Il libro rosso. Liber novus. Ediz. illustrata

Carl Gustav Jung

Curatore: S. Shamdasani
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 11 novembre 2010
Pagine: 371 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788833920948

17° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Psicologia - Teoria psicologica e scuole di pensiero - Psicologia analitica e junghiana

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 204,00

€ 240,00

Risparmi € 36,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

204 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    jimmi

    23/09/2018 08:00:04

    Il libro rosso è un'esplorazione, forse non per tutti anche per via del prezzo di una certa importanza, dei mondi interiori del sè di Jung. Per un breve periodo limitato della sua vita, Jung ha dialogato con i suoi spiriti guida ed essi gli hanno mostrato come entrare in contatto realmente con il suo sè più profondo. Il libro è una sorta di cronaca di questi viaggi, corredata da riproduzioni di tele fatte a mano, che ci mettono in contatto con l'ampienzza di questo mondo dello spirito che l'autore si porta dentro. Il risultato è stupefacente, anche solo vedere le immagini del libro tocca qualcosa dentro che le parole non riesco ad esprimere. Si crea come una sorta di comunicazione da anima ad anima che non lascia indifferenti e che vale davvero la spesa per la sua bellezza.

Scrivi una recensione

Il libro-evento dell’anno. Il manoscritto rimasto segreto per ottant’anni in cui Carl Gustav Jung mette a nudo la sua anima. Un volume prezioso arricchito da splendide tavole illustrate.

Jung lavorò al Libro rosso dal 1913 al 1930 e ancora in tardissima età lo definì l’opera sua capitale in cui aveva deposto il nucleo vitale e di pensiero della sua futura attività scientifica. Eppure, non volle mai autorizzarne la pubblicazione, e dopo di lui anche gli eredi si attennero alla consegna.
Così solo oggi, a ottant’anni dalla sua conclusione e a mezzo secolo dalla morte del suo autore, questo testo straordinario esce dal caveau della banca svizzera in cui era conservato.

Il Libro rosso è, a tutti gli effetti, il libro segreto di Jung, scrigno privato di un’anima che li si cela nella sua nudità, e che un comprensibile pudore ha inteso proteggere da sguardi curiosi, e si situa al centro di una straordinaria sperimentazione artistica e psicologica che ne fa un unicum nel panorama novecentesco.

Quella che Jung chiamerà più tardi “immaginazione attiva”, è appunto lo strumento inedito di cui egli si servì, nel corso della sua “discesa agli inferi”, per suscitare i contenuti archetipici della psiche e oggettivarli attraverso il dialogo interiore, la scrittura, la pittura, la scultura.
Il Libro rosso è a tutti gli effetti un libro d’arte di superiore qualità, e volutamente prezioso: perché messo al servizio di un progetto esistenziale il cui scopo è il compimento del proprio mito personale, la rappresentazione simbolica di un significato esistenziale che è e deve rimanere segreto, l’automanifestazione della Vita entro una vita.

"E’ importante - scrive Jung - avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo che, per certi aspetti, è misterioso; che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili. Solo allora la vita è completa".

Il libro è la riproduzione in facsimile del volume calligrafico originale, con traduzione del testo e apparti di commento. Formato 29,4 x 39 cm. con 212 tavole illustrate a colori.