La logica contro l'uomo. Il mito della scienza e la via del pensiero

Massimo Scaligero

Editore: Tilopa
Anno edizione: 1991
Pagine: 280 p.
  • EAN: 9788886222273
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 17,10

€ 18,00

Risparmi € 0,90 (5%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Firemind

    26/09/2017 20:43:53

    Viene mostrato come il tentativo della moderna scienza analitica di fondare le basi della conoscenza, senza coscienza della REALTA' del pensiero, risulti fallimentare. Nella seconda parte vengono poi sviluppate le basi gnoseologiche di un nuovo orientamento scientifico. L'autore si trova però in una posizione difficile. Egli sperimenta direttamente che cos'è il pensiero, lo percepisce chiaramente, in modo vivido, lo può contemplare nella sua realtà così come si può contemplare un colore. Normalmente però, non è così, per l'uomo comune, come per lo scienziato e il filosofo; si tende quindi a considerare i pensieri astratti e senza realtà. Questo avviene perché certo si "usa" il pensiero, ma rivolgendo l'attenzione sulla cosa pensata senza potersi accorgere di esso, senza poterlo percepire in modo vivido; un po' come se si usasse un'aspirapolvere invisibile e si vedessero solo le briciole che scompaiono, vedendo solo gli effetti e non ciò che li causa. Il fatto difficile da afferrare, è che, chi vede oltre le aspirapolveri anche il solitamente invisibile pensiero, non troverà per nulla fuori luogo questo paragone, con l'unica differenza che le aspirapolveri invisibili non esistono, mentre il pensiero invisibile sì (come ne è un segno il fatto che la moderna filosofia del linguaggio neghi l'esistenza al pensiero, come qualcosa di diverso dal linguaggio). Dunque, si può "spiegare" fino ad un certo punto la realtà del pensiero se lo si sperimenta solo spiaccicato nelle parole senza poterne concepire un'esistenza autonoma. Se Scaligero si limitasse a spiegare, potrebbe essere capito solo fino ad un certo punto. Così, descrive anche un metodo pratico per "sperimentare" in modo sempre più intenso la realtà del pensiero, ciò che ci permette di giungere a qualsiasi conoscenza: propone una "Via del Pensiero". Che in seguito conduce a Qualcosa che è molto di più di ciò che solitamente chiamiamo "pensiero"...

Scrivi una recensione