I Malavoglia - Giovanni Verga - copertina

I Malavoglia

Giovanni Verga

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 ottobre 2005
  • EAN: 9788806177805
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 4,86

€ 9,00

5 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I Malavoglia è un romanzo che nasce da una profonda riflessione sulle strategie della letteratura. Questa edizione ricostruisce nell'introduzione e nell'appendice la storia del testo attraverso le sue fasi e i suoi mutamenti. L'ampio commento a pie' di pagina sottolinea l'organizzazione delle sequenze e la funzione dei motivi, individua le voci principali del romanzo e i controcanti interni e fornisce gli elementi per comprendere i congegni della macchina narrativa. Vi è anche un Indice dei proverbi citati nel testo che documenta i rapporti dello scrittore con la cultura popolare.
3,75
di 5
Totale 8
5
4
4
2
3
1
2
0
1
1
  • User Icon

    Hodor

    15/01/2017 16:16:55

    La malasorte che sembra colpire in maniera accanita la famiglia Malavoglia precipitandola in un gorgo nel quale più cercano di risalire più sprofondano mette in luce la solitudine e l'isolamento sociale nel quale ci si viene a trovare quando si cade in disgrazia. Nel piccolo paese ognuno è impegnato a trascinare la propria mediocre esistenza e conta solo farsi i fatti propri. Si rivela comunque, nel corso della lettura un disegno perverso della provvidenza che tende a livellare verso il basso tutte le esistenze del paese consegnandole all’infelicità anche quelle che in un modo o nell'altro erano riuscite ad elevarsi economicamente. Lo stile Verghiano è limpido e fotografico e il romanzo sembra essersi scritto da solo, pura cronaca, totalmente spuria di qualsiasi punto di vista dell'autore. Magnifico.

  • User Icon

    Francesca

    05/04/2012 17:12:07

    Uno dei libri che mi ha fatto appassionare alla lettura.Bellissima la storia di questa famiglia, commovente, scritto magistralmente. Dopo più di 20 anni non l'ho ancora dimenticato.

  • User Icon

    Laron

    22/04/2011 10:51:03

    Veramente bello! Ho 17 anni e l'anno prossimo sarà una lettura obbligatoria del sistema scolastico, ma letto fuori dall'ambiente scuola si apprezza dieci volte di più, personaggi ricchi di personalità dei quali ti innamori e alla fine te ne separi a malincuore.. solo un po lento in alcuni tratti.. voto reale 4.5

  • User Icon

    sdazio

    29/08/2006 08:54:45

    Il perchè leggere questo libro è ben spiegato nel "In sintesi" riportato sopra. Aggiungo una cosa: è una bella esperienza immergersi nel linguaggio e nella psicologia dei personaggi ricostruiti da Verga. I primi capitoli sono faticosi da percorrere, ma ne vale la pena in quanto la vicenda e le ambientazioni finiscono col trascinare in un piccolo universo ricco di umanità: a volte meschina altre eroica, radicata nella tradizione da cui tutti discendiamo.

  • User Icon

    ciao ciao

    24/04/2005 13:18:12

    è un bel libro leggetelo

  • User Icon

    JENNY

    24/04/2005 13:15:20

    NON è MALE COME LIBRO MA C'è DI MEGLIO ANCHE SE MI è PIACIUTO IL FATTO CHE PER UNA VOLTA NON SI è VISTO IL SOLITO LIBRO PIENO DI FAVOLE INVENTATE DOVE FINISCE TUTTO BENE O DOVE C'è UNA POVERA ORFANELLA CHE SI SPOSA CON IL PRINCIPE AZZURRO ALMENO QUI VEGA HA RIPRESO LA REALTà E QUINDI VIVA VEGA!!!!!!!

  • User Icon

    FRANCY 89

    24/04/2005 13:11:11

    IL LIBRO è UNA NOIA PAZZESCA L'HO LETTO TUTTO E A VOLTE MI SONO ADDORMENTATA... POI ODIO QUANDO PADRONE N'TONI DICE QUEGLI ODIOSI PROVERBI PECCATO CHE NON ESISTE UN VOTO PìU BASSO DI UNO

  • User Icon

    DOMI

    24/04/2005 13:08:17

    è UN BEL LIBRO, QUALCUNO MI AVEVA DETTO PESANTE, IO L'HO TROVATO QUASI DIVERTENTE IN ALCUNI PUNTI MENTRE IN ALTRI NON C'ERA NIENTE DA RIDERE......

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Giovanni Verga Cover

    DAGLI ESORDI «PATRIOTTICI» AI ROMANZI PASSIONALI E MONDANI. Nato da famiglia di nobili origini e di tradizioni liberali, crebbe alla scuola di Antonino Abate, esponente di una letteratura civile di ascendenza byroniana e guerrazziana. La sua prima prova romanzesca, "Amore e patria" (1856-57, inedito; tre capitoli ne furono pubblicati nel 1929), esce da quell’arroventata officina provinciale e affianca all’approssimazione linguistica l’enfasi patriottica. L’esordio pubblico avvenne nel 1861 con I carbonari della montagna, una storia collocata nella Calabria dei primi moti carbonari, ma che riflette motivazioni etiche e politiche dello scrittore ventenne, arruolatosi durante l’impresa garibaldina nella guardia nazionale e impegnato in attività... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali