Ladilikan - Vinile LP di Kronos Quartet,Trio Da Kali

Ladilikan

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: World Circuit
Data di pubblicazione: 18 settembre 2017
  • EAN: 5056032309302

€ 25,50

Punti Premium: 26

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Prendete un trio dei migliori musicisti tradizionali griot del Mali, portateli in studio con un rivoluzionario quartetto d’archi occidentale e otterrete uno dei sodalizi musicali più insoliti e fertili in cui ci si possa imbattere. “Ladilikan”, nuovo album di Trio Da Kali e Kronos Quartet, rappresenta una pietra miliare dell’ibridazione culturale ed è stato definito da entrambi come una delle esperienze musicali più soddisfacenti della loro eclettica carriera. Il Trio Da Kali, formato da balafon (xilofono), bass ngoni (liuto) e voce femminile, è custode di una tradizione musicale antichissima. Agli antipodi è invece il Kronos Quartet (David Harrington e John Sherba al violino, Hank Dutt alla viola e Sunny Yang al violoncello), forse il quartetto d’archi più avventuroso al mondo. In “Ladilikan” la mescolanza unica dell’indomito spirito di esplorazione e della maestria esecutiva del Kronos Quartet con il repertorio tradizionale del Trio Da Kali conduce gli ascoltatori in un viaggio affascinante nel quale con voce inedita e originale ripropongono sonorità senza tempo.
Disco 1
1
Tita
2
Kanimba
3
Eh Ya Ye
4
Garaba Mama
5
God Shall Wipe All Tears Away
6
Samuel
7
Kene Bo
8
Ladilikan
9
Sunjata
  • Kronos Quartet Cover

    Quartetto d'archi costituito a San Francisco nel 1975 da David Harrington e John Sherba (violini), Hank Dutt (viola), Joan Jeanrenaud (violoncello). Formatosi sulla letteratura del '900 (Bartók, Schönberg, Sostakovic, Cage), si è imposto negli anni '80 come un autentico fenomeno musicale per la versatilità del suo repertorio, che travalica generi e culture nel segno del postmoderno sino a rinnovare i concetti tradizionali della sonorità quartettistica, passando dai contemporanei europei ai minimalisti americani (Riley, Glass), all'elaborazione per quartetto di brani jazz e pop (da Thelonious Monk a «Jimi» Hendrix) e della nuova musica africana. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali