Lolita - Giulia Arborio Mella,Vladimir Nabokov - ebook

Lolita

Vladimir Nabokov

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Giulia Arborio Mella
Editore: Adelphi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,19 MB
Pagine della versione a stampa: 395 p.
  • EAN: 9788845972928
Salvato in 57 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sarebbe difficile, per chi non ne è stato testimone, immaginare oggi la violenza dello scandalo internazionale, per oltraggiata pruderie, che "Lolita" provocò al suo apparire nel 1955. E tale è l’abitudine alla sciocca regola secondo cui ciò che fa chiasso è inevitabilmente sprovvisto di una durevole qualità letteraria, tanta era allora l’ignoranza dell’opera di Nabokov che solo pochi capirono quel che oggi è un’evidenza dinanzi agli occhi di tutti: "Lolita" è non solo un meraviglioso romanzo, ma uno dei grandi testi della passione che attraversano la nostra storia, dalla leggenda di Tristano e Isotta alla Certosa di Parma, dalle canzoni trobadoriche ad Anna Karenina. Ma chi è Lolita? Questa «ninfetta» (geniale invenzione linguistica di Nabokov, poi degradata nell’uso triviale, quasi per vendetta contro la sua bellezza) è la più abbagliante apparizione moderna della Ninfa, uno di quegli esseri quasi immortali che furono i primi ad attirare il desiderio degli Olimpi verso la terra e a invadere la loro mente con la possessione erotica. Perché chiunque sia «catturato dalle Ninfe», secondo i Greci, è travolto da una sottile forma di delirio, lo stesso che coglie l’indimenticabile professor Humbert Humbert per la piccola, intensamente americana Lolita. America, Lolita: questi due nomi sono di fatto i protagonisti del romanzo, scrutati senza tregua dall’occhio inappagabile di Humbert Humbert e di Nabokov. Realtà geografica e personaggio sono arrivati a sovrapporsi con prodigiosa precisione, al punto che si può dire: l’America è Lolita, Lolita è l’America. E tutto questo, come solo avviene nei più grandi romanzi, non è mai dichiarato: lo scopriamo passo per passo, si potrebbe dire miglio per miglio, lungo un nastro senza fine di strade americane punteggiate di motel. "Lolita" apparve per la prima volta in inglese nel 1955 e solo dodici anni più tardi nella versione russa dello stesso Nabokov.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,47
di 5
Totale 258
5
167
4
60
3
19
2
8
1
4
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    rosa

    19/10/2020 08:12:20

    Un grande classico della letteratura! La trama è avvincente e la storia raccontata è complessa, porta a riflettere. Libro da leggere assolutamente!

  • User Icon

    Pamela T

    18/09/2020 22:41:33

    Ho trovato interessante solo la prima parte del libro. Speravo di imbattermi in un capolavoro, ma leggendo pagina dopo pagina il racconto, un senso di noia e pesantezza mi ha indotta a non completarne la lettura. Forse, un giorno, gli darò un'altra possibilità.

  • User Icon

    Giulia

    31/08/2020 13:29:49

    Senza dubbio un classico che merita di essere letto, ma non mi ha convinta fino in fondo, forse avevo aspettative troppo alte in partenza. Libro moderno per scrittura e tematiche. Nel complesso, lo consiglio.

  • User Icon

    Mary88

    04/08/2020 10:40:03

    La storia non è per tutti, è molto forte.. La scrittura, però, è un capolavoro

  • User Icon

    Franci

    20/07/2020 09:10:34

    Speravo di imbattermi nel capolavoro decantato da tutti, ma non si è rivelato tale per me. Non è per il tema, non mi ha scandalizzato e soprattutto credo che la letteratura debba essere libera e non fermarsi davanti a remore morali. Non so per quale motivo, ma non mi ha catturato. Lo stile di Nabokov è scorrevole senza dubbio. Peccato.

  • User Icon

    taty

    16/07/2020 10:49:48

    E' un libro difficile da recensire. Scritto in maniera sublime, definizione del personaggio principale perfetta, toccante. La dinamica della storia mette i brividi, è toccante, in alcuni punti non si vorrebbe continuare. Ma la scrittura è pazzesca, ipnotica, trascina il lettore nella follia, nell'attaccamento morboso del protagonista per Lolita. libro pazzesco

  • User Icon

    Denise

    07/07/2020 16:36:53

    Per quanto possa essere disgustoso che un uomo possa avere pensieri simili su una ragazzina, il nostro Humbert riesce a coinvolgerti. Come ho già detto, è disgustoso ma allo stesso tempo è molto intenso. Descrive nei particolari Lolita in una maniera che sotto un certo aspetto diventa anche molto erotico. Un grande classico che merita di essere letto!

  • User Icon

    Ilaria

    01/07/2020 14:54:30

    Nonostante sia un classico, non è facile da apprezzare a pieno. Nell'immediato mi sono appassionata, in certi punti ero disgustata dal protagonista, in altri arrabbiata con lui, in altri ancora provavo pena. Tutto questo per farvi capire che il libro è stato estremamente molto coinvolgente, anche se di difficile comprensione.

  • User Icon

    GiuliAna

    17/06/2020 13:58:16

    Un classico della letteratura, Lolita è un capolavoro indiscusso che va assaporato e analizzato secondo il racconto del narratore/protagonista. A tratti tenero, a tratti odioso nonché patetico, Lolita rimane uno dei libri scritti con una penna memorabile in una forma perfetta. Romanzo coinvolgente e "spietato", da leggere assolutamente.

  • User Icon

    julie_books_music

    09/06/2020 20:07:24

    Una storia disturbante, non facile da leggere ma una scrittura sublime.

  • User Icon

    paola

    17/05/2020 21:44:55

    Un classico da leggere almeno una volta nella vita, disturbante ma allo stesso tempo travolgente. Molto scorrevole, anche per chi non è un lettore incallito.

  • User Icon

    Jessica

    17/05/2020 21:39:25

    Un libro che avevo nella libreria da diversi mesi. L'ho letto e mi è piaciuto,ma ammetto che è un romanzo difficile da digerire. È un'analisi psicologica di una deviazione sessuale, il narratore cerca in tutti i modi di persuadere colui che legge. Una lettura che mi ha segnata inevitabilmente soprattutto per la storia di Lolita L' Autore è straordinario! Romanzo che merita di essere letto

  • User Icon

    Pierre90

    17/05/2020 10:31:20

    È un libro recensito mille volte e mille volte meglio di quanto potrei far io. Ho trovato però geniale la spirale narcisistica del nostro odiato narratore. Le sue descrizioni non ci permettono di conoscere minimamente Lolita, che rimane per tutti i lunghi capitoli una maschera piatta, un oggetto, un pupazzo a molla. Il suo giocattolo preferito. Perché lui non la comprende, neanche ci prova, perché mai dovrebbe? Di conseguenza ci rimane con frustrazione eternamente estranea. Siamo dalla sua parte, lontani mille miglia.

  • User Icon

    giulysutra

    16/05/2020 15:26:15

    Un'opera da molti definita scandalosa. Un libro sempre attuale, pur risalendo a ottanta anni fa. Questo è Lolita! La storia della relazione tra il patrigno di mezza età proveniente dall'Europa e la sua figliastra dodicenne americana. Una narrazione in cui i due protagonisti si alternano nei ruoli di vittima e carnefice. Pagina dopo pagina l'equilibrio nella relazione tra i due subisce rapide alterazioni. Il punto di vista del patrigno rappresenta il filo conduttore della narrazione e testimonia il susseguirsi di stati d'animo, avvicinamenti e allontanamenti nei confronti della giovane Lolita. Consiglio la lettura a tutti coloro che sono disposti ad aspettare la fine del libro per giudicarne i protagonisti, senza partire da preconcetti

  • User Icon

    sb

    15/05/2020 20:39:20

    Uno dei miei libri preferiti, se non il mio preferito. Un capolavoro che tutti dovrebbero leggere.

  • User Icon

    Sara

    15/05/2020 17:43:31

    Un romanzo molto intenso, bellissimo.

  • User Icon

    Leonardo

    15/05/2020 14:17:15

    Vladimir Nabokov e Humbert Humbert raccontano una tragedia mascherata da commedia, la storia di un amore malsano, impossibile, indigesto, feroce, passionale, una storia di pedofilia che sconvolge anche a sessant'anni di distanza per la voce potente con cui é narrata. Nabokov rende immortale la Letteratura, in un romanzo che gioca con il lettore e con se stesso, che disturba e divora, che innalza al paradiso e nella grettezza umana.

  • User Icon

    Chiara

    15/05/2020 13:53:07

    Davvero un capolavoro

  • User Icon

    terzopianodipassaggio

    15/05/2020 00:09:08

    nabokov ha una prosa così elegante, descrittiva e magnetica, che potrebbe raccontarci perfino la peggiore delle atrocità senza che un lettore si possa staccare dalle sue pagine. con lolita, in effetti, lo ha dimostrato. è una storia difficile, perchè racconta di un uomo quarantenne che rapisce e stupra una ragazzina di circa dodici anni. eppure, con la sua ironia beffarda e il suo stile letterario, nabokov ci rapisce e racconta la sua storia, che si dipana in un viaggio on the road attraverso gli stati uniti. senza nessuno scopo, come lui stesso ammette, con il solo scopo di raccontare una storia e tradurla in opera d'arte. e il risultato è semplicemente perfetto.

  • User Icon

    sonocosindie

    14/05/2020 23:10:24

    Libro controverso. Il protagonista, voce narrante della storia, descrive minuziosamente ogni dettaglio delle sue esperienze sessuali sin dalla sua prima ragazza, una ' Lolita' per l'appunto. Per quanto il protagonista sia privo di empatia, ti trascina nel suo racconto, incuriosendoti sempre di piú pagina dopo pagina. Il modo in cui descrive le ninfette mi ha turbata, quando per la prima volta in un autobus in Lituania me ne si è palesata una davanti. La storia in sé è squallida e riprovevole, ma è narrata in modo sublime.

Vedi tutte le 258 recensioni cliente
  • Vladimir Nabokov Cover

    Vladimir Vladimirovic Nabokov nacque da una famiglia della vecchia nobiltà russa che, dopo la rivoluzione del 1917, emigrò in Occidente. Completati gli studi a Cambridge, visse in Inghilterra, Francia e Germania, acquistando, con i suoi primi scritti in russo, sotto lo pseudonimo di «Sirin», vasta notorietà nell’ambiente dei suoi compatrioti emigrati. Nel 1940 si trasferì negli Stati Uniti, dei quali cinque anni dopo prese la cittadinanza. Da allora scrisse in inglese e tradusse in questa lingua alcune delle sue opere precedenti. Per undici anni insegnò Letteratura Russa alla Cornell University di Ithaca; negli ultimi anni visse in Svizzera, a Montreux, alternando l’attività letteraria alle sue appassionate ricerche di... Approfondisci
Note legali