La legge dell'abbondanza

Thomas Troward, Wallace D. Wattles

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 837 KB
  • EAN: 9788865741924

18° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Salute, famiglia e benessere personale - Self-help e valorizzazione personale - Professioni e successo

Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo ebook riunisce due brevi saggi dallo spirito affine scritti da due grandi esponenti del Nuovo Pensiero e della Scienza della Mente: "The Law of Opulence" di Wallace D. Wattles e "The Spirit of Opulence" di Thomas Troward. I due testi pongono su un piano originale e innovativo il tema della crescita - e quello speculare, oggi assai in voga, della decrescita - e ci invitano a spostare il nostro pensiero dalla scarsità all'abbondanza. Finché il nostro pensiero - e, conseguentemente, il pensiero generale, economico e sociale - resterà centrato sulla scarsità, non otterremo altro che povertà. Ma l'intento della vita è di creare sempre più vita. La vita è naturalmente portata a creare maggiore abbondanza, e questa abbondanza ha come obiettivo più vita per tutti e meno vita per nessuno. Un pensiero di scarsità è perciò un pensiero letteralmente "contro-natura" mentre il vero, unico pensiero naturale è il pensiero di crescita. Il principio di crescita viene così depurato da tutte le sovrastrutture iperliberiste, immorali e "selvagge" che spesso accompagnano i giudizi sia dei sostenitori più sfrenati che dei più incalliti detrattori dell'attuale sistema economico. La crescita economica non è più una forzatura dell'ordine naturale, né deriva da uno sfruttamento indiscriminato delle risorse, da una violenza separativa e distruttiva dell'uomo nei confronti della natura. Anzi, questo sistema spregiudicato, dissennato, economicamente, socialmente e psicologicamente rovinoso è proprio la conseguenza del principio di competizione, che a sua volta si basa sull'idea errata che le risorse in natura siano scarse e che il principio regolatore della natura sia la scarsità e non l'abbondanza. Abbandonando la competizione con gli altri e realizzando in noi la consapevolezza che il potere creativo in noi stessi è illimitato, tutta l'infinita abbondanza dell'universo diventa nostra.
| Vedi di più >
Note legali