Lettere slave e altri scritti

Giuseppe Mazzini

Curatore: G. Brancaccio
Editore: Biblion
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 175 p., Brossura
  • EAN: 9788890144493
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,64
Descrizione
Nel giugno del 1857, Mazzini pubblica su "l'Italia del Popolo" le "Lettere slave", rielaborazione del saggio 'On the Slavonian Movement', che Mazzini ha dato alle stampe nel 1847 sul "Lowe's Edinburgh Magazine", durante il suo esilio a Londra, contribuendo a rendere più effervescente il dibattito politico-culturale sul panslavismo, sul quale sono intervenuti uomini politici e intellettuali di vari paesi, tra cui Marx ed Engels. L'analisi di Mazzini, fondata sulla idea di patria e sul legame inscindibile tra il principio di nazionalità, l'aspirazione all'unità e l'indipendenza nutrita dai popoli europei senza Stato, si configura come una puntuale ed appassionata ricostruzione della storia dei popoli slavi e del coevo risorgere del loro spirito nazionale. Mazzini non si sofferma soltanto sulle sollevazioni politiche degli Slavi e sulla eroica resistenza armata da loro opposta agli oppressori, ma rivolge la sua attenzione al valore profetico-religioso della poesia nazionale, alla sua incidenza nella formazione della coscienza dell'identità nazionale ed al moto di ricupero della produzione letteraria del passato, dei canti popolari, dei piesmas, delle tradizioni etniche, degli usi, dei costumi e dei sistemi linguistici, messo in atto da intellettuali polacchi, russi, boemi, slovacchi, croati, serbi, dalmati e montenegrini. Nel saggio introduttivo Giovanni Brancaccio ripercorre le coordinate di fondo della vita dell'Esule, del suo pensiero e della sua azione politica.

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simonetta Pelusi

    22/04/2009 09:56:07

    E' una selezione degli scritti più importanti e rari di Mazzini che confermano la sua presenza attiva nel dibattito politico-culturale sul panslavismo, sul quale intervennero uomini politici e intellettuali di vari paesi, tra cui Marx ed Engels. L’analisi di Mazzini, fondata sull’idea di “patria” e sul legame inscindibile tra il principio di nazionalità, l’aspirazione all’unità e all’indipendenza nutrita dai popoli europei senza Stato, si configura come un’appassionata ricostruzione della storia dei popoli slavi e del coevo risorgere del loro spirito nazionale. In questi scritti Mazzini non si sofferma soltanto sulle sollevazioni politiche degli Slavi e sull’eroica resistenza armata da loro opposta agli oppressori, ma rivolge la sua attenzione al valore profetico-religioso della poesia nazionale, alla sua incidenza nella formazione della coscienza dell’identità nazionale ed al moto di ricupero della produzione letteraria del passato, dei canti popolari, delle tradizioni etniche, degli usi, dei costumi e dei sistemi linguistici, messo in atto da intellettuali polacchi, russi, boemi, slovacchi, croati, serbi, dalmati e montenegrini. Nel 1864 Mazzini, con Giuseppe Garibaldi, fu eletto socio della Società Letteraria Serba; ciò determinò l’immediata soppressione dell’istituto per volere del principe Michele Obrenovic’. Giovanni Brancaccio contestualizza gli scritti mazziniani dedicati al “problema slavo”, ponendo in risalto come il senso di solidarietà etico-politica verso i popoli slavi, senza essere mai disgiunto dalla “questione italiana” e dalla missione civilizzatrice affidata da Dio all’umanità.

Scrivi una recensione