Manuale di investigazione

Jedediah Berry

Traduttore: O. Giumelli
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 21 ottobre 2009
Pagine: 283 p., Brossura
  • EAN: 9788845924385
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,26
Descrizione
L'Agenzia investiga su tutto, e su tutti. Nei suoi immensi archivi viene classificato quanto accade nella cupa città là fuori. E il compito di Charles Unwin è ben preciso: organizzare in fascicoli i frammentari appunti del più celebre degli investigatori, Travis T. Sivart. Quando Sivart scompare, Unwin viene inopinatamente promosso detective e si fa carico delle indagini, che dovrà condurre affidandosi a due sole armi, un ombrello e un manuale di investigazione - questo, il libro che stiamo leggendo. Assistito da una segretaria narcolettica e da una femmina temibile riemersa dal passato, si ritrova a districare un mistero che a ogni passo sembra distorcersi e moltiplicarsi. Come può una mummia millenaria avere un'otturazione odontoiatrica? Dove sono finite tutte le sveglie della città? Perché manca il diciottesimo capitolo del Manuale? Sotto una pioggia che sembra non debba avere mai fine, Unwin si addentra in un mondo fatto di interni labirintici, di acque nere, o delle luci improvvise di un freak-show. Un mondo parallelo disegnato, si direbbe, dalle perversioni di uno scenografo impazzito o dal delirio di una mente criminale, dove a poco a poco il lettore, in un misto di curiosità, piacere e angoscia capisce di avere una sola certezza: che da questo sogno - da questo libro - non si sa come svegliarsi.

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    michele

    15/05/2014 23:03:50

    Libro nel libro, sogno nel sogno... Mi sento ragionevolmente sicuro nell'affermare di non averci capito granché, eppure è stata una lettura divertente. Non ho potuto fare a meno di immaginare l'impiegato-detective con le fattezze di Sam Lowry, lo stralunato protagonista di Brazil: chi ha apprezzato quel film potrà leggere con gusto il Manuale di investigazione.

  • User Icon

    Anna

    29/09/2013 18:29:32

    Spunto originale e ambizioso. L'intreccio narrativo e lo sviluppo, onirico e surreale, colmo di citazioni più o meno esplicite, risulta piuttosto faticoso da seguire. Idea sorprendentemente simile a un recente film di Nolan...

  • User Icon

    luciano.comida

    04/10/2010 10:54:07

    Me ne aveva parlato bene gente di cui mi fido e così l'ho comprato. Ieri sera ho cominciato a leggerlo. Per un po' il gioco romanzesco (pioggia di citazioni fatte da un autore sempre avanti rispetto al lettore che avanza su un terreno liquido e mutevole, onirico-parodistico) mi ha molto stuzzicato e mi pareva promettentissimo. Ma dopo una settantina di pagine mi sono stufato, travolto da eccessi di cerebralità e freddezza compositiva. Per usare due riferimenti: italocalvinismo (autore che non amo per nulla. Anzi) e timburtonismo (regista che non amo per nulla. Anzi).

  • User Icon

    Franko

    16/05/2010 21:40:48

    BelloBello...!!! Delicato, onirico, mai banale.. E poi Unwin (il protagonista) ed Emily sono dei pesonaggi meravigliosi: il sognatore meticoloso e il suo sonnolento braccio destro..

  • User Icon

    Federico

    11/02/2010 15:06:48

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Finalmente! La storia è strana e - per questo - affascinante, con personaggi stravaganti che rimangono in mente anche terminata la lettura. La trama...diciamo così...è per sognatori. Per chi ha (molta) fantasia, creatività. Non ci sono, infatti, riferimenti: né storici né geografici. Il mondo descritto è il proprio: quello che ci passa per la mente, attraverso le minuziose descrizioni dell'Autore (che dimostra il suo talento narrativo).

  • User Icon

    fabio j.

    29/01/2010 23:47:39

    Romanzo strano, ma piacevole. Il protagonista si muove in un mondo onirico in cui non si hanno molti punti di riferimento. L'autore spiega lo stretto indispensabile e a volte il lettore si perde un po'. Ma si vede il talento del narratore.

  • User Icon

    Carlo

    08/01/2010 16:57:11

    E' decisamente un libro fuori dal comune, per chi ama il surrealismo e le contaminazioni del postmoderno. Immaginate un giallo scritto da Kafka e Chandler, Terry Gilliam e Tim Burton con un pizzico di fantascienza anni '40 e un po' di Freud. In più fatelo con umorismo e eccovi il manuale. Forse non troverete le grandi emozioni, ma qualche bel momento lo passerete.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione