€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 4 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Gianca e Nick sono due ventenni bolognesi che si conoscono nel 1994 a Perugia durante lo stage per giovani musicisti di Umbria Jazz. Hanno vent'anni ed entrambi sognano una carriera: Gianca suonando il sax e cercando di corrispondere alle aspettative di un padre che ha abbandonato le sue velleità artistiche per diventare un affermato commercialista, Nick dedicandosi alla sua tromba come per una sorta di rivincita su una situazione familiare squallida ed affettivamente arida. Tra i due nasce una amicizia fondata sul contrasto di due mondi ma unita dalla comune passione. Nove anni dopo essersi incontrati su quel treno Bologna-Perugia, i due ragazzi chiuderanno definitivamente la loro avventura comune al grande concerto che Nick terrà al Teatro Comunale di Bologna, e a cui Gianca, confuso tra il pubblico, assisterà turbato e commosso. Il pezzo che lui stesso aveva scritto con e per i suoi amici quando ancora ci si aspettava tutto dalla vita è ormai un successo, e legherà per sempre le storie di tutti: il suo titolo è "Ma quando arrivano le ragazze?".

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luka

    04/06/2008 18:40:35

    Non ho dato importanza alle inflessioni vocali, ma se dite che sembrano di Milano o di Roma, io ci credo. Preferivo Pupi più nel genere horror - gotico...Ma questo film non è da meno. Spiccante la presenza di Johnny Dorelli e anche di Vittoria Puccini. Non un eccelente, ma un distinto lo merita.

  • User Icon

    LAURA

    11/11/2006 18:03:00

    Questa storia è la dimostrazione che l'amore per la stessa persona e il successo possono dividere due amici. Per fortuna in questa storia a vincere è l'amicizia...

  • User Icon

    LAURA

    10/11/2006 21:36:45

    Da un grande maestro del nostro cinema, mi aspettavo quel tanto in più ma comunque ne esce un prodotto godibile. Bel cast.

  • User Icon

    filippo

    07/01/2006 15:14:15

    Si parla un gran bene, di recente, del cinema italiano..ma con questo film ripiombiamo tristemente negli anni bui di incomprensioni e pellicole paradossalmente inutili.La storia, pur essendo partita in modo interessante non galleggia e perde progressivamente di qualsiasi significato che ne giustifichi una programmazione cinematografica.Si nota con piacere una buona recitazione degli attori principali . Simpatico e sempre smagliante risulta un J.Dorelli d'altri tempi. Comunque film lento nei ritmi, povero nei contenuti. Triste nei fraseggi. Ne drammatico, nè comico. Peccato per Avati che indiscutibilmente rimane uno dei nostri migliori registi.

  • User Icon

    roberto

    08/10/2005 10:52:48

    La gran parte dei film di Avati sono graziosi e delicati. Miniature che non sfiorano neppure la grandezza di un Rohmer (al quale lontanamente si potrebbe per certi aspetti paragonare), ma quasi sempre perlomeno gradevoli. Questo film invece sembra girato da uno che vuole scimmiottare Avati. Stereotipato nella vicenda e nello schema narrativo (è tutto scontato fin dall'inizio). Sciatto, senza nessuna cura di quei particolari che hanno sempre fatto di Avati un bravissimo artigiano (per esempio, è ambientato a Bologna, ma parlano tutti con inflessione romanesca o milanese). Recitato veramente male (l'unico che si salva è Dorelli, sugli altri meglio stendere un velo. Questo Santamaria, poi, volto nuovo che piace tanto alle donne, è monocorde come un palo della luce e al massimo potrebbe recitare a elisa di rivombrosa). Televisivo, come quasi tutto il disgraziato cinema italiano.

  • User Icon

    adriano

    20/09/2005 18:01:30

    ma glielo vogliamo dare un bel david allla carriera!?sono anni che avati lo merita!!!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2005
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 146 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); interviste