-15%
Labirinto - Burhan Sönmez - copertina

Labirinto

Burhan Sönmez

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Nicola Verderame
Editore: Nottetempo
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 13 giugno 2019
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788874527601
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Labirinto

Burhan Sönmez

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Labirinto

Burhan Sönmez

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Labirinto

Burhan Sönmez

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con ritmo incalzante e analisi cristallina, il romanzo di Burhan Sönmez ci restituisce le peregrinazioni di Boratin nei misteri dell’identità, fino alla domanda estrema: è più liberatorio per un uomo – e per una società – conoscere il proprio passato o dimenticarlo?

Un giorno Boratin, un musicista blues che vive a Istanbul, si risveglia in ospedale avendo completamente perso la memoria: non sa piú chi è, da dove viene, qual è il suo passato e quale la direzione del suo presente, non ricorda gli affetti piú cari né le amicizie più prossime, e soprattutto si arrovella attorno a un interrogativo ossessivo e senza risposta: perché ha tentato il suicidio gettandosi già dal Ponte sul Bosforo? Attorno a questa costellazione di domande cerca di riprendere a vivere, riconquistando dimestichezza con volti, voci, spazi, storie, specchi, e in primo luogo con se stesso… Flâneur dei labirinti della mente e della città, percorre pensieri e strade alla disperata ricerca di una consistenza, a tu per tu con la tabula rasa della memoria, dalla quale emergono scomposti dettagli che non sa collocare nel tempo: davanti a una statuina della Pietà, si chiede se Gesú e Maria siano vissuti anni prima o millenni addietro, e scambia l’immagine del capo dello Stato con quella di un sultano vissuto un secolo prima. Con ritmo incalzante e analisi cristallina, il romanzo di Burhan Sönmez ci restituisce le peregrinazioni di Boratin nei misteri dell’identità, fino alla domanda estrema: è più liberatorio per un uomo – e per una società – conoscere il proprio passato o dimenticarlo?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andreas

    23/09/2019 17:30:42

    Un romanzo che ha più difetti che pregi. L'idea di partenza è molto buona, ma sviluppata senza particolare ispirazione. Una scrittura per lo più scorrevole, lascia a tratti spazio a momenti artificiosamente riflessivi che fanno cadere pesantemente la narrazione. Finale inconsistente.

Labirinto è la storia di Boratin, un affascinante e talentuoso cantante blues che tenta il suicidio gettandosi dal Ponte sul Bosforo, sopravvive a questo gesto estremo e si risveglia in ospedale: se l’è cavata con qualche costola rotta, ma ha perso la memoria, e non riesce a ricordare non solo il motivo per cui aveva deciso di farla finita, ma tutto il suo passato e la sua identità. Dimesso dall’ospedale, Boratin è costretto a tornare alla vita di tutti i giorni, nonostante non sappia pià nulla della Istanbul in cui vive, dei suoi affetti e di se stesso.

Questo romanzo di Burhan Sönmez, pluripremiato scrittore turco e uno dei più grandi narratori contemporanei, pone al centro la questione della memoria umana, e in special modo il suo rapporto con il soggetto che la dovrebbe custodire e trasmettere. Partendo da una situazione narrativa della perdita della memoria, fin dalle prime pagine si nota come la penna di Sönmez sia in grado di surclassare ogni cliché sul tema, ponendo questioni fondamentali non solo al suo personaggio, ma al lettore stesso.

Cosa significa, infatti, la memoria, per l’essere umano? Qual è la relazione tra identità e memoria? Labirinto mostra come non esista un’unica, esaustiva risposta a quelle domande. Da una parte, la memoria è fondamentale per l’uomo, in quanto funge da contenitore di esperienze cruciali su cui poi ogni individuo basa la propria autodeterminazione, il proprio riuscire a stare al mondo: non è un caso, infatti, che i primi passsi che Boratin torna a muovere nel mondo dopo l’incidente siano identici a quelli di un neonato, che per la prima volta si aggira tra le cose e le persone, per individuarle, nominarle e stabilire un rapporto identitario. Dall’altra parte, però, Boratin ha l’occasione di cogliere un’emancipazione totale dal proprio passato altrimenti irrealizzabile, di riedificare il presente in modo totalmente slegato e libero da ciò che è già stato; infatti, la memoria potrebbe essere anche una prigione, un obbligo di coerenza verso se stessi, dettato dall’intriseco bisogno umano di ordine e controllo: «Ha importanza come bevesse il caffè nel passato? Oggi gli piace così, può piacergli così. Se nel passato lo beveva zuccherato e ora lo preferisce amaro, che tipo di conclusione trarne?». Nè Boratin né il lettore riusciranno mai a capire se perdere la memoria può essere una fortuna o una sfortuna, una benedizione o una tragedia.

Il concetto di memoria implica il passato: infatti, la memoria è ciò che di esso ci ricordiamo. Il romanzo di Sönmez ha come personaggio un uomo che tenta il recupero del se stesso passato, dopo averne perso la memoria. Se in una condizione normale l’uomo è al centro di una continuità tra passato, presente e futuro, in questo caso è avvenuta una lacerazione tra i primi due: ciò che Boratin cerca di recuperare è un se stesso del passato che non ha nulla a che vedere con quello presente, in quanto è crollata la memoria che può fungere da collante cognitivo tra le due istanze. Per questo, il protagonista è smarrito in uno straniamento da sé e dalla propria identità, e al contempo vuole sia riappropriarsene che dissociarsene. Se non c’è una memoria che tiene insieme passato e presente, se il passato è stato cancellato ed è irrecuperabile, perché la mia nuova vita del presente deve essere vincolata da esso? Eppure, durante il corso del romanzo, Boratin si accorge quanto sia importante disporre delle coordinate temporali, perché, in qualche modo, è il nostro vissuto passato, che custodiamo nella memoria, che giustifica e assegna il nostro posto nel presente: il filo di Arianna dentro il labirinto.

In Labirinto, la memoria non è solo affrontata dal punto di vista identitario e temporale, ma anche corporale ed emotivo. Senza memoria, Boratin possiede solo il proprio corpo, un «foglio bianco» da cui ripartire: non sente proprio il suo nome, guardandosi allo specchio vede altro, i suoi affetti non sono più tali. Quando parlano di ciò che è stato, di quello che ha vissuto, delle perdite che ha subito, non solo percepisce le parole come se riguardassero un estraneo, ma non ne custodisce nemmeno il significato: sono dati che si accumulano ad altri, nel tentativo di ricomporre un mosaico andato in frantumi. Un tentativo in cui sembra che Boriatin non riesca mai a cogliere a pieno lo scopo, l’obiettivo ultimo.

Labirinto è un romanzo che indaga con una lucidità tale da inquietare. Sönmez prende spunto da una situazione topica per affrontare in modo molto sottile e critico il valore del concetto di memoria per l’uomo e le implicazioni della prima nell’esistenza del secondo, tratteggiando una storia segnante tra le luce e le ombre della nostra identità – singola e collettiva.

Michele Maestroni

  • Burhan Sönmez Cover

    Burhan Sönmez è nato ad Ankara nel 1965, dov’è cresciuto parlando turco e curdo. Avvocato specializzato in diritti umani, vive tra Cambridge e Istanbul e insegna Letteratura all’Università ODTU di Ankara. Ferito durante uno scontro con la polizia turca nel 1996, è stato curato in Gran Bretagna col sostegno della Fondazione “Freedom for Torture”. Ha cominciato a scrivere nei lunghi mesi di riabilitazione e oggi i suoi romanzi sono tradotti in più di venti paesi. In Italia è uscito nel 2014 Gli innocenti, per il quale ha ricevuto il Premio Sedat Simavi, cui è seguito Istanbul Istanbul, edito da nottetempo nel 2016. Nel 2019, per la stessa casa editrice, pubblica Labirinto. Approfondisci
Note legali