Madre di diecimila figli - Christel Martin,Lorette Nobécourt - copertina

Madre di diecimila figli

Christel Martin,Lorette Nobécourt

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: M. Moresco
Editore: Piemme
Collana: Bestseller
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 marzo 2010
Pagine: 179 p., Brossura
  • EAN: 9788856613223
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 3,19

€ 5,90

Punti Premium: 3

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A volte una vita cambia in un attimo. La sua è cambiata una mattina di ottobre, quando, a Ruyigi, nel Burundi precipitato nel vicolo cieco della guerra civile e sconvolto dall'odio interetnico, settantadue persone sono state massacrate sotto i suoi occhi. Ha visto e udito tutto Maggy. Ha udito le grida. Ha visto membri della sua famiglia partecipare al massacro. Ha sentito il crepitio delle fiamme. E poi, come in un miracolo, ha visto la sua figlioccia, Chloe, rifugiarsi tra le sue braccia, sopravvissuta all'inferno. È stato un segno, un barlume di speranza: "in quel momento - dice Maggy Barankitse - ho capito che l'odio non poteva vincere". Ha iniziato quel giorno, prendendo con sé i venticinque bambini scampati a quell'orrore. In un mese erano già più di duecento. Piccoli traumarizzati, sofferenti di gravi forme di insonnia, ossessionati dalle immagini di vicini diventati improvvisamente nemici. Incurante delle minacce alla sua stessa vita, Maggy ha scelto di vivere con loro, con i bambini, di ogni gruppo etnico e nazionalità. È diventata la donna dei diecimila figli. Perché l'odio non doveva avere l'ultima parola.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Balente

    15/05/2010 23:25:23

    “…quando ho capito che tutti i miei bambini erano stati risparmiati, ho provato una voglia pazza di vivere! Non ho più pensato che ad una sola cosa: occuparmi di loro, al di la di quell’odio e di quel disprezzo che avevo incrociato negli sguardi…” . E da qui che nasce la Maison Shalom. Non un semplice istituto religioso per orfani di guerra, ma una struttura sicura dove crescere, imparando e lavorando per il bene proprio e del Paese. Rimane infatti scandalizzata dallo stato di abbandono dei profughi, costretti a restare, per motivi di sicurezza, in accampamenti sordidi. Maggy non è infatti una persona che vive nel passato, ma nel presente e nel futuro: non vuole dimenticare niente e vuole costruire. Toccante, ma concreto. Questo libro ha la durezza necessaria per imprimersi nel lettore, affinché non si dimentichi di tragedie come questa.

Note legali