La linea del colore - Igiaba Scego - ebook

La linea del colore

Igiaba Scego

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 9,29 MB
Pagine della versione a stampa: 384 p.
  • EAN: 9788858785409
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quanti di noi scendendo oggi da un treno a Roma Termini ricordano i Cinquecento cui è dedicata la piazza antistante la stazione? È il febbraio del 1887 quando in Italia giunge la notizia: a Dògali, in Eritrea, cinquecento soldati italiani sono stati uccisi dalle truppe etiopi che cercano di contrastarne le mire coloniali. Un'ondata di sdegno invade la città. In quel momento Lafanu Brown sta rientrando dalla sua passeggiata: è una pittrice americana da anni cittadina di Roma e la sua pelle è nera. Su di lei si riversa la rabbia della folla, finché un uomo la porta in salvo. È a lui che Lafanu decide di raccontarsi: la nascita in una tribù indiana Chippewa, lo straniero dalla pelle scurissima che amò sua madre e scomparve, la donna che le permise di studiare ma la considerò un'ingrata, l'abolizionismo e la violenza, l'incontro con la sua mentore Lizzie Manson, fino alla grande scelta di salire su un piroscafo diretta verso l'Europa, in un Grand Tour alla ricerca della bellezza e dell'indipendenza. Nella figura di Lafanu si uniscono le vite di due donne afrodiscendenti realmente esistite: la scultrice Edmonia Lewis e l'ostetrica e attivista Sarah Parker Remond, giunte in Italia dagli Stati Uniti dove fino alla guerra civile i neri non erano nemmeno considerati cittadini. A Lafanu si affianca Leila, ragazza di oggi, che tesse fili tra il passato e il destino suo e delle cugine rimaste in Africa e studia il tòpos dello schiavo nero incatenato presente in tante opere d'arte. Igiaba Scego scrive in queste pagine un romanzo di formazione dalle tonalità ottocentesche nel quale innesta vivide schegge di testimonianza sul presente, e ci racconta di un mondo nel quale almeno sulla carta tutti erano liberi di viaggiare: perché fare memoria della storia è sempre il primo passo verso il futuro che vogliamo costruire.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,6
di 5
Totale 5
5
3
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ElenaP

    11/09/2020 20:11:56

    Due storie che si intersecano. L’autrice oltre a narrare la vita di una americana che nei primi anni del ‘900 raggiunge l’Italia per trovare la libertà, racconta l’odierna e contraria vicenda di chi tenta di raggiungere l’Italia e l’Europa senza farcela o seppur riuscendoci, rimane incagliato in un paese che non è più in grado di aiutare nessuno. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Elena8573

    02/09/2020 10:22:02

    La linea del colore di Igiaba Scego Ed.Bompiani Quanto sono importanti le sfumature nelle parole, come basta poco per definire un destino ineluttabile qualcosa invece di voluto dall’uomo. Provate a cambiare la parola schiavo in schiavizzato e vedrete che all’improvviso ciò che sembrava un fattore naturale connaturato a quella persona, diventa una azione volontaria di chi utilizza il potere. Questo libro è bellissimo, in questi giorni di grande tormento sul nostro destino, è riuscita, la scrittrice e il suo meraviglioso personaggio, Lafanu Brown, a conquistarmi con la sua storia. In una Roma ottocentesca che conserva ancora un anelito di spirito imperiale, vive l’americana Lafanu, pittrice talentuosa, donna ferita ma non piegata dalle atrocità. Il romanzo inizia con la strage degli italiani a Dogali in Eritra e da lì si dipana in Italia, America, Inghilterra, torna in Africa e intreccia tutto, passato e presente perché niente è separato dal resto Consigliatissimo!!

  • User Icon

    Giulia

    11/05/2020 20:23:43

    La linea del colore è una di quelle storie che ti fanno bene e male allo stesso tempo, in cui l’empatia è forte, come forte è la rabbia che provi leggendo. ⠀ Lafanu e Leila sono le due voci narranti, divise dai secoli (Lafanu è un personaggio che vive nell’Ottocento, mentre Leila vive nel nostro secolo), ma accomunate dal colore della pelle e dalla voglia di avere voce in capitolo in una società che troppo spesso le limita. ⠀ Tra le due, Lafanu risulta la più caratterizzata e la più descritta. È lei la protagonista indiscussa, e l’empatia verso questo personaggio è quasi instantanea: sembra di averla davanti, di conoscerla bene, di esserle amica. ⠀ Lafanu vuole evadere dalla prigione di scherni e pregiudizi, vuole essere libera, indipendente, vuole esplorare il mondo e vuole coltivare la sua passione per l’arte. Il percorso che intraprende è simile a quello che altre donne (realmente esistite e a cui l’autrice si è ispirata) hanno intrapreso, ed è un percorso che sento di aver intrapreso anche io insieme a Lafanu. ⠀ Questa storia mi è piaciuta proprio tanto: è pervasa di delicatezza, ma allo stesso tempo di un’immensa forza e determinazione. Lo stile di Igiaba Scego calza a pennello con quanto viene raccontato, non risultando mai pesante nonostante l’importanza dei temi affrontati. ⠀ Se siete sensibili alle tematiche del razzismo, migrazione e solidarietà, questo è un libro che non vi deluderà. Ve lo consiglio con tutto il cuore, oggi come non mai è necessario leggere romanzi come questo.

  • User Icon

    paola

    11/05/2020 14:56:29

    interessante e ben scritto. Bello il parallelo della situazione del razzismo in America con i migranti di oggi

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    07/04/2020 14:25:13

    La Linea del Colore è una storia di libertà, la storia di Lafanu Brown, artista di colore del diciannovesimo secolo. Una donna che ha viaggiato da sola quando il viaggio per le donne in generale, ed in particolare per quelle di colore, non era consentito. Una donna che si è fatta da sè contro ogni stereotipo di donna del momento. Attivista, pittrice ma soprattutto anticipatrice della modernità, soffrendo ma resistendo ai colpi della vita. Dalle capanne di una tribù indiana, agli States benpensanti pre guerra di secessione, da Londra a Roma, neo capitale di una fragile Italia riunificata, scorre una vita appassionata che sfida le regole del tempo pur incassando spregio, razzismo ed una furiosa violenza discriminatoria. Una storia ambientata in altri tempi ma che parla ai nostri tempi per l’attualità degli argomenti.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
Note legali