Kind of Blue

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Miles Davis
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Columbia
Data di pubblicazione: 16 ottobre 2015
  • EAN: 0888751119215

nella classifica Bestseller di IBS Vinili Musica Jazz - Jazz internazionale

Salvato in 76 liste dei desideri
Realizzato nel 1959 da un quintetto storico, è un album tra i più importanti della storia del jazz.
Disco 1
1
So What
2
Freddie Freeloader
3
Blue in Green
4
All Blues
5
Flamenco Sketches
4,6
di 5
Totale 5
5
4
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Federico

    14/05/2020 16:50:12

    Album fondamentale della storia del jazz (e della musica) “Kind of Blue” di Miles Davis è un capolavoro di rara fattura. Album imprescindibile per chiunque ami il genere, è probabilmente il primo esempio di jazz modale, quindi utilizza armonie che rifuggono dalla classica armonia tonale di derivazione bebop. Mostruosa la tecnica di una formazione che è diventata ormai leggenda, e che vede Bill Evans al piano, John Coltrane all sax tenore, Jimmy Cobb alla batteria, Paul Chamber al basso e ovviamente il grande Miles Davis alla tromba, ma soprattutto lascia a bocca aperta la loro capacità di improvvisazione e l’enorme talento compositivo di Davis. Impossibile dimenticare tracce come “So What” o “All Blues”. Capolavoro immancabile nella discografia di chiunque ami la buona musica.

  • User Icon

    Ale83

    24/09/2019 19:16:16

    Non è banale scrivere di un grande musicista geniale come Miles Davis che in tanti anni di carriera ha influenzato tutto il panorama musicale con uno stile personale e preciso. Kind of blue è forse il più famoso e il più venduto dei suoi lavori e credo che se piacciono la magia della tromba e il jazz non può mancare questa pietra miliare incisa nel 1959, decretando l’inizio del successo ultra trentennale di Miles Davis. A questa formazione tra gli altri hanno partecipato John Coltrane e Bill Evans. Quello di Miles Davis lo definirei un genere di jazz vellutato, profondo, che crea atmosfere armoniose, delicate, non in aggiunta ma sottrazione. Tra i brani da consigliare la famosissima “So what”, e "Blue in Green".

  • User Icon

    Gabriele N.

    20/09/2019 18:17:03

    Famosissimo anche tra chi non ascolta jazz (credo). Comunque l'album è registrato benissimo, si sentirebbe meravigliosamente se non fosse la bassa qualità della pasta vinilica che - specie sul lato A - infastidisce con i continui fruscii e scoppiettii. Peccato. Meglio allato B.

  • User Icon

    Donato

    09/01/2019 08:59:34

    La magia che diventa musica, jazz ai massimi livelli

  • User Icon

    il biagesco

    30/06/2017 18:33:52

    SEMPLICEMENTE UN CAPOLAVORO

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Miles Davis Cover

    Trombettista statunitense di jazz. Dal '45 al '48 suonò con Charlie Parker, al cui stile contrappose un proprio solismo lirico e riflessivo, più parsimonioso di note; nel '48-49 si avvicinò al cool jazz (incisioni con Lee Konitz, Gerry Mulligan ecc.), distinguendosene per una più incisiva vena ritmica e pudicamente blues. Queste qualità, unite a un suono essenziale e lancinante, emersero più chiaramente negli anni successivi, durante i quali D. poté essere considerato il più originale musicista jazz fra l'esperienza bop e lo hard bop. Con lo storico quintetto fondato nel '55 (comprendente John Coltrane, Red Garland, Paul Chambers, e Philly Joe Jones) e con il gruppo del '58-60, sempre con Coltrane, D. utilizzò scale modali (assorbendo... Approfondisci
Note legali