Lady Bird (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Greta Grewig
Anno: 2017
Supporto: Blu-ray
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 9,75 €)

Christine McPherson è di Sacramento ed è un'ambiziosa liceale all'ultimo anno. Sogna un'esistenza diversa in una città della costa orientale tra i grattacieli, i college e la cultura cosmopolita. Per essere accettata in un college, però, deve accumulare anche alcuni crediti extracurriculari, così decide di entrare a far parte di un club di teatro. Questa esperienza porta nuova energia alla sua vita sociale e a quella privata, segnata da una madre ipercritica e da un padre rimasto da poco senza lavoro.
3,5
di 5
Totale 6
5
1
4
3
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    the eloina

    24/05/2020 02:12:40

    Totalmente da evitare. Di una noia mortale. Come se non ci fossero già centinaia di film sull'adolescenza di provincia americana... inutile e autoincensante. Egotico e mediocre.. Una stella perché meno non si può dare..

  • User Icon

    giuliano

    15/05/2020 09:02:35

    Una sorta di romanzo di formazione, mai banale e nemmeno retorico, che mette in mostra un pezzetto di quelle middle class impoverita che popola la provincia americana. Molto bello, brava Greta Gerwig, notevole Saoirse Ronan.

  • User Icon

    Melissa L

    13/05/2020 16:44:16

    La storia un po' malinconica di un'adolescente che si rende forse troppo presto conto di come sia difficile avere una personalità sopra le righe, quando tutto intorno a te è pressoché omologato. Lady Bird è il nome con il quale si fa chiamare la protagonista di questa storia, rimproverando chiunque si permetta di rivolgersi a lei con il suo nome di battesimo. In questo piccolo ma strategico messaggio, sta la tenacia di Lady Bird, il suo tentativo di soffocare la sensazione di inadeguatezza che la fa sentire "diversa", "sbagliata", vittima solo della sua mente brillante. Una malinconica guerra contro tutti e nessuno, alla ricerca di un'identità propria e quel senso di appartenenza, corre verso quella possibilità di essere artefice della sua vita, padrona del suo destino. I classici temi adolescenziali, non ci piove, ma ad avermi colpito è la peculiarità di questa ragazza: la tristezza non ha mai la meglio, la sua dolcezza, spontaneità perfettamente mischiata a caparbietà e fierezza. Un sorriso, una lacrima, un film davvero coinvolgente. Consiglio!

  • User Icon

    Sky

    21/09/2019 14:46:29

    Il film di Greta Gerwig punta tutto sull'emotività del momento, in quel passaggio fondamentale nella vita di ogni giovane, tra voglia di indipendenza e conflitto generazionale, tra primi turbamenti amorosi e rinunce, tra mediocrità e voglia di emergere. Un buon film, ma per l'originalità bisogna rivolgersi altrove.

  • User Icon

    skycap

    06/03/2019 09:09:51

    Film piacevole, a tratti strappa qualche risata ma velata di melanconia. Una storia sincera del periodo adolescenziale senza romanticismi e merletti, pura e schietta. Una bella interpretazione di Saoirse Ronan.

  • User Icon

    Mario

    06/01/2019 18:52:09

    La protagonista, Christine, si fa chiamare Lady Bird. E' una ragazza adolescente che ha voglia di crescere in fretta. L'attrice che interpreta Lady Bird è Saorise Ronan una delle giovani attrice hollywoodiane più brave in circolazione. La storia è semplice, romantica, brillante. La sceneggiatura e i dialoghi sono di tale naturalezza e onestà che è difficile non rimanerne coinvolti emotivamente. Non è soltanto una storia di formazione... Ci troviamo di fronte ad una fantastica storia di formazione! Promosso a pieni voti.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Un'opera generazionale e universale, capace di comunicare al di là delle barriere culturali

Trama

Christine McPherson è di Sacramento ed è un'ambiziosa liceale all'ultimo anno. Sogna un'esistenza diversa in una città della costa orientale tra i grattacieli, i college e la cultura cosmopolita. Per essere accettata in un college, però, deve accumulare anche alcuni crediti extracurriculari, così decide di entrare a far parte di un club di teatro. Questa esperienza porta nuova energia alla sua vita sociale e a quella privata, segnata da una madre ipercritica e da un padre rimasto da poco senza lavoro.

Lady Bird è stato per un po’ il film meglio recensito di sempre su Rotten Tomatoes, l’aggregatore di review tra i più seguiti del web. Poi un critico gli ha dato un voto basso (no comment) e il 100% di gradimento è diventato “solo” 99%.

Poco male, perché nel frattempo sono arrivate 5 nomination agli Oscar, tra cui quelle per miglior film e miglior regia. E Greta Gerwig (quella di Frances Ha), uno dei volti-simbolo del cinema indie americano, è diventata la quinta donna della storia a essere candidata nella categoria. Certo, ha contro il gotha della cinematografia, Christopher Nolan e Paul Thomas Anderson, un amatissimo outsider come Guillermo del Toro e un altro sorprendente esordio alla regia, quello di Jordan Peele. Ma Lady Bird è un piccolo gioiello, vedremo come andrà.

C’è qualcosa di dolce e meravigliosamente strambo in questo racconto di formazione semi-autobiografico, che è insieme una dichiarazione d’amore dell’attrice e sceneggiatrice alla città in cui è cresciuta, Sacramento in California, e un ritratto dolce amaro del rapporto madre-figlia, pieno di ironia e di dramma. E per dramma intendiamo che, dopo un litigio con la mamma, la figlia si butta da una macchina in corsa.

Perché il film è (quasi) tutto lì, nella potenza della relazione tra l’adolescente Christine, che vuole essere ostinatamente chiamata “Lady Bird”, e Marion, una relazione fatta di scontri duri, così duri che a volte sono difficili da guardare, ma anche di momenti divertenti e tenerissimi. Una delle migliori prospettive sull’adolescenza che il cinema propone da anni. Con i dubbi sulla scelta del futuro, le amicizie, quelle che durano il tempo di una serata e quelle che sono per sempre. E naturalmente gli amori, impersonati da due facce giustissime come Lucas Hedges, nominato nel 2017 da non protagonista per Manchester by the sea, e Timothée Chalamet, candidato quest’anno all’Oscar per il miglior attore grazie a Chiamami col tuo nome.

Ormai ogni volta che appare sul grande schermo, Saoirse Ronan, 23 anni e 3 nomination (le altre due per Espiazione e Brooklyn), rischia di portarsi a casa una statuetta. E con Laurie Metcalf, che poi è anche la mamma di Sheldon Cooper in The Big Bang Theory, l’incastro è perfetto. Sì, c’era bisogno di Greta Gerwig, del suo stile fresco e vivace, del suo humor pungente e pieno di grazia. Come le sue attrici.

di Benedetta Bragadini

Golden Globe 2018: Miglior film commedia o musicale - Migliore attrice in un film commedia o musicale a Saoirse Ronan

  • Produzione: Universal Pictures, 2018
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 93 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Inglese (DTS HD Master Audio 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • AreaB
Note legali