Categorie

Yasunari Kawabata

Curatore: C. Ceci
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 236 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806207908
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    verderame68

    07/01/2017 23.18.21

    Questo è il romanzo più delicato, poetico, suggestivo di Kawabata: in una parola sola, il più bello. Mano a mano che l'autore descrive la partita si ha la netta sensazione di esserne addirittura spettatori: semplicemente magico.

  • User Icon

    alida airaghi

    23/09/2014 11.30.39

    Il più grande scrittore giapponese del secolo scorso, evocatore di atmosfere e tradizioni, si è misurato nel 1938 con l'arte di questo gioco millenario, ricavandone un romanzo fuori dagli schemi, nato da un'esperienza giornalistica. Un quotidiano l'aveva incaricato di documentare quella che sarebbe stata l'ultima, importantissima partita di go tra l'anziano e invincibile campione Shusai e l'emergente Otaka: sfida che si protrasse per sei mesi, e si concluse con la sconfitta e la morte del maestro. La cronaca dell'avvenimento venne trasfigurata poi da Kawabata, nella stesura del romanzo che richiese sedici anni di lavoro, in un omaggio al Giappone che stava sparendo, alla saggezza della vecchiaia, all'eleganza silenziosa delle donne, al rispetto per la vita in ogni sua manifestazione, all'obbedienza mansueta alle leggi inesorabili del trascorrere del tempo. Cos' è il go? "In Giappone è 'una via', un'arte che trascende la nozione stessa di forza e di gioco. In essa confluiscono la mistica e la nobiltà dell'Oriente". Kawabata non solo descrive minuziosamente ogni mossa della partita, ma segue i due giocatori nelle loro espressioni facciali, nei rituali che accompagnano i loro gesti, nelle diverse filosofie che esprimono con le loro contrapposte esistenze. Il vecchio ascetico, solenne, solitario, parco di parole e movimenti, piccolo e ossuto; il giovane robusto, vitale, nervoso, conviviale, pur nell'ammirazione ossequiosa del maestro. A noi occidentali rimane ostico penetrare il fascino meditativo dell'attesa, della sospensione, dell'introspezione che emana dal gioco del go, e non ci è sempre facile seguirne la descrizione attenta e scrupolosa nella pagine di questo romanzo. Rimaniamo tuttavia incantati dalla raffinata leggerezza con cui Kawabata ci racconta questo universo in via d'estinzione, e la sua malinconia nel comporne l'epitaffio.

  • User Icon

    GIOVANNI

    06/10/2012 22.45.28

    bello,ma bisogna almeno avere un'idea del gioco.

  • User Icon

    enrico

    12/01/2010 13.10.20

    Che dire! Al di là di essere come sempre trasportati in un mondo "etereo" credo non sia possibile, leggendo questo "romanzo" sui generis, diciamo meglio questa cronaca di una partita di Go, non provare un interesse seppur minino per questo grandioso gioco cinese/giapponese. E' un rapimento dell'anima, uno scostare lo sguardo, un'alterazione della realtà, un'emersione di fantasia.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione