Leggi suntuarie e lusso femminile. La testimonianza di Ortensia

Daniela D'Elia

Anno edizione: 2018
In commercio dal: 13 marzo 2018
Pagine: 146 p.
  • EAN: 9788867353019
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Il presente lavoro delinea i tratti del cambiamento della condizione femminile a Roma tra III e I secolo a.C., avendo l'obiettivo di studiare la relazione tra tale cambiamento e le condizioni storico-sociali che lo favorirono. Si studierà la condizione femminile da un punto di vista giuridico e socio-economico, e si analizzerà l'iter che portò alla progressiva formazione della ricchezza e dei patrimoni femminili. Pertanto, il lusso, attraverso cui le donne romane esprimevano la loro femminilità, sarà il fil rouge di questa mia analisi a cavallo degli ultimi tre secoli della Repubblica romana. In particolare, sulla base delle fonti antiche, si vaglieranno due eventi esemplari di tale cambiamento: il primo, consistente nella protesta delle donne nel Foro romano per richiedere l'abrogazione della lex Oppia (215 a.C.), la quale ledeva gli ingenti patrimoni femminili in occasione della seconda guerra punica, e nel relativo dibattito che ne conseguì; il secondo, invece, verte su un importante editto triumvirale, teso a tassare e colpire la ricchezza femminile, il quale vide 1400 matrone scendere in piazza per difendere i propri patrimoni nel 42 a.C. Cifra peculiare di questo lavoro sarà l'analisi di una figura femminile che non solo le fonti antiche, ma anche la critica e gli studiosi moderni hanno trascurato: Ortensia Ortalo.

€ 11,48

€ 13,50

Risparmi € 2,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità: