La maratoneta - Jamie Freveletti - copertina

La maratoneta

Jamie Freveletti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: B. Serra
Editore: Piemme
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 5 aprile 2011
Pagine: 347 p., Brossura
  • EAN: 9788856603521
LIBRO USATO € 8,91

€ 8,91

€ 16,50

Punti Premium: 17

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Emma Caldridge ha trent'anni, è bella e affascinante ed è considerata una delle migliori biochimiche sul mercato. È in volo da Miami verso Bogotà, quando l'aereo su cui viaggia viene dirottato in una delle zone più pericolose della Colombia, un'area controllata da trafficanti di droga e gruppi di paramilitari. Unica tra i passeggeri a riuscire a nascondersi nella giungla sfuggendo a un gruppo di guerriglieri che prende in ostaggio i superstiti all'atterraggio di fortuna, Emma cerca di sopravvivere in una situazione davvero estrema. Il caldo, la mancanza d'acqua e la lunga strada da percorrere metterebbero in ginocchio chiunque, ma lei è forte e determinata, e grazie alle sue conoscenze scientifiche e alla preparazione atletica da runner di ultramaratona riesce a far fronte a tutte le incognite che la giungla nasconde, salvando anche alcuni ostaggi fuggiti nel frattempo dai guerriglieri. Intanto il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incarica Edward Banner, ex militare dell'esercito, di liberare gli ostaggi, apparentemente catturati al solo scopo di ottenere un riscatto. Ma una volta tratti in salvo i prigionieri, Banner si rende conto che la sua missione non è ancora finita. Scopre infatti che Emma non è solo la vittima innocente di un dirottamento, ma anche la geniale creatrice di una pericolosa arma biologica, che rischia di finire nelle mani sbagliate e trasformare la donna nell'inconsapevole pedina di un gioco più grande di lei.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
0
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Dj

    16/09/2011 10:17:07

    Carino e avvincente. Cosa chiedere di più ad un thriller? Certo ci sono alcune lacune narrative, parti della storia prevedibili e alcune situazioni veramente assurde, ma la narrazione è divertente, fluida e soprattutto la caratterizzazione geografica è davvero ben fatta. Un thriller di livello medio senza troppe pretese ma comunque godibile se non ci si aspetta il nuovo Codice da Vinci.

  • User Icon

    maurizio crispi

    23/05/2011 07:32:20

    La protagonista del romanzo deve la sua sopravvivenza alla difficile situazione che si trova a vivere, proprio alla sua tempra di ultramaratoneta estrema: le sue doti vengono sottolineate sin dall'inizio. E' vero che l'allenamento a correre su lunghe distanze, ancor più se in condizioni difficili e in assetto di autosuffcienza è una consuetudine che finisce con il temprare uomini e donne ad affrontare altre prove e a lottare per raggiungere altri traguardi (che non siano soltanto sportivi). Simili prove sportive (come quelle che vengono attribuite alla nostra Emma, la Bad Waters, ad esempio), il corpo e lo spirito vengono temprati, "forgiati" e soprattutto si incrementano i meccanismi naturali su cui si fonda la cosiddetta "resilienza", che è - detto in altri termini - la capacità di resistere a sollecitazioni estreme senza spezzarsi (originariamente era un termine ingegneristico utilizzato per descrivere la resistenza dei metalli). Emma tuttavia deve la sua sopravvivenza nell'avventura estrema in cui si trova immessa anche alle sue conoscenze botaniche. E' una ricercatrice e ha studiato le piante e le loro proprietà medicali: questa consuetudine è cruciale per sopravvivere nell'ambiente ostile della foresta amazzonica, per curare se stessa e un altro sopravvissuto al dirottamento aereo (Sumner). Detto questo, Emma si trova ad essere eroe per caso, in cui quasi da sola, rivelando intraprendenza, coraggio e tempra, sgomina tutti per mettersi in salvo e per far fuori i cattivi che vogliono usare per loschi fini la sua scoperta (piegandola a divenire un'arma terroristica). In questo, la vicenda diviene romanzesca e una roba più da film avventuroso e d'azione che narrazione realistica. Il titolo "La maratoneta", non corrispondente a quello originale, è un ammiccamento a tutti quelli che praticano la corsa, siano maratone o ultramaratone, o che, comunque, siano interessati a queto settore dell'attività sportiva. Io l'ho acquistato appunto sospinto da questa molla.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali