Il manoscritto di Shakespeare

Domenico Seminerio

Collana: La memoria
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 27 marzo 2008
Pagine: 339 p., Brossura
  • EAN: 9788838922879
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
Un vecchio maestro elementare che vive in una cittadina della Sicilia propone a un noto scrittore la trama di un romanzo. L'argomento riguarda Shakespeare. Il maestro è convinto che il drammaturgo fosse in realtà un siciliano, costretto dai casi della vita e emigrare e cambiare nome. La teoria non è nuova ma il maestro afferma di avere prove certe e preferisce affidare al romanziere, già affermato, la sua scoperta. Lo scrittore - che racconta in prima persona - dapprima è diffidente, poi si lascia convincere e coinvolgere: scriverà la storia di Michelangiolo Florio, alias William Shakespeare. Ma quella che racconta è invece la storia di Gregorio, scalognato ed eroico maestro elementare in pensione, tanto fermo nelle proprie convinzioni da sfidare il fanatismo. Ed è una vicenda complessa e tempestosa nella quale entrano in gioco vari personaggi, ma anche i servizi segreti britannici e la mafia locale. Il documento che prova la sicilianità di Shakespeare passa di mano in mano: rubato da due giovani sprovveduti finisce nelle mani di un boss e poi in quelle della figlia che vorrebbe disfarsene perché ha già causato troppe morti.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    enzo scardamaglia

    19/01/2009 17:40:06

    Trama veramente intrigante. La possibilità che Shakespeare sia stato soltanto uno pseudonimo (di un siciliano) è sviluppata con maestria; alla fine le prove sembrano convincenti tanto che mi metterò ad approfondire questa suggestiva ipotesi. Si legge tutto con vero piacere.

  • User Icon

    Benedetta

    21/07/2008 10:35:56

    Seminerio si fa accusa e difesa della tesi rivoluzionaria secondo cui Shakespeare fu un profugo italiano. Sullo sfondo, ammicca, in ogni sua caratteristica, la Sicilia, tanto cara all'autore e all'editore.

Scrivi una recensione