci si potrà sempre volere bene ma sarà impossibile l'Amore (anche solo l'amicizia) fra chi rispetta l'Immaginazione e chi è troppo concreto, prosaico.

  • User Icon

    stefi

    23/06/2020 20:00:48

    Un libro talmente onirico che nell'assurdità della trama ha una sua logica. É scorrevole ma, secondo me, ha lasciato delle questioni non risolte.

  • User Icon

    Elena

    19/06/2020 14:20:27

    Mah, non so veramente come giudicare questo romanzo. Sapevo che i libri di Murakami appartengono ad un genere che non apprezzo particolarmente ma se tutti ne parlano un motivo ci sarà, giusto? Quindi ho scelto questo romanzo per conoscere Murakami: ho faticato a finirlo perché questa continua dimensione onirica, magica e surreale la trovo un pò pesante e la varie situazioni bizzarre che si incontrano durante la lettura, anche se si intuisce che finiranno per collimare, non mi stuzzicavano a proseguire. Ripeto, è un genere di libri che non apprezzo ma devo riconoscere che è scritto veramente bene (complimenti ai traduttori) e i riferimenti musicali e le descrizioni dei paesaggi sono notevoli. Lo consiglio solo agli appassionati del realismo magico.

  • User Icon

    A. Iantomasi

    18/06/2020 15:51:35

    Romanzo di formazione che contiene il mix degli ingredienti cari all'autore, sempre sospeso tra sogno e realtà. Non volevo che finisse.

  • User Icon

    Ilenia

    25/05/2020 15:17:52

    Mi è piaciuto tantissimo questo romanzo. Come spesso accade quando leggo questo autore, mi trovo a divorare pagine in attesa di risposte che generano inevitabilmente altre domande. Ma Murakami non risponde a tutti i nostri dubbi, non in maniera diretta almeno, sta al lettore dare la propria personale chiave interpretativa. Tamura Kafka e il vecchio Nakata non potrebbero essere più diversi tra loro, due rette parallele che però percorrono lo stesso viaggio verso il compimento del proprio destino. Attorno a loro gravitano singolari personaggi ed entrambi giungeranno in un luogo che sembra provenire da un'altra epoca, la biblioteca Kōmura, custode di libri e ricordi preziosi. Incontreremo infatti un arguto custode con problemi di identità sessuale, una misteriosa direttrice dal passato oscuro e doloroso, un simpatico autista venticinquenne e una premurosa parrucchiera. Non mi dilungo sulla trama perché credo che meno cose si conoscono, più si può gustare questo viaggio. L'autore è stato in grado, a parer mio, di trasportarti contemporaneamente in un luogo lontano e di farti viaggiare dentro te stesso, nella propria foresta personale. Un libro altamente evocativo, onirico, metaforico e allo stesso tempo così tangibile. PS. Adesso però vorrei ascoltare Kafka sulla spiaggia!

  • User Icon

    Holden

    17/05/2020 14:22:28

    Avevo già letto altro di Murakami perché molto incuriosita dall'autore e in particolar modo da questo romanzo. Se il primo che avevo letto mi aveva lasciato qualche dubbio, questo mi ha fatto definitivamente capire che Murakami non fa proprio per me. Per tutta la lettura ho fatto fatica a seguire il filo logico della storia, figuriamoci capire dove volesse andare a parere. Rimango dell'opinione che sia un po' troppo onirico per i miei gusti, tanto da sfociare nel no-sense.

  • User Icon

    MP90

    17/05/2020 13:49:16

    “Kafka sulla spiaggia” è uno dei romanzi più famosi dello scrittore nipponico. L’intero testo si sviluppa come un sogno che accompagna il lettore lungo tutto il racconto, alle primissime pagine fino al finale, che sembra essere quasi banale dopo averlo letto. Particolare della narrazione è la – forse voluta – non spiegazione degli eventi e dettagli che vengono ripetuti e tralasciati dall’autore. La narrazione è su più piani, quello in prima persona riguardante Kafka, e quello in terza persona riguardante invece il vecchio, altro personaggio importante per il decorso della storia. Il fantastico, il surreale, l’immaginario e l’inimmaginabile si fondono insieme sotto una prosa magistrale e trasportante tanto da renderci partecipi dello stesso romanzo e della stessa storia, delle vite e delle preoccupazioni dei personaggi. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Punk

    17/05/2020 10:33:57

    Se non mi avessero regalato questo libro forse non mi sarei mai avvicinata a Murakami. Inizialmente ero un po' scettica, non essendo il mio genere principale, ma appena iniziato mi sono immersa nella lettura. Ho apprezzato molto il cambio di narrazione che varia tra i due personaggi principali, e lo stile narrativo è molto scorrevole e semplice, ma mai banale. Questo libro ci trasporta in una dimensione surreale che forse non tutti riescono a apprezzare, e che a volte ci lascia a bocc'asciutta, senza le risposte che cerchiamo. Ma è proprio questo quello che rende speciale questo libro, il non sapere fino in fondo cosa realmente sia successo. L'intensità è molto forte, e purtroppo l'ho notata soprattutto in una scena in particolare, tra il signor Nakata e Johnnie Walker, che ho dovuto saltare perché troppo cruda per me, anche se sono abituata a scene horror e violente.

  • User Icon

    y.

    17/05/2020 07:53:04

    Quest'opera è composta da due livelli: uno reale, che tratta dei tormenti di un quindicenne ed è attraente. Un altro livello è onirico, surreale, quasi staccato dal primo. Questa parte non è nelle mie corde, per cui non valuto al massimo il complesso dell'opera.

  • User Icon

    90pm

    16/05/2020 19:48:04

    Da grande fan di Haruki Murakami, impossibile non leggere uno dei suoi più bei romanzi. Appassionante, irrazionale, quasi onirico. Siamo al confine dei sogni e due storie parallele, con a capo due personaggi molto diversi tra loro e che non si incontrano mai, hanno caratteristiche ed elementi in comune. Tamura, dal nuovo nome Kafka, è un quindicenne scappato di casa per fuggire a un inquietante profezia del padre. Nakata, invece, è un ex falegname ormai anziano e che è capace di parlare la lingua dei gatti, nonostante adesso sia stato privato dell’intelligenza a causa di un incidente capitatogli nel periodo dell’infanzia. Nonostante i cammini separati e le avventure diverse, vi è la comune frequentazione di una biblioteca e di un personaggio chiave: Saeki. Un libro che consiglio di vero cuore.

  • User Icon

    Caterina

    16/05/2020 16:44:50

    Murakami riesce sempre ad arrivare nel profondo. La scrittura risulta coinvolgente, riesce a trasportati perfettamente all interno dei contenuti. La trama é scorrevole, e si arriva sempre alla fine di un viaggio. Super consigliato.

  • User Icon

    Marco

    16/05/2020 15:13:59

    Due storie apparentemente scollegate che alla fine si intrecciano. Un romanzo che si rifà anche ai racconti popolari della tradizione giapponese. Ma ho già detto troppo. Bisogna leggerlo.

  • User Icon

    yuki

    16/05/2020 13:44:20

    Murakami uno scrittore che ti trasporta ogni volta in un mondo onirico.

Vedi tutte le 196 recensioni cliente

Le prime frasi del romanzo

Il ragazzo chiamato Corvo

– E cosí il denaro sei riuscito a trovarlo? – chiede il ragazzo chiamato Corvo. Il modo di parlare è il solito, un po' strascicato. Come di uno che si è appena svegliato dopo una lunga dormita e ha i muscoli della bocca ancora intorpiditi. Ma il suo è solo un atteggiamento: in realtà è perfettamente sveglio. Come sempre.
Io annuisco.
– Quanto?
Rifaccio un'altra volta il calcolo a mente, quindi rispondo: – Circa quattrocentomila yen in contanti. Poi c'è ancora qualcosa che posso prelevare con la carta. Naturalmente non credo che basti, ma almeno per ora dovrei farcela.
– Non è male, – dice il ragazzo chiamato Corvo. – Almeno per ora.
Io annuisco.
– Però questi soldi non li hai certo ricevuti da Babbo Natale, o sbaglio? – dice.
– No, – rispondo.
Il ragazzo chiamato Corvo si guarda intorno, storcendo leggermente le labbra in una smorfia ironica.
– Non sarà che provengono dal cassetto di qualcuno, qualcuno molto vicino?
Non rispondo. Lui sa benissimo di chi è quel denaro, è ovvio. Non sta cercando di strapparmi una confessione. Mi sta semplicemente prendendo in giro.
– Beh, pazienza, – dice il ragazzo chiamato Corvo. – Quei soldi ti servono. Ti servono davvero. Devi averli. Qualsiasi mezzo è lecito: chiederli, prenderli in prestito di nascosto, rubarli… In ogni caso sono soldi di tuo padre. Con quelli, almeno per ora, ce la farai. Ma quando avrai finito quei quattrocentomila yen, come hai intenzione di muoverti? I soldi non crescono spontaneamente nel portafogli come funghi di montagna. Avrai bisogno di mangiare, e di un posto per dormire. A un certo punto i soldi finiranno.
– Ci penserò quando sarà il momento, – dico.
Ci penserò quando sarà il momento, – ripete il ragazzo, come soppesando le mie parole sul palmo della mano.
Io annuisco.
– Vuoi dire che cercherai un lavoro o qualcosa del genere?
– Forse, – dico.
Il ragazzo chiamato Corvo scuote la testa. – Ma quando imparerai qualcosa sulla vita? Come pensi che un ragazzo di quindici anni, in un posto lontano e sconosciuto, possa trovare un lavoro? Se non hai neanche finito la scuola! Chi ti darebbe un impiego?
Arrossisco leggermente. Sono uno che arrossisce subito.
– Mah, lasciamo perdere, – dice il ragazzo chiamato Corvo. – Non è il caso di fare un elenco dei problemi, prima ancora di cominciare. Ormai hai fatto la tua scelta. Adesso si tratta solo di metterla in pratica. E comunque sia, è la tua vita. Alla fine, sei solo tu a dover decidere.
Sí, comunque sia, questa è la mia vita.
– Ma d'ora in avanti, se non diventi piú tosto non ce la farai.
– Faccio del mio meglio, – dico.
– Certo, – dice il ragazzo chiamato Corvo. – In questi ultimi anni ti sei rafforzato molto, non si può negare.
Annuisco.
Il ragazzo chiamato Corvo continua:br>– Resta però il fatto che hai solo quindici anni. La tua vita è appena cominciata. Il mondo è pieno di cose di cui non sai niente. Cose che tu nemmeno ti immagini.
Siamo seduti come al solito l'uno accanto all'altro sul vecchio divano di pelle nello studio di mio padre. Al ragazzo chiamato Corvo questa stanza piace. Gli piacciono molto tutti i piccoli oggetti che ci sono. Adesso gioca con un fermacarte di vetro a forma di ape che ha tra le mani. Naturalmente, quando mio padre è in casa si tiene alla larga.
– Però, qualsiasi cosa succeda, – dico, – devo andarmene di qui. Su questo non si discute.
– Lo credo anch'io, – conviene il ragazzo chiamato Corvo. Posa il fermacarte sul tavolo, e incrocia le mani sulla nuca. – Però non pensare che questo risolverà tutto. Non per raffreddare il tuo entusiasmo, ma anche se vai piú lontano che puoi, non è detto che riuscirai davvero a fuggire da qui. Secondo me è meglio non fare troppo affidamento sulla lontananza.
Ci rifletto per qualche istante. Il ragazzo chiamato Corvo tira un sospiro, chiude gli occhi e si preme le palpebre con le dita.
– Facciamo il solito gioco, – dice, parlando nel buio.
– Va bene, – rispondo. Chiudo anch'io gli occhi e tiro un lungo respiro profondo.
– Sei pronto? Immagina una terribile tempesta di sabbia, – dice. – Dimentica completamente tutto il resto.
Seguendo le istruzioni, immagino una terribile tempesta di sabbia. Dimentico completamente tutto il resto. Dimentico perfino chi sono. Divento uno spazio bianco. Subito alcune visioni mi affiorano alla mente. Come sempre io e il ragazzo, sul vecchio divano di pelle nello studio di mio padre, dividiamo quelle visioni.
– Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso, – comincia.

  • Haruki Murakami Cover

    Murakami Haruki è nato a Kyoto ed è cresciuto a Kobe. È autore di molti romanzi, racconti e saggi e ha tradotto in giapponese autori americani come Fitzgerald, Carver, Capote e Salinger. Con La fine del mondo e Il paese delle meraviglie Murakami ha vinto in Giappone il Premio Tanizaki. Tra i libri pubblicati da Einaudi troviamo Dance Dance Dance, La ragazza dello Sputnik, Underground, Tutti i figli di Dio danzano, Norwegian Wood, L'uccello che girava le Viti del Mondo, Kafka sulla spiaggia, After Dark, L'elefante scomparso e altri racconti, L'arte di correre, Nel segno della pecora, I salici ciechi e la donna addormentata, 1Q84, A sud del confine, a ovest del sole, Sonno, L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio, Uomini senza donne, Prigioniero... Approfondisci
Note legali