Manuale dell'imperfetto viaggiatore - Beppe Severgnini - ebook

Manuale dell'imperfetto viaggiatore

Beppe Severgnini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rizzoli libri
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: 246 p.
  • EAN: 9788858615041
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È proprio così, a Severgnini i viaggiatori interessano davvero: li segue, li osserva, li descrive in modo esilarante, senza però giudicarli o condannarli. «Eravamo turisti. Siamo diventati viaggiatori. Imperfetti, ma viaggiatori» sostiene l'autore. Siamo curiosi, rumorosi, avventurosi, frettolosi, generosi. Leggiamo poco e compriamo troppo. Siamo complessivamente onesti, e giustamente diffidenti. Siamo tolleranti. Mentre gli stranieri che visitano l'Italia si innervosiscono quando s'imbattono in altri stranieri, noi italiani, incontrando altri italiani, festeggiamo l'avvenimento, manifestando un orgoglio nazionale che in patria teniamo ben nascosto. Se vi riconoscerete in queste pagine, vi raccomandiamo di essere indulgenti. Con voi stessi e con l'autore, che ricorda: «Se ho saputo descrivere la commedia umana che circonda i nostri viaggi, il motivo è uno solo: tra gli attori ci sono anch'io, e di solito mi diverto come un matto».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,09
di 5
Totale 6
5
4
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MauroFly

    11/12/2018 19:24:39

    Mi e' piaciuto questo libro che descrive in modo ironico i vizi e le caratteristiche degli italiani che viaggiano. Grazie anche ad internet,le cose sono un po cambiate oggi ma ci ho rivisto molti stereotipi italiani, con caratteristiche che li contraddistinguevano.Leggero,simpatico,libro perfetto per chi cerca qualche lettura piacevole.

  • User Icon

    zombie49

    26/06/2017 09:47:20

    In questo volumetto Beppe Severgnini, viaggiatore per contratto, pretende di illustrare vizi e difetti degli italiani in viaggio. Nel libro precedente, “Italiani con valigia”, dopo qualche osservazione banale ma in parte condivisibile, parla soprattutto delle proprie esperienze. Qui invece, con irritante autocompiacimento veste la toga di giudice e dispensa sarcastiche opinioni sui comportamenti altrui, un gregge di cui lui non fa parte, nonostante l’asserzione contraria nella prefazione. Ho viaggiato molto e no, non mi riconosco nelle affermazioni di Severgnini, e neppure vi riconosco il comportamento degli italiani, anche se qualcosa di vero, inevitabilmente, ci può essere. Detesto le generalizzazioni, e il libro è un concentrato di luoghi comuni e banalità, una ricerca esasperata e artificiosa d’iperboli e battute che vorrebbero essere divertenti, ma sono più spesso pietose. Forse, e non solo in questo libro, Severgnini vuole ispirarsi all’umorismo britannico di Jerome Klapka Jerome in “Tre uomini in barca”, ma la sensibilità dei lettori è cambiata rispetto alla metà dell’Ottocento, e ciò che faceva ridere allora non è più spiritoso adesso. Del resto ho trovato eccessiva anche la comicità dell’autore inglese, letto ai tempi della scuola media. Severgnini non è un ingenuo, e la ricerca di facili risate è finalizzata ad accattivarsi la simpatia dei lettori che cercano un divertimento senza impegno, pur mantenendo da loro il debito distacco. La suddivisione dei viaggiatori, e non solo, in classi è spocchiosa e irritante, perché l’autore si pone sopra gli altri e li giudica dall’alto della propria cultura, conoscenza, esperienza. Sarcasmo e ironia non sono la stessa cosa, e si rapportano come l’aceto al vino. Unico pregio è il simpatico disegno di copertina della mia edizione. Finalmente, dopo questo libro, ho abbandonato la lettura delle opere di Severgnini, e oggi non capisco come potessero piacermi.

  • User Icon

    Brando Bolis

    05/12/2016 20:34:05

    Come ogni vero libro di Severgnini, anche questo racconta in modo (auto) ironico i vizi e le caratteristiche degli italiani. Alcune situazioni ed oggetti sono cambiati nel corso degli ultimi dieci anni, ma leggendo queste pagine sale quasi un po' di nostalgia per quei tempi recenti in cui gli italiani avevano dei segni che li contraddistinguevano. Leggero, simpatico e sempre acuto, questo libro è perfetto per chi vuole svagarsi leggendo qualcosa su di noi italiani.

  • User Icon

    Luca Lelli

    23/02/2008 14:36:18

    Meglio di uno psicanalista. Non c'è libro migliore che racconti i viaggiatori italiani degli Anni Novanta. Da leggere. Vi sentirete come se qualcuno vi avesse spiato durante i vostri viaggi. Ne sono certo.

  • User Icon

    cristina

    25/10/2005 21:02:50

    un libro divertentissimo con una ironia intelligente...tutti gli italiani si riconosceranno in questo ritratto di noi viaggiatori molto imperfetti....spettacolare!!!

  • User Icon

    fulvia

    17/11/2003 16:32:09

    Viaggiare con Severgnini non vuol dire solo divertirsi e imparare, ma riuscire a scorgere la realtà che è accanto a noi e spesso ci sfugge, nella sua normalità quotidiana. Grande!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Beppe Severgnini Cover

    Editorialista del «Corriere della Sera», columnist del «Financial Times», commentatore televisivo. Ha scritto a lungo per «The Economist» e nel 2004 è stato votato “European Journalist of the Year”. È autore di numerosi bestseller, tradotti in molte lingue. È presidente dell’Inter Club Kabul ed è oggi il giornalista italiano più seguito su Twitter.Fra i suoi libri Inglesi (1990) Italiani di domani (2012), La testa degli italiani, La vita è un viaggio (2014), Signori, si cambia. In viaggio sui treni della vita (2015) e Neoitaliani. Un manifesto (Rizzoli, 2020).  Approfondisci
Note legali