Le lacrime di Spinoza

Gianfranco Pavone

Anno edizione: 2015
In commercio dal: 28 febbraio 2015
Pagine: 164 p., Brossura
  • EAN: 9788897855279
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Odio, ira, meraviglia, speranza: qual è il significato delle passioni umane? Un fortuito ritrovamento di una traduzione in latino da un originale olandese andato perduto. È il racconto di Johannes Casearius, un discepolo di Baruch Spinoza che ebbe il privilegio di abitare nella casa del filosofo a Rijnsburg, tra il 1662 e il 1663. Al centro della storia Daniel e Dirk, due ragazzi gemelli. Abbandonati dalla madre, abitano clandestinamente nella soffitta della casa di un mercante d'arte. Vivono d'espedienti e nell'attesa del ritorno del padre che non hanno mai conosciuto. La storia, dipanandosi attraverso gli incontri tra i vari personaggi, diventa una verifica "sul campo" della filosofia spinoziana. Quando, a un certo momento, sui due gemelli si abbatterà un destino impietoso, i personaggi dovranno misurarsi con il senso della morte e il bisogno umano di giustizia e di consolazione. Le lacrime di Spinoza, secondo l'osservazione dell'umile Josef il fornaio, risulteranno più vere delle elaborazioni dottrinali del filosofo medesimo. L'intera storia è filtrata dal discepolo Johannes che, a distanza di tempo, maturerà una differente posizione umana rispetto al pensiero del maestro.

€ 14,25

€ 15,00

Risparmi € 0,75 (5%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    L.O.

    09/03/2015 19:34:33

    Un fortuito ritrovamento di una traduzione in latino da un originale olandese andato perduto. È il racconto di Johannes Casearius, un discepolo di Spinoza che ebbe il privilegio di abitare con il filosofo a Rijnsburg tra il 1662 e il 1663. Al centro della storia i gemelli Daniel e Dirk. Abbandonati dalla madre, abitano clandestinamente nella soffitta della casa di un ricco mercante d'arte. Vivono d'espedienti e nell'attesa del ritorno del padre che non hanno mai conosciuto. Nonostante la povertà, conducono un'esistenza sognante. Basta poco per accendere il loro entusiasmo: una nevicata, la vista del mare, un piccolo oggetto come il modello in scala di un veliero. Ed è proprio intorno a questo oggetto che si sprigiona la loro fervida immaginazione. Senza una ragione particolare, essi lo associano al padre e credono, fantasticando, che possa essere la riproduzione della nave su cui si è imbarcato. Proprio per verificare questa ipotesi chiedono aiuto al dottor Homan, il rispettabile chirurgo della cittadina. La storia si dipana attraverso le conversazioni tra il filosofo Spinoza, il suo discepolo Johannes, Niels il macellaio, il borgomastro, Josef il fornaio, la sua giovane figlia Elize, il dottor Homan, i gemelli, il dotto mercante Pieter Balling, Pim il falegname. Ogni incontro diventa occasione di una verifica "sul campo" della filosofia spinoziana. Le conversazioni ruotano intorno al significato di passioni umane quali l'odio, l'ira, la meraviglia, la speranza. Quando, a un certo momento, sui due gemelli si abbatte un destino impietoso, i personaggi devono misurarsi con il senso della morte e il bisogno umano di consolazione. Le lacrime di Spinoza, secondo l'osservazione dell'umile Josef, risulteranno più vere delle elaborazioni dottrinali del filosofo medesimo. L'intera storia è commentata dal discepolo Johannes che, grazie agli eventi di cui è spettatore e protagonista, maturerà a distanza di tempo una differente posizione umana rispetto al pensiero del maestro.

Scrivi una recensione