Traduttore: F. Salvatorelli
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 5 novembre 2008
Pagine: 70 p., Brossura
  • EAN: 9788845923166
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 3,78
Descrizione
Né il marito, membro influente della colonia britannica di Singapore, né tanto meno l'avvocato pensano che sarà difficile far assolvere la bella Leslie Crosbie dall'accusa di omicidio: lei si è solo difesa da un tentativo di stupro. Ma qualcosa non va, e qualcuno ha in mano una lettera che potrebbe esserle fatale. Da questo racconto di sottile crudeltà (che lo stesso Maugham adattò per il teatro) sono stati tratti ben cinque film, fra cui lo splendido "Ombre malesi", di William Wyler (con Bette Davis e Herbert Marshall), che nel 1941 ricevette sei candidature agli Oscar - fra le altre, quelle per il miglior film e la migliore attrice protagonista.

€ 5,95

€ 7,00

Risparmi € 1,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marta

    22/09/2018 12:53:30

    Un racconto breve ambientato in Malesia, in cui colpisce la caratterizzazione dell'ambiente (i rapporti colonizzatori inglesi-locali, il razzismo, le relazioni tra pari). Da qui è stato tratto il film Ombre malesi, con una splendida Bette Davis nel ruolo della protagonista e che merita una visione, nonostante le significative differenze nel finale.

  • User Icon

    Valentina

    18/09/2018 02:14:13

    Racconto molto breve che si legge in un'oretta e che, a differenza di altre opere dello stesso autore, non mi ha coinvolto particolarmente: l'intreccio è prevedibile e non brilla certo per originalità; ma, soprattutto, manca l'approfondimento psicologico che si riscontra in altre opere del nostro. Quasi quasi è meglio il film con Bette Davis.

  • User Icon

    Egome

    20/10/2017 07:05:04

    Un 'giallo' degno di Hitchicock. In poche pagine una vicenda intricata, con la protagonista, Leslie, responsabile di un omicidio per leggittima difesa . Tutto apparentemente scontato e ovvio per dichararla innocente difronte alla legge. Di questo sono fermamente convinti il marito Crosbie e l'avvocato Joyce, amico di famiglia. Una lettera consegnata a Joyce, però, stravolge ciò che sembrava scontato, cambiando radicalmente la posizione de Leslie. Un racconto che si legge 'd'un fiato', avvincente. Bellissima (ma non facile da trovare) la versione cinematografica del 1940 con Bette Davis, film in cui lo stesso Maugham partecipa come sceneggiatore.

  • User Icon

    angelo

    15/02/2014 15:33:42

    Ingredienti: la determinazione di una moglie fedele, la brutalità di un dongiovanni ucciso per autodifesa, l'ingenuità di un marito innamorato, la curiosità di uno scrupoloso avvocato difensore. Consigliato: a chi vuole una storia di sapore diverso dagli ingredienti di partenza, a chi vuole una interessante trama da film entro sole 70 pagine di romanzo.

  • User Icon

    orsetto

    17/06/2012 12:59:26

    Che bello !Sembra di vedere sfilare davanti agli occhi il film di William Wyler : una regia da maestro!Ho letto questo libro perchè conosco tanti altri di questo autore e ho voluto provarne uno nuovo : non sono stata delusa , anzi , mi rammarico di averlo letto in pochissime ore tutto d'un fiato...Lo raccomando

  • User Icon

    stefano

    28/05/2010 09:07:07

    in poche pagine un romanzo che pare una sceneggiattura. Infatti ne è stato tratto un film. La velocità e i colpi di scena sono i pregi di questo particolare giallo giudiziario

  • User Icon

    patrizia balit

    25/01/2009 17:37:38

    Racconto breve e perfetto. Scrittura maestosa di Maugham. Noir da fumoir. Multa cum paucis.

  • User Icon

    claudio

    22/12/2008 10:20:01

    Ho letto poco, e nel passato, Maugham, ma dopo questo bellissimo racconto credo che cercherò in libreria altri suoi romanzi.

  • User Icon

    Loris

    03/12/2008 10:49:31

    Maugham e’ un narratore che ho conosciuto e amato nella dimensione del romanzo (‘Acque morte’ e ‘La luna e sei soldi’). Questo breve racconto ritorna sul tema della passione contrapposta alle convenzioni sociali, usando il consueto sfondo delle colonie britanniche nel sud-est asiatico. Lettura piacevole ed efficace, ma senza la ricchezza e la complessita’ della narrazione estesa.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione