Categorie

Philip Roth

Traduttore: V. Mantovani
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 395 p. , Brossura
  • EAN: 9788806222949

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrealaltro

    15/09/2015 21.37.21

    Mediocrità? Un corno! Un grande romanzo di ampio respiro, fatto per lettori non superficiali. Chi ama l'ovvio si rivolga altrove: qui c'è da scavare.

  • User Icon

    Louis

    14/03/2015 13.11.36

    Mi spiace davvero tanto relegare un'opera di cotanto spessore nel limbo della mediocrità, ma purtroppo non si può non considerare il fatto che un libro oltre ad esprimere concetti di un certo spessore, deve innanzitutto intrattenere, invogliare alla lettura e la maestria dello scrittore si evince anche dal saper rendere scorrevole un'opera fine e profonda come questa. Nessuno dei protagonisti (come nessun essere umano in generale) pensa di aver ottenuto il riconoscimento che meritava dalla vita, sia esso un borghese intellettuale, un esponente del popolo o qualcuno che ha servito la patria. I pregiudizi, i torti e le offese subite non saranno mai compensati e alla fine non resta che un rancore cieco e implacabile che non si estinguerà mai, nemmeno quando si cerca di ripartire da capo e lasciare il passato alle spalle. Il riscatto morale è solo un'utopia. Sublime! Peccato che il tutto sia affogato in un fiume di parole a volte superflue, periodi lunghissimi che si fatica a seguire, e momenti piatti che fan un po perdere la dinamicità alla storia. Un centinaio di pagine in meno avrebbero giovato all'opera. Ciò ovviamente non mi impedirà di continuare la lettura di quello che ritengo essere uno degli autori più geniali e brillanti degli ultimi anni.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    14/10/2014 17.13.58

    Il "cupio dissolvi" appartiene al passato, sembra pensare Roth in questo romanzo così gravido di cattiveria e allo stesso tempo così amaro. Oggi chi si lascia attraversare dalla pulsione di morte vuole andarsene lasciando ad ogni costo una traccia di sé, la "human stain" del titolo, esattamente come chi vuole invece vivere ad ogni costo. Nessuno in questo mondo ritiene di essere trattato in modo rispettoso e, magari anche solo all'ultimo momento, intuisce che «ogni purificazione è uno scherzo» e che «la fantasia della purezza è terrificante» (cap. IV). Non conta l'origine del soggetto: puoi essere Wasp, nero o ebreo, intellettuale, reduce del Vietnam o sottoproletario; puoi far ripartire la tua vita più e più volte oppure congelarla nel suo momento di grazia; alla fine resti solo con la rabbia dell'offesa non restituita, del riconoscimento mai arrivato, del risentimento inestinguibile. Splendido libro sull'impossibilità dell'equilibro morale.

Scrivi una recensione