Categorie

Martin Amis

Traduttore: R. Carano
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 630 p. , Brossura
  • EAN: 9788806192020

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    GiorgioP

    18/03/2016 16.20.25

    E' il primo libro di Martin Amis che ho letto. Ammetto di essere rimasto molto deluso anche se l'idea della "cronaca diretta" ha un certo fascino. Resta comunque una lettora molto faticosa.

  • User Icon

    alfonso

    11/04/2012 12.35.01

    Chissà rileggendolo adesso, ma all'epoca era da 5/5 (che non equivale a 10)

  • User Icon

    Patroclo

    25/11/2009 17.38.43

    Amis ha qui cercato di scrivere il suo romanzo "totale" e definitivo, mettendo al centro della narrazione Londra e la solita (per lui) torma di personaggi dal nome "che indirizza". alcune pagine sono eccellenti, da altre parte si eccede in lungaggini che un pó appesantiscono

  • User Icon

    gianni

    30/06/2009 11.42.31

    Questo libro mi è piaciuto, anche se a mio parere non è il miglior libro di Amis. La scrittura è quella solita e tipica di Amis, molto ironica e pungente. La storia ruota attorno a personaggi estremizzati, quasi stereotipi di personaggi del ventesimo secolo: ecco che abbiamo il macho, truffatore, donnaiolo, aspirante giocatore di freccette professionista; il benestante, ingenuo, buon padre di famiglia, ma sopraffatto dal figlio Marmaduke; la femme fatale, non bellissima ma dotata di estremo fascino, incantatrice e traditrice, che riesce a fare credere agli uomini quello che vuole. Attorno a questi tre protagonisti principali ruota la storia che si dipana per le otre 600 pagine del romanzo. Il piano della trama è già chiarito dopo le prime pagine: vi è la vittima e vi è il carnefice. La lettura del libro mi è risultata scorrevole anche se a volte un po’ troppo caotica.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione