Konitz Meets Mulligan - Vinile LP di Gerry Mulligan,Lee Konitz

Konitz Meets Mulligan

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Pure Pleasure
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2010
  • EAN: 5060149621295

€ 36,50

Punti Premium: 37

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Too Marvelous For Words (Live) (1987 Digital Remaster)
2
Lover Man (Live) (1987 Digital Remaster)
3
I'll Remember April (Live-Haig)
4
These Foolish Things (Live) (1987 Digital Remaster)
5
All The Things You Are (Live)
6
Bernie's Tune (Live)
7
Almost Like Being In Love (1987 Digital Remaster)
8
Sextet II (1987 Digital Remaster)
9
Broadway (Live) (1987 Digital Remaster)
10
I Can't Believe That You're In Love With Me (Live) (1987 Digital Remaster)
11
Lady Be Good (Live) (1987 Digital Remaster)
12
Lady Be Good (Alternate Take) (Live) (1987 Digital Remaster)
  • Gerry Mulligan Cover

    Propr. Gerald Joseph Mulligan. Baritonsassofonista e arrangiatore statunitense di jazz. È stato la personalità di maggior rilievo del tardo «cool jazz».?La sua vena di arrangiatore e di solista si mise in luce nelle incisioni della piccola orchestra di Miles Davis (1949-50).?Affermatosi grazie al fortunato quartetto con il trombettista Chet Baker in California (1952), in seguito diresse gruppi propri, tra i quali una grande orchestra (Concert Jazz Band, dal 1960), e collaborò con Dave Brubeck e in incisioni con Stan Getz, Ben Webster, Johnny Hodges, Thelonious Monk, Duke Ellington, sempre esprimendo un sottile lirismo melodico, impensabile prima di lui sul sax baritono. Approfondisci
  • Lee Konitz Cover

    Altosassofonista statunitense di jazz. Legato alla scuola di Lennie Tristano, fu uno dei più originali esponenti del cool jazz, con raffinate elucubrazioni armoniche e una sonorità depurata d'ogni vibrato. Dopo aver fatto parte dell'orchestra di Claude Thornhill, suonò e incise con Tristano, Miles Davis e, nel 1952-53, nell'orchestra di Stan Kenton; poi si è dedicato a un'intensa attività individuale, evolvendo via via verso uno stile più corposo e articolato. Ha impiegato anche i sassofoni soprano, tenore e baritono e il sax amplificato «varitone». Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali