Marcia fatale. 1812. Napoleone in Russia - Adam Zamoyski,D. Panzieri - ebook

Marcia fatale. 1812. Napoleone in Russia

Adam Zamoyski

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: D. Panzieri
Editore: UTET
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 6,41 MB
Pagine della versione a stampa: 574 p.
  • EAN: 9788841899595
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La campagna di Napoleone in Russia e la terribile ritirata del suo esercito da Mosca furono una catastrofe militare e umana senza precedenti: il primo esempio nella storia di “guerra totale”, che vide opporsi due grandi potenze, due culture diversissime, due imperi sterminati. Posta in gioco finale: la supremazia in Europa. Con l’erudizione dello storico e la penna del grande narratore, Adam Zamoyski attinge a fonti edite e inedite come i diari dei soldati di Napoleone - francesi e italiani, ma anche spagnoli e portoghesi, tedeschi e polacchi, olandesi e svizzeri - per raccontare, insieme alla sofferenza fisica e psicologica dei combattenti messi in ginocchio dal “Generale Inverno”, la lenta e inesorabile disfatta dell’esercito più potente mai messo in campo, la Grande Armata. E del suo comandante supremo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,6
di 5
Totale 5
5
2
4
1
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    22/02/2016 17:49:26

    Pochi eventi storici hanno destato nella fantasia collettiva un impatto analogo alla disfatta napoleonica nella campagna di Russia. Come spesso succede, ciò è stato reso possibile anche dall'arte: il tolstojano 'Guerra e pace' consegna ai secoli la più vivida e quindi anche la più influente fra le sue rappresentazioni. La caduta dell'Imperatore dei francesi ci appare così spiegata con la somma di due tòpoi narrativi sempre molto efficaci: da un lato, la giusta punizione divina contro l'hybris dell'uomo; dall'altro, la riscossa della nazione oppressa. La santità del popolo russo ha vinto contro il demonio francese, come vincerà più di un secolo dopo contro il demonio tedesco. È l'illusione narrativa, che tanto nei poeti quanto negli storici inietta la convinzione di come le cose non potessero andare come sono andate effettivamente, e che una forza superiore governi ogni cosa - sia essa un Dio intelligente o una cieca materia. Tolstoj non si chiede ad esempio per quale ragione la superbia di Napoleone sia punita solo quando questi mette piede in Russia, come se prima di allora egli fosse stato umile e quindi impunibile. Né si chiede se i popoli che hanno subìto la conquista francese senza poter reagire siano stati puniti a loro volta per la mancanza di fede. Ma Tolstoj è uno scrittore. Il problema è che a non porsi certe domande sono stati gli storici di professione. Non solo i russi: anche i francesi, repubblicani quando non repubblichini, preferiscono raccontare a se stessi la vulgata della punizione divina sul capo del tiranno. Malcelata ammirazione: da Achille in poi, la caduta è un elemento imprescindibile nella definizione dell'eroe. Il saggio di Adam Zamoyski è un piccolo capolavoro. Attraverso una vastissima consultazione di testimonianze dell'epoca, tra diplomatici, militari e semplici civili, ricostruisce le vicende del 1812 quasi in presa diretta, fuggendo ogni mitizzazione. Abbiamo un affresco affascinante e per certi versi commovente. Un must read.

  • User Icon

    CARLO DE LUCA

    03/01/2015 11:32:18

    Ho trovato, dopo lunghe ricerche, il manoscritto del Diario ("Diario 1807-1815.Durante il regno di Gioacchino Murat") di ca. mille pagine, di un mio concittadino, Giuseppe Mallardi(1788-1840), e l'ho anche trascritto interamente. E' di un interesse storico eccezionale tanto che l'Amministrazione comunale ha deliberato di procedere alla pubblicazione integrale e intende anche progettarne la lettura nelle scuole. Peccato che l'autore di "Marcia fatale" non abbia potuto conoscere quanto annotato giorno per giorno dal giovane Mallardi durante la tragica ritirata di Russia, compreso il salvataggio di Napoleone nella notte tra il 5 e 6 dicembre 1812, da un assalto dei cosacchi ad opera del reparto di cavalleggeri italiani della Guardia d'Onore di Gioacchino Murat, comandato dal tenente Mallardi, poi insignito della Legion d'Onore insieme ai 27 superstiti. L'episodio di quella notte è noto soprattutto a chi conosce bene le terribili vicende di quei giorni. A me sembra che Zamoyski avrebbe potuto trarre molti altri interessanti spunti ove avesse potuto conoscere il contenuto del Diario Mallardi. Chissà che non possa tornare utile per un'altra edizione, magari implementata con opportune cartine dei luoghi. C'è qualcuno che può aiutarmi a mettermi in contatto con lo scrittore per fargli conoscere anche questo Diario? Grato per l'attenzione. Carlo De Luca Polignano a Mare (Ba)

  • User Icon

    claudio

    13/04/2014 17:42:45

    Ho letto i due commenti precedenti il mio prima di comprare il libro.Premetto che sono un appassionato della materia e sono iscritto al Souvenir Napoleonien.Scrivo oggi dopo averlo letto.Certo,e'abbastanza incomprensibile la scelta della UTET di non allegare nessuna cartina o grafico dei o delle 32 nell'edizione originale(a parte quelle nei risguardi,complessive)ma non ho trovato la minima difficolta'a seguire il corso del libro che nell'intenzione dell'autore(e lo dice)non era quello dell'opera esaustiva dei vari scontri militari ma l'esperienza umana,dal condottiero al soldato umile,compresi un numero rilevante di cittadini di entrambi i campi in lotta ed un numero pressoche eguale di memorie,libri di ricordi ecc.E'un affresco bellissimo,un libro chiaro nel linguaggio e commovente oltre che esaltante.Come dice Beevor nei giudizi sull'opera "un libro notevole in tutto e per tutto" o come un altro giudizio che ribadisce che e'un volume"con un magnifico esempio di storia narrata"Sono molte le opere che possiedo sulla campagna del 1812,con tante cartine,grafici e..noiosissimi.Tra le opere moderne(cioe'ancora in vendita)che consiglio,Marcia fatale e'senza dubbio una di quelle. Veramente un bellissimo libro.P.S. gli scontri sul campo occupano,nella descrizione,poche righe e non c'e'nulla che impedisca ,ribadisco,la comprensione del libro che proporrei come miglior libro di storia dell'anno,anche se,ripeto,risulta incomprensibile la scelta dell'editore.Grazie

  • User Icon

    Diego

    09/12/2013 19:35:49

    Avevo intenzione di acquistare questo libro di cui ho letto qualche pagina in libreria, restando colpito dalla chiarezza e scorrevolezza della narrazione. La recensione del lettore precedente che ho trovato utile e soprattutto, dal mio punto di vista, pienamente condivisibile, mi ha fatto cambiare idea. Per un appassionato di storia e storia militare in questo caso, le cartine sono un corredo indispensabile per aiutare la comprensione strategica e tattica di una campagna militare. La soppressione della bellezza di 24 cartine dall' edizione originale, significa togliere al testo quasi metà della sua capacità di chiarezza espositiva. Sciagurata scelta editoriale.

  • User Icon

    M.M.

    29/11/2013 22:25:59

    Il voto bassissimo è per l'edizione italiana; il testo, solido, lontano da ogni mitizzazione e basato su vaste ricerche d'archivio, di per sé meriterebbe ben altra attenzione. Santo cielo, si tratta di un saggio storico su di una campagna militare; le cartine, i grafici, non sono un optional, costituiscono un corredo assolutamente imprescindibile - in lavori del genere - per capire il quando ed il dove, seguire il progresso dell'azione, comprendere le scelte e le mosse dei contendenti. Ed allora, chi ha deciso di eliminare totalmente il corredo cartografico dell'edizione originale, peraltro ben corposo ammontando a 24 fra cartine, schizzi tattici e grafici? Si è salvata solo una generica carta dell'Europa del tempo, convenientemente incollata ai piatti più per far scena che per essere di qualsivoglia utilità. Davvero una faciloneria che sconfina nel disprezzo per i potenziali lettori, evidentemente ritenendo che i fruitori di saggistica storica, in questo paese, debbano necessariamente essere di bocca buona oppure rassegnarsi ad un prodotto di bassa, bassissima qualità editoriale. Una pessima politica, chi può si orienti verso l'edizione originale in lingua inglese.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
Note legali