Lontano dal pianeta silenzioso

Clive S. Lewis

Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 202 p., Brossura
  • EAN: 9788845925870
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Lontano dal pianeta silenzioso" racconta l'avventura di Elwin Ransom, professore di filologia in vacanza, che due scienziati rapiscono per un loro losco disegno e trasportano sul pianeta Malacandra. Sfuggito ai rapitori il giorno stesso dello sbarco, solo in un mondo dalle tinte di acquerello, dove le foreste sono labirinti di fragili steli violetti alti dodici metri, Ransom incontra Hyoi, del popolo dei hrossa, agricoltori e poeti dal nero corpo lucente, e gli altri abitanti del pianeta: gli altissimi e sapientissimi sorn e i pfifltriggi simili a ranocchi, maestri di tutte le arti della pietra e del metallo. Scoprendo, con il loro aiuto, i segreti del pianeta Malacandra, Ransom scoprirà anche il segreto della Terra, il "pianeta silenzioso" che da millenni ha cessato di conversare con gli altri mondi.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elia

    20/09/2018 07:43:50

    Come già notava Tolkien, questa storia, primo capitolo della trilogia "cosmica", nasconde in sé un potenziale ben più grande di un semplice racconto scritto bene; è anzi un testo dalle spesse venature filosofiche, le quali inducono il lettore ad uscire più volte dal tema narrativo proseguendo l'avventura del protagonista, Elwin Ransom, sulle terre della riflessione morale.

  • User Icon

    Giovanni

    17/09/2018 18:59:31

    Sono da sempre un grande fan di Narnia, e quando ho scoperto questo libro è stata una rivelazione! Lewis ha un approccio alla fantascienza che ancora oggi risulta inconvenzionale. Fiabesco, immersivo e, come è tipico di questo autore, ricchissimo di riflessioni profonde.

  • User Icon

    luciano

    17/09/2016 17:14:50

    Elwin Ransom, filologo a Cambridge,di età tra i trentacinque e i quarant'anni, è rapito da Devine e Weston, due individui avidi e spregevoli, e viene portato, su un'astronave, dal pianeta Terra al pianeta Malacandra (Marte). Ransom, una volta sul pianeta, sfugge ai suoi rapitori, ha paura e nonostante sia convinto di essere " tutt'altro che un eroe" affronta, da solo, gli abitanti di Malacandra e impara i rudimenti della loro lingua. Quando la paura lo assale si dedica alla preghiera, è cristiano, e ben presto impara " ad arrestare la mente, lasciando che i pensieri vi passino sopra come onde". Il suo primo incontro è con un " Hross", " una cosa nera, rotonda e lustra come una palla di cannone". Ben presto tra di loro nasce una profonda amicizia e Ransom si sente uno di loro e " non avverte più come un ostacolo quella diversità". Sia lui che gli " hrossa" sono accomunati dalle stesse ansie, dagli stessi timori, ma i malacandriani non conoscono la guerra, le armi, la cupidigia, il denaro, l'invidia e l'egoismo, non hanno paura della morte; conoscono l'amore perché " sono stati creati così da Meleldil", Dio Unico dei Cieli. Ciò fa dire a Ransom che noi umani " siamo tutti una razza distorta. Siamo venuti a portare il male su questo pianeta", perché il pianeta Terra è dominato dal Distorto " la cui mente è rivolta alla rovina di altri mondi oltre che del suo". Ed è per questo che Maleldil lo ha scacciato dai cieli " incatenandolo entro l'atmosfera del mondo" e, dal quel momento, della Terra, nei cieli non si sa più nulla; è diventato il pianeta silenzioso.

  • User Icon

    Paola Dall' Aglio

    05/01/2014 18:54:21

    MAGNIFICO! E' diverso tempo che ho letto questo primo volume e ne sono rtimasta affascinata, turbata, meravilgliata, commossa. Ho dato un lungo tempo al tempo prima di scrivere un umile commento per un' opera che ritengo di grande pregio : elegante nella scrittura, rilevante nei contenuti, e meravigliosamente attuale. Una sfera di cristallo interpretata a meraviglia se consideriamo quanto nel corso dei decenni successivi si e' verificato; descrizioni utilizzate anni dopo nei film di fantascienza (la forma della navicella spaziale) e soprattutto l' incredibile PATOS che permea tuttoil volume. Consigliatissimo in particolare a coloro che vorranno assorbire i temi, le parole ed elaborarle anche a posteriori, perche' e' uno scritto che lascia qualcosa! (tanto)

  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    29/09/2012 14:43:09

    L'età (libro del 1937) non giustifica la pochezza (autore un docente Oxfordiano 40enne). Il libro non coinvolge, ha buchi narrativi (temporali ed emotivi), errori di SF banali. Credo riposrti minimamente alcune inquietudini di quel tempo, ma per capirle servono basi di conoscenza storica e politica. Carina l'idea del viaggio come rinascita (nave spaziale sferica come un grembo materno: protagonista privo di peso, che ritrova allo sbarco insieme alla luce del sole dopo settimane di luce soffusa; evidente la metafora con gestazione/parto). Da qui in poi il libro tratteggia una società buonista ed ideale (in pace, integra le diversità) ed il percorso di crescita del protagonista da infante a bambino ad adulto; è la parte meno interessante. Riprende fiato nel finale con il cfr buoni-cattivi: emerge (molto inglese) il favore dell'autore per il paternalismo di un'elite illuminata che porta il bene al popolo lieto di essere governato; idea accettabile per chi aveva visto una lunga pace/benessere infranta da ww1 e percepiva l'imminente ww2. Curioso però che l'autore specifichi poi che questo mondo è più vicino alla fine di quanto sia la Terra, come se il male di cui sono preda i terrestri fosse anche però stimolo alla vita ed allo sviluppo. Cap.19-21 densi di riferim. Sostituite mondi con Stati, Oyarsa con Capi di Gov, Weston (evidente destino, necessaria espansione per il bene del popolo) con Hitler, ed avrete la politica del '37: uno Stato (Germ) che non parla con gli altri, i capi di Gov coordinati ad alto livello (alleanze con alle spalle l'azione politica Us) ed il cattivo (motivato da ideali positivi per un migliore futuro della razza umana -ariana- che ha il diritto di sopravvivere a scapito delle altre) bloccato prima che possa nuocere (come avrebbe voluto Churchill). I pochi buoni spunti si fermano qui; il finale è talmente insulso da lasciar credere che le precedenti citazioni siano avvenute per caso; concedo a malincuore il beneficio del dubbio.

  • User Icon

    Paolo Tomassoni

    04/03/2009 15:35:48

    Una fantascienza metafisica. Al livello di Philip Dick.

  • User Icon

    anna

    10/03/2007 16:57:38

    Da leggere, con la trilogia. Un Lewis meno conosciuto, ma sempre profondo e provocante nelle avventure fantastiche ricche di colpi di scena. Un genere pre-fantascienza che fa anche pensare alla nostra società e ai suoi valori...

  • User Icon

    Antares

    06/12/2003 19:25:29

    Da un intimo amico di J.R.R. Tolkien, autore de "Il Signore degli Anelli", un'opera apparentemente semplice ma dal significato splendido. "Lontano dal pianeta silenzioso", primo libro della cosiddetta Trilogia Celeste di C.S. Lewis, narra l'avventura vissuta dal professore universitario Elwin Ransom, rapito da due individui dagli oscuri intenti e da essi trasportato su Malacandra, pianeta del Sistema Solare che è in sé l'immagine di un mondo fantastico e nel contempo ciò che la Terra avrebbe potuto essere se le sue genti non avessere conosciuto il peccato. Dietro a una storia di apparente fantasia, a un mondo irreale dai colori incredibili, a strane creature inquietanti e affascinanti insieme, risiede l'esempio di una vita che non conosce odio o guerre, né piacere o avidità, nella quale ogni essere è figlio di "Maleldil" (Il Creatore) ed è in grado di vedere gli "eldila", gli angeli, che nessun uomo può distinguere ormai da millenni. Ransom, al termine del suo viaggio, scoprirà la ragione per cui la Terra è chiamata il Pianeta Silenzioso, e imparerà a comprendere in maniera diversa i concetti di Spazio e Cielo, quali fonte di vita, teatro della Creazione di un unico Signore.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione