Manoscritti economico-filosofici del 1844

Karl Marx

Curatore: N. Bobbio
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 30 marzo 2004
Pagine: XIX-177 p., Brossura
  • EAN: 9788806169695

22° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Economia - Filosofia e teoria

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
I "Manoscritti economico-filosofici del 1844" furono scritti dal Marx ventiseienne tra il marzo e il settembre di quell'anno. Essi avrebbero dovuto costituire la prima parziale esecuzione di un disegno più generale: cioè la critica dell'economia politica. Questi manoscritti rappresentano la raggiunta consapevolezza, da parte di Marx, del vizio d'origine della filosofia hegeliana, l'astrattismo. Il giovane Marx, avendo acquistata chiara consapevolezza del suo distacco da Hegel e messo da parte definitivamente il radicalismo democratico, inizia un lavoro costruttivo nel campo della critica filosofica, storica, economica e politica e, in questi saggi, comincia a delineare una compiuta teoria della società e della storia.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianni

    29/09/2015 20:39:26

    Appunti marxiani di critica dell'economia politica classica, pagine sul concetto di alienazione, intuizioni sul denaro come rovesciamento della realtà: queste le parti più chiare e interessanti del libro. Il capitolo su Hegel è meno felice e leggibile, ma ricco di intuizioni.

Scrivi una recensione