Categorie
Traduttore: L. Pignatti
Editore: Guanda
Collana: Le Fenici
Anno edizione: 2014
Pagine: 248 p., Brossura
  • EAN: 9788823507579
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,00

€ 12,00

Risparmi € 3,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lina

    21/03/2014 20:17:22

    purtroppo i riferimenti alla letteratura russa evocati dal titolo sono davvero esigui e, sebbene lo scavo psicologico dei personaggi sia notevole, il livello del romanzo è ben lontano dal capolavoro di Trevor UN GIOCO DA RAGAZZI.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    30/07/2013 08:00:34

    Forse «Reading Turgenev» (1991, a suo tempo pubblicato insieme a «My House in Umbria») è il miglior romanzo di Trevor fra quelli finora tradotti da Guanda, non a caso fu finalista al Booker Prize. Nel libro si intrecciano una componente bovarista e una beckettiana. Quella bovarista riguarda la psicologia di Mary Louise, pavida ragazzotta cattolica che sposa un uomo che ha il doppio della sua età solo perché «volevo vivere in città [e] credevo che nessun altro avrebbe voluto sposarmi» (p. 116). Questa unione nata male non fa che peggiorare a causa del dispotismo domestico delle due acidissime sorelle del marito, e così Mary Louise si ritaglia un mondo separato in cui il cugino Robert diventa l'equivalente dei due amanti di Emma Bovary, col valore aggiunto di morire presto e non poter così ostacolare la deriva schizofrenica della donna. Ma dall'altro alto c'è una componente beckettiana che spinge Mary Louise a fare in modo che la tana in cui si è rifugiata risulti sigillata abbastanza bene da evitare che il mondo esterno riesca a farla saltare. Perciò non c'è alcuna pulsione suicida; anzi, la dissociazione della donna diventa la barriera da lei usata per tenere a distanza l'orrore che la circonda e sopravvivere ai suoi nemici. Mancano così inutili eccessi patetici che sono invece presenti in altri romanzi di Trevor, e ne vien fuori un lavoro in cui la lettura è concepita come arma sia di difesa che di attacco.

  • User Icon

    Vale

    21/02/2013 08:00:26

    ben scritto ed emozionante. coinvolge così tanto che si impazzisce (o si rinsavisce?) insieme a mary louise, pagina dopo pagina.

  • User Icon

    cristina

    08/10/2012 08:36:26

    Sicuramente il titolo non è dei più accattivanti (tra l'altro la traduzione italiana rispecchia fedelmente l'originale). Un romanzo ben scritto, ironico e malinconico al tempo stesso, e ben sviluppato nella trama. La storia di un lento, dolce scivolare verso la follia, per amore, solo per amore. "Follia" è ciò che la gente intorno alla protagonista sentenzia senza appello. La condanna avviene: Mary Louise viene allontanata, rinchiusa, ma forse finalmente liberata. Un amore impossibile, a cui tornare con il pensiero fino a renderlo quasi vivo, e dentro cui salvarsi per sfuggire alla bruttezza del mondo. Inimitabili le due cognate della protagonista, buffe e ottusamente cattive come le sorellastre antipatiche di Cenerentola.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione