Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 176 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il libro dei vulcani d'Islanda. Storie di uomini, fuoco e caducità
18,52 € 19,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+190 punti Effe
-5% 19,50 € 18,52 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
19,50 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
CPC SRL
19,50 € + 2,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
19,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,50 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
19,50 € + 8,10 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Koine
10,00 € + 4,70 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
19,50 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
CPC SRL
19,50 € + 2,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
19,50 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,50 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
19,50 € + 8,10 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Koine
10,00 € + 4,70 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Chiudi
Il libro dei vulcani d'Islanda. Storie di uomini, fuoco e caducità - Leonardo Piccione - copertina
Chiudi

Descrizione


Una raccolta di 47 storie legate in vario modo ad altrettanti vulcani, che spaziano dalle avventure dei primi colonizzatori dell'isola alle imprese di esploratori estremi, dalle antiche saghe norrene alle missioni della NASA nei canyon «lunari» degli altipiani interni, alternando scienza, poesia, cronaca e leggenda.

«Così è l'Islanda: un tentativo di convivenza forzata. Gli uomini non hanno intenzione di andarsene; i vulcani si astengono dal rivendicare il legittimo possesso dell'isola»

«Qui da noi ogni dieci anni in media compare una nuova montagna o un nuovo campo di lava a cui tocca trovare un nome. È il Paese stesso a renderci creativi.» Così lo scrittore Hallgrímur Helgason ha spiegato quella ricchezza letteraria e quel gusto del narrare che accompagnano l'intera storia d'Islanda, e che sono all'origine di questo libro. Una raccolta di 47 storie legate in vario modo ad altrettanti vulcani, che spaziano dalle avventure dei primi colonizzatori dell'isola alle imprese di esploratori estremi, dalle antiche saghe norrene alle missioni della NASA nei canyon «lunari» degli altipiani interni, alternando scienza, poesia, cronaca e leggenda. Il viaggio di William Morris nella mitica Snæfellsnes, il «match del secolo» tra Bobby Fischer e Boris Spassky nella Reykjavík del '72, il mistero che avvolge la spedizione Von Knebel nel cratere di Askja si affiancano all'epopea dello schiavo caraibico che divenne il primo islandese nero della storia, alle attuali sfide dei vulcanologi per prevedere le eruzioni, allo studio dei tunnel di lava che potrebbero aprirci una strada verso Marte. «Il libro dei vulcani d'Islanda» è un viaggio curioso intorno all'unicità geologica di un'isola che conta trenta diversi sistemi vulcanici attivi, di tutte le tipologie conosciute. È il ritratto di un Paese che è «un esperimento, prima naturale e poi umano», e che per questo ha attirato attraverso i secoli studiosi, avventurieri e poeti, diventando un bacino inesauribile di storie. Grandiosi protagonisti o impassibili spettatori delle vicende narrate, signori di una terra in cui il creato si crea, si distrugge e si trasforma ogni giorno, i vulcani ci ricordano che il suolo su cui camminiamo non è eterno, che non c'è eternità negli sforzi umani, nell'arte e nella scienza. Ma al tempo stesso ci offrono un contatto vivido con la «creazione», con l'imprescindibile guerra tra gli elementi che è all'origine della vita sul nostro pianeta, e racchiudono forse la nostra via d'accesso all'universo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
23 gennaio 2019
381 p., ill. , Brossura
9788870915624

Valutazioni e recensioni

4,58/5
Recensioni: 5/5
(12)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(8)
4
(3)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Paolo
Recensioni: 5/5
Vulcani e non solo

Bellissimo libro delle edizioni Iperborea che narra la storia dell' Islanda attraverso le storie e le leggende nate intorno agli innumerevoli vulcani dell' Isola.

Leggi di più Leggi di meno
giulia
Recensioni: 4/5
da provare!

Parto col dire che la grafica di questo libro mi ha lasciata senza parole, davvero ben fatta e super ammirevole. In sè il volume riporta 50 storie legate a questi 50 vulcani islandesi; alcune sono super belle, altre carine, poche invece le ho trovate noiose ma sarà una cosa mia immagino. Per il resto è stato super bello scoprire tantissimi aspetti di questo paese. Da leggere assolutamente se state programmando un viaggio in islanda!

Leggi di più Leggi di meno
Gabriele Della Torre
Recensioni: 3/5

Un altro viaggio in quest'isola fantastica e al limite del possibile.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,58/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(8)
4
(3)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

«L’Islanda è una malattia», è uno degli avvertimenti che la voce narrante de Il libro dei vulcani d’Islanda (381 pagine, 19,50), pubblicato da Iperborea, raccoglie durante i suoi viaggi di esplorazione e ricerca nell’isola del grande nord nata, e ancora in corso di assestamento, dalla meraviglia geologica che ha plasmato la terra stessa sulla quale viviamo noi, “continentali”. Ammalarsi di Islanda significa essere stregati, ammaliati dal fascino immenso delle forze della natura che regolano l’esistenza, la morfologia e gli accadimenti geologici dell’isola. Così è accaduto a Leonardo Piccione, che da questo amore viscerale per la terra d’Islanda ha dato vita a un libro ibrido, atlante di vulcani e storie insieme, prontuario per l’esplorazione dei tanti riflessi della materia viva sulle mitologie e sui simboli di uno dei luoghi del pianeta dove le forze primordiali della creazione hanno lasciato uno spioncino per essere ancora guardate, ammirate, studiate.

“L’amore […] che uno può provare nei confronti di un luogo come l’Islanda, credo confini con due sentimenti in particolare: la solitudine e la paura”, scrive ancora l’autore illustrando il lavoro di ricerca svolto per costruire il libro. La misteriosa eppure forte attrazione per l’Islanda non si spiegherebbe senza il suo paesaggio, senza la vitalità di una natura che sovrasta l’uomo e gli ricorda in ogni istante la sua fragilità. Ogni anno la terra islandese cambia, viene erosa, scompare e ricompare sotto forma di nuova materia, che allarga l’isola, ne mette a nudo l’ossatura ancora in via di sviluppo. È un processo costante, dove il meteo si trasforma inaspettatamente rivoluzionando le previsioni, dove tutto diventa quel che non ci si aspettava, perché “l’Islanda educa al rinvio e al cambio di programma, sbatte in faccia ai suoi abitanti la materialità della variabile tempo”. Ecco perché ogni islandese convive con una ricerca incessante di compromessi per vivere la propria terra, una terra che non è mai ferma ma si modifica, cresce, cambia mentre la vita si svolge. “L’intera isola è un qui e ora geologico ed esistenziale insieme” secondo Piccione, che rintraccia proprio nell’essenza dei vulcani il proprio attaccamento per la terra d’Islanda. Vulcano, spiega infatti, è una parola italiana che deriva da un dio romano ed è anche un’isola siciliana, proprio come Stromboli, l’altro vulcano italiano citato ricordando Jules Verne e l’uscita dal tunnel geologico del suo viaggio straordinario al centro della terra.

Difficile, se «i vulcani sono la manifestazione più evidente dell’inquietudine del creato», costruire una sistematica guida ai vulcani di un’isola così irrequieta. Ma è quel che fa Piccione in questo libro, unicum di Iperborea, un fuori collana che coniuga insieme storie e mitologie nordiche e approfondimenti scientifici e letterari. Trenta i sistemi vulcanici attivi, di diverse tipologie e con altrettante forme di crateri, colate laviche o uscita di lapilli, gas, correnti calde. L’atlante si snoda tra aree geografiche dell’isola, vulcano dopo vulcano, ciascuno con una dettagliata scheda di presentazione che ne racconta il nome e l’etimologia, l’altitudine, l’ultima eruzione – variabile da secoli avanti Cristo fino a pochi anni fa – il tipo di eruzione e l’attività corrente, nonché i possibili impatti concreti di un’eruzione e i rischi collegati, fino a indicare da un lato i tratti caratteristici e particolari del vulcano, dall’altro un esergo capace di foraggiare l’immaginario, per documentarsi e insieme conoscere, scoprire e insieme andare un po’ oltre. Si inizia da subito, dall’appendice al libro che non a caso è titolata «camera magmatica», e contiene ulteriori informazioni raccolte durante le estese ricerche dell’autore su ogni vulcano citato nel testo.

Se l’Islanda sembra essere un libro di geologia a portata di studiosi, scienziati e ricercatori, è innegabile il profilo letterario che da sempre connota questo luogo con la sua terra di ghiaccio e fuoco, nuvole che possono farsi di madreperla e storie di astronauti americani sbarcati sull’isola prima dell’allunaggio, di canyon rossi di lava, e ancora saghe e mitologie, vicende di ricercatori stranieri, guide, marinai che non sanno nuotare, successi sportivi e scoperte geologiche, estinzioni e imprese per raffreddare la lava, orchestre che riproducono il suono del vulcano e visionari cercatori in terra dell’inferno dantesco. Impossibile non fare riferimento al dialogo leopardiano tra la natura e l’islandese, e altrettanto ovvio il riferimento a Jules Verne: perché il viaggio al centro della terra, della sua essenza universale, misteriosa quanto affascinante, inizia nel romanzo dello scrittore di avventure proprio dall’Islanda, l’isola dei vulcani dove le attività letterarie – leggere, scrivere, immaginare – sono da sempre l’unica attività culturale costantemente praticata. Dove altro, se non in Islanda, e per mano di un italiano, poteva nascere un libro dei vulcani?

Recensione di Alessandra Chiappori

 

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Leonardo Piccione

1987, Murgia barese

Dopo un dottorato in Scienze statistiche ha pensato fosse il momento di affiancare ai numeri le parole. Autore di reportage narrativi e sportivi per diverse testate cartacee e digitali, coltiva da anni un rapporto d’elezione con l’Islanda, di cui ha approfondito la natura e la cultura, maturando l’idea di questo libro. Attualmente si divide tra Corato e Húsavík, dove, mentre attende che un vulcano erutti, collabora con il Museo dell’Esplorazione. Tra le sue pubblicazioni: Il libro dei vulcani d'Islanda (Iperborea 2019).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore