Manifesto della libertà

Luciano Canfora

Collana: Il divano
Anno edizione: 1994
Formato: Tascabile
In commercio dal: 2 giugno 1994
Pagine: 84 p.
  • EAN: 9788838910906
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Libertà: parola difficilissima da spiegare, e tuttavia la più frequente nel linguaggio comune e nel linguaggio politico. Nel linguaggio politico incombe come poche altre nella storia umana. Non si sa più se sia una parola di "sinistra" o di "destra" o di "tutti", più che come concetto viene brandita come un'arma. C'è il sospetto che se ne abusi. Di qui la necessità di parlare della libertà, ricominciando da capo e facendo ordine fra mille incrostazioni e mistificazioni. E' questo il fine che il libro si propone. Storia di una parola, ma anche richiamo urgente alla difesa di ciò che essa esprime: bene prezioso che si apprezza quando è ormai perduto.

€ 5,10

€ 6,00

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Aquadro

    02/08/2018 11:48:33

    Conosciamo il significato delle parole che usiamo? La domanda sembrerebbe oziosa: certo che sì. Forse è vero per le parole che designano oggetti concreti, ma più ci allontaniamo dal concreto e ci indirizziamo verso l'astratto più le cose sembrano essere meno chiare del previsto. Ad esempio: siamo proprio sicuri che sapremmo definire correttamente che cosa siano il tempo, la verità, la giustizia, la felicità e via discorrendo? Chi ha un minimo di dimestichezza con la filosofia antica sentirà puzza di Socrate e di Platone, i cui primi dialoghi sono tutti incentrati sul tentativo di definire gli astratti. Fuochino. Vi siete avvicinati, perché il libro in questione è opera di un illustre antichista, Luciano Canfora, che tuttavia qui indossa, come non di rado negli ultimi anni, i panni di storico delle idee politiche, la sua seconda natura. E scrive un agile libretto nel quale, in meno di ottanta pagine, prova a tracciare, con mano a mio avviso felice e sicura, una sorta di breve storia del concetto di "libertà", parola usata e abusata ai giorni nostri - e non solo - senza sapere (o fingendo di non sapere) che usarla significa adoperare un termine poliedrico, affascinante e tremendamente sfuggente. Special guests, tra gli altri, del libro - tanto per darvi un'idea - Croce, Mussolini, Gramsci, Erasmo da Rotterdam, Verga, Rousseau, Sallustio, Cicerone, Spartaco, Erodoto, Marx, Constant, Tocqueville. Insomma, ce n'è per tutti i gusti. Consigliato, straconsigliato, consigliatissimo, illuminante, come quasi sempre Canfora. "Da un lato, dunque, la marcia dei diritti, che non sembra mai avere soste; dall'altro forme sempre più sofisticate, esteriormente democratico-parlamentari, di potere oligarchico. Fino a che punto questa patente contraddizione sarà contenuta entro una normale dialettica e come non temere che porti a nuovi traumatici attriti?" (pp. 71s.) Fuor di metafora: non è che ormai democrazia, libertà e uguaglianza sono il vestito bello dell'eterna oligarchia?

Scrivi una recensione