Magnetic - Vinile LP di Gaudi

Magnetic

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Gaudi
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Rarenoise
Data di pubblicazione: 23 giugno 2017
  • EAN: 5060197761264

€ 37,50

Punti Premium: 38

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione in Vinile.
“MAGNETIC” è il nuovo, eccitante album del producer e musicista con base a Londra GAUDI, che presenta una selezione scelta di suoni dal catalogo dell’etichetta sperimentale RareNoise Records, insieme ai contributi diretti di diversi musicisti di alto calibro del mondo del rock, del jazz e dell’elettronica. La realizzazione di “MAGNETIC” è stata decisamente una sfida creativa, anche per un uomo che ha lavorato alla dissoluzione dei confini musicali per più di 35 anni. La lista degli artisti, scelti inizialmente da GAUDI dal catalogo delle uscite di RareNoise o che hanno contribuito in seguito con il loro suono e le loro capacità alla realizzazione del progetto, è la crème del talento musicale.
Tra loro la leggenda del basso e producer straordinario Bill Laswell, il bassista psych-prog-rock Colin Edwin (Porcupine Tree, O.Rk..), il bassista Steve Jansen (membro dei Japan), Ted Parsons, batterista dei Killing Joke, Roger Eno, Eric Mouquet (aka Deep Forest), vincitore di un Grammy al pianoforte a coda, Pat Mastelotto (batterista dei King Crimson), il chitarrista avant-guard Eraldo Bernocchi, il chitarrista sperimentale post-punk Buckethead (collaboratore di Guns’n’Roses, Bootsy Collins, Iggy Pop), il batterista dei Lamb Nikolaj Bjerre, il polistrumentista Jamie Saft al basso… e questo senza nemmeno citarli tutti. GAUDI da parte sua torna alle sue origini dedicandosi – oltre che al programming e alla produzione – a pianoforte, tastiere, Theremin e al suo arsenale di sintetizzatori analogici vintage. “MAGNETIC” è un percorso intorno al lato nascosto di GAUDI, da sempre in sintonia con gli off-beat del reggae, ma anche con elettronica sperimentale, new wave, krautrock e proto-punk, che scorrono nelle sue vene da quando era un ragazzino: band come Bauhaus, Tuxedomoon, Yello, Cabaret Voltaire, Devo, Killing Joke, Talking Heads e i Residents hanno influenzato i suoi primi passi.
Disco 1
1
30Hz Dub Prelude
2
Opus 12, No. 17
3
Memories in My Pentagram
4
Nocturnal Sonata
5
Electronic Impromptu in E-flat Minor
6
Modular Rondo
7
Die Ballade Vom Frosch
8
Epilogue Leitmotif
Note legali