Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

I magnifici 7 capolavori della letteratura erotica: Thérèse philosophe-La filosofia nel boudoir-Suor monika-Gamiani-Le undicimila verghe... Ediz. integrale - Donatien-Alphonse-François de Sade,Guillaume Apollinaire,John Cleland,Denis Diderot - ebook

I magnifici 7 capolavori della letteratura erotica: Thérèse philosophe-La filosofia nel boudoir-Suor monika-Gamiani-Le undicimila verghe... Ediz. integrale

Guillaume Apollinaire, John Cleland, Denis Diderot, Donatien-Alphonse-François de Sade

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,4 MB
Pagine della versione a stampa: 1045 p.
  • EAN: 9788854152403
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 5,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

DIDEROT, Thérèse Philosophe
CLELAND, Fanny Hill. Memorie di una donna di piacere
SADE, La filosofia nel boudoir
HOFFMANN, Suor Monika
MUSSET, Gamiani
ANONIMO, La mia vita segreta
APOLLINAIRE, Le undicimila verghe

Saggio introduttivo e cura di Riccardo Reim

Edizioni integrali

Sette fra i più celebri romanzi condannati per secoli a giacere dimenticati negli “inferni” delle biblioteche, sette libri “maledetti” e sovversivi appartenenti a quel filone sotterraneo (ma assolutamente non “minore”) che conobbe i suoi momenti aurei soprattutto nella Francia da Luigi XIV a Luigi XVI, nell’Inghilterra vittoriana e nella Germania del XIX secolo; libri in cui il corpo diviene libero e provocatorio protagonista, facendosi beffe di ogni ipocrisia, sfidando a viso aperto il potere e il bigottismo, svelando – spesso con caustica ironia – l’altra faccia della medaglia, il lato oscuro e rimosso della società. Dai fremiti di Diderot con Thérèse Philosophe al celeberrimo Fanny Hill di John Cleland, dalle efferatezze della Filosofia nel boudoir di Sade agli “eccessi” diffamatori di Musset (che scrisse Gamiani contro George Sand), dalle piccanti confessioni di un Anonimo vittoriano alle grottesche, deliranti scurrilità delle Undicimila verghe di Apollinaire, il lettore riscoprirà pagine che ancora oggi sorprendono per la loro forza e la loro totale irriverenza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    marcello

    17/07/2019 13:06:43

    meravigliosi

  • Guillaume Apollinaire Cover

    (Roma 1880 - Parigi 1918) poeta francese. Figlio naturale di una nobildonna polacca e di un italiano ex ufficiale borbonico, visse i suoi primi anni fra Roma, Monaco, Nizza, Cannes, Lione. Stabilitosi a Parigi nel 1902, partecipò alle più vivaci battaglie artistiche del tempo. Fondò riviste e scrisse cronache d’arte. Fu il primo a sostenere i fauves, presentando nel 1908 opere di Matisse, Derain ecc.; appoggiò la «rivoluzione» cubista con uno scritto rimasto celebre, I pittori cubisti (Les peintres cubistes, 1913); entrò in contatto con F.T. Marinetti e scrisse il manifesto L’antitradizione futurista (L’antitradition futuriste, 1913) e fu poi sempre pronto a cogliere l’importanza di artisti dalle tendenze anche disparate, da Delaunay a Picabia e a De Chirico. Arruolatosi nel 1914 e successivamente... Approfondisci
  • Denis Diderot Cover

    (Langres, Alta Marna, 1713 - Parigi 1784) scrittore e filosofo francese. Suo padre, mastro coltellinaio, apparteneva alla solida e devota borghesia artigiana della città. D. studiò presso i gesuiti, dapprima a Langres, poi a Parigi; nella capitale rimase anche dopo aver terminato gli studi, senza tuttavia rassegnarsi a scegliere una carriera. Viveva magramente di traduzioni e collaborazioni editoriali. Nel 1742 sposò Antoinette Champion, merlettaia, di cui fu per tutta la vita sposo distante e infedele. Negli stessi anni conobbe Rousseau e Condillac. Chiamato a collaborare all’Encyclopédie e poi a dirigerla insieme a d’Alembert, egli trasformò un’impresa nata con obiettivi modesti, e per fini soltanto commerciali, in un formidabile strumento... Approfondisci
  • Donatien Alphonse François de Sade Cover

    (Parigi 1740 - Charenton-Saint-Maurice 1814) scrittore francese. Figlio d’un diplomatico, prese parte alla guerra dei Sette anni; di ritorno a Parigi (1763), dovette scontare la prima di quella serie di condanne per immoralità che hanno contribuito a creare il personaggio e la leggenda di S. Ritornò infatti in prigione nel 1768 sotto l’accusa di perversione e nel 1772 fu addirittura condannato a morte in contumacia per i più gravi delitti di avvelenamento e sodomia; arrestato, fu rinchiuso nella fortezza di Miolans, ma riuscì a evadere. Dopo alcuni anni trascorsi nel suo castello di La Coste, contrassegnati da nuovi scandali, fu di nuovo arrestato nel 1777 e rimase in prigione fino al 1790, salvo un breve periodo in cui riuscì a evadere. Liberato dall’Assemblea Costituente, divenne segretario... Approfondisci
Note legali