Luoghi selvaggi. In viaggio a piedi tra isole, vette, brughiere e foreste

Robert Macfarlane

Traduttore: D. Sacchi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 21 giugno 2011
Pagine: 322 p., Rilegato
  • EAN: 9788806194086
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Esistono ancora luoghi veramente selvaggi? Luoghi sconfinati, isolati, elementari, splendidi e feroci, che seguono leggi e ritmi propri, incuranti della presenza umana? E se mai sopravvivono, dove cercarli? Dopo aver fantasticato fin da bambino sui luoghi selvaggi della letteratura, Robert Macfarlane - appassionato alpinista, critico letterario e professore a Cambridge - intraprende una serie di viaggi alla ricerca della natura selvaggia ancora presente in Scozia, in Inghilterra e in Irlanda. E quella che traccia è una mappa della selvaticità che luogo dopo luogo - dalle isole Skelligs alla vetta del Ben Hope, dalla mitica Rannoch Moor alla spiaggia di Orford Ness - si trasforma sotto i suoi stessi occhi in un vero e proprio romanzo di formazione, segnato da incontri e addii, da scoperte e sorprese. Seguendo le orme dei padri del deserto, dell'epica nordica, dei grandi "narratori" dell'incanto della natura (Thoreau, Muir, Coleridge, ma anche Calvino, W. H Murray e l'amico Roger Deakin), degli scienziati affascinati dal mistero delle diversità e delle analogie, Macfarlane si avventura in prima persona fuori dagli angusti confini del noto e del domestico e traccia un nuovo itinerario, personale e profondo, in territori di pietra, di legno e di acqua, che scopriamo con lui straordinariamente vivi, sconosciuti e raggiungibili.

€ 17,85

€ 21,00

Risparmi € 3,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    LaFaby

    18/09/2018 09:12:39

    Esistono ancora luoghi selvaggi? È questo che si chiede Robert MacFarlane nei suoi numerosi viaggi a piedi in Inghilterra, Scozia e Irlanda. Un viaggio attraverso brughiere, foreste, isole e valli remote...ma sono davvero remote o la mano dell'uomo ha raggiunto anche questi posti isolati? E la 'wildness' non si trova forse anche nel faggeto vicino casa? Un libro scritto benissimo, con un lessico non solo ricercato ma appropriato, nel senso che, attraverso il linguaggio, si appropria degli elementi naturali siano essi animali, valli inesplorate o brughiere deserte. Un libro perfetto per tutti coloro che camminano a passo con la natura.

  • User Icon

    cantarstorie

    04/10/2016 10:05:40

    Consigliato agli amanti della lenta narrativa di viaggio. A chi ha amato Heat-Moon e segue le narrazioni di Rumiz. A chi conosce e assapora i silenzi e le storie celati dietro ad ogni "cammino". Come tutte le opere dell'autore, sorprendente, affascinante e tanto bello.

Scrivi una recensione