Marcovaldo ovvero Le stagioni in città

Italo Calvino

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 5
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 giugno 2016
Pagine: XLIX-141 p., Brossura
  • EAN: 9788804667995
Salvato in 82 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Venduto e spedito da OCCASIONI SICURE

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"In mezzo alla città di cemento e asfalto, Marcovaldo va in cerca della Natura. Ma esiste ancora, la Natura? Quella che egli trova è una Natura dispettosa, contraffatta, compromessa con la vita artificiale. Personaggio buffo e melanconico, Marcovaldo è il protagonista d'una serie di favole moderne, dove Italo Calvino va segnando, come in un suo block-notes segreto, avvenimenti impercettibili nella vita di una grande città industriale, quali possono essere il passaggio d'una nuvola carica di pioggia o l'arrivo mattutino d'uno sbuffo di vento. Quando le avventure di Marcovaldo hanno raggiunto un bel numero, seguendo come un colorato calendario l'alternarsi delle stagioni, Calvino le ha disposte in un libro. Partite come divagazioni comico-poetiche sul tema - 'neorealistico' per eccellenza - della più elementare lotta per la vita, le venti favole di Marcovaldo arrivano alla rappresentazione della più complicata realtà d'oggi, alla satira del 'miracolo economico' e della 'civiltà del consumo'; ma sempre restano fedeli a una classica struttura narrativa: quella delle storielle a vignette dei giornalini per l'infanzia. Marcovaldo non è altro che un Fortunello contemporaneo, un Bonaventura all'incontrario, un Pampurio dei caseggiati popolari". (Dalla Prefazione di Italo Calvino). Postfazione di Domenico Scarpa.
4,62
di 5
Totale 6
5
4
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    vt

    02/09/2019 23:34:44

    Gustoso racconto il cui protagonista al tempo stesso diverte e commuove con le sue vicende. Marcovaldo, con il suo candore e la sua capacità di immaginazione, trasforma la giungla metropolitana in un luogo fantastico in cui tutto può accadere, andando incontro a disavventure inverosimili ed esilaranti al tempo stesso. Un antidoto alla depressione per lettori dai 6 ai 99 anni.

  • User Icon

    Clara

    11/03/2019 13:12:20

    I libri di Calvino mi piacciono sempre. Ho apprezzato la scritturadi questi racconti, soprattutto, dopo che avevo finito un ulteriore libro e ho potuto fare un parallelo: in Marcovaldo scorre tutto liscio, le parole sono incastrate le une alle altre senza stonare, senza stridere, sono riuscita a notare la bella scrittura di Calvino, accentuata da un'altra lettura. Per quanto riguarda i racconti alcuni li ho preferiti ad altri, ma sono stati tutti belli. Una lettura molto piacevole anche. Non ho trovato datata nè la scrittura nè gli argomenti trattati. Marcovaldo è un eroe, come ce ne sono tanti ai nostri giorni!

  • User Icon

    Fiammetta

    26/11/2018 08:26:44

    "L'amore per la natura di Marcovaldo è quello che può nascere solo in un uomo di città: per questo non possiamo sapere nulla d'una sua provenienza extracittadina; questo estraneo alla città è il cittadino per eccellenza." Questo è ciò che scrisse Italo Calvino stesso nella presentazione dell'edizione del 1966 di questa meravigliosa raccolta di avventure!

  • User Icon

    Federico

    02/10/2017 21:32:57

    Libro piacevole e pieno di spunti interessanti. La penna di Calvino si sente nel suo modo raffinato di descrivere situazioni semplici ma allo stesso tempo stravaganti.

  • User Icon

    franz

    23/01/2015 10:29:02

    in mezzo alla città di cemento e asfalto, Marcovaldo va in cerca della Natura. Ma esiste ancora la Natura? quella che egli trova e' una natura dispettosa, contraffatta, compromessa con la vita artificiale. Personaggio buffo e melanconico, Marcovaldo e' il protagonista d'una serie di favole moderne, dove Italo Calvino e' andato segnando, come in un suo block-notes, avvenimenti impercettibili di una grande città industriale, quali possono essere il passaggio d'una nuvola carica di pioggia o l'arrivo mattutino d'uno sbuffo di vento. Quando le avventure di Marcovaldo hanno raggiunto un bel numero, seguendo come in un colorato calendario l'alternarsi delle stagioni, calvino le ha disperse in un libro. Partite come divagazioni comico-poetiche sul tema-tipico del neorealismo del dopoguerra-della piu' elementare lotta per la vita, le venti favole di Marcovaldo arrivano alla satira del "miracolo economico§ e della civiltà del consumo, ma sempre restano fedeli a una classica struttura narrativa:quella delle storielle e vignette dei giornalini dell'infanzia. Marcovaldo e' stato pubblicato in prima edizione nel 1963.

  • User Icon

    maisie

    04/06/2009 19:40:37

    Un libro molto interessante e sicuramente da leggere. In alcune parti del romanzo si puo veramente ridiere di gusto, in altre ci si riempe di trstezza perchè questo libro racconta la vita ( in un modo un pò estremo) di un lavoratore e secondo me ognuno puo identificarsi nel protagonista.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Italo Calvino Cover

    Figlio di due scienziati (il padre è agronomo, la madre biologa) nasce a Cuba dove i genitori dirigevano l'orto botanico di Santiago de las Casas, vicino a L'Avana. Tornata in Italia la famiglia, a Sanremo, frequenta le scuole nella città ligure e, terminato il liceo si iscrive ad Agraria, ma interrompe l'Università per evitare l'arruolamento forzato e dopo l'8 settembre si unisce alle brigate partigiane nella Brigata Garibaldi. Nel 1944 entra nel Pci e alla fine della guerra ne diventa militante attivo e Quadro. Si iscrive e si laurea alla facoltà di lettere di Torino e nel frattempo inizia a collaborare a riviste (fondamentale il rapporto con il Politecnico di Vittorini) e quotidiani. Entra a lavorare all'Einaudi e nel 1950 ne viene assunto definitivamente come... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali