Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Márta and György Kurtág. In Memoriam Haydée. Játékok. Games And Transcriptions (Blu-ray) - Blu-ray di György Kurtag

Márta and György Kurtág. In Memoriam Haydée. Játékok. Games And Transcriptions (Blu-ray)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: György Kurtag
Supporto: Blu-ray
Numero supporti: 1
Etichetta: ECM Records
Data di pubblicazione: 22 gennaio 2015
  • EAN: 0044007628973

€ 26,50

Punti Premium: 27

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Bartok, il duo, si è distinto per l’inflessibile accuratezza nell’esecuzione della musica contemporanea, una precisione chirurgica. Rachel Beckels dell’Indipendent in Inghilterra ha detto: “scherniscono, accarezzano, attaccano il pianoforte, giocano letteralmente. Le loro apparizioni sono eventi preziosi”. Játékok, da una parte, accarezza l’idea di "un pellegrinaggio per l'infanzia", un approccio non sistematico che con buon umore insegna le tecniche contemporanee a giovani pianisti, l'uso di cluster, glissandi, armonici, suonando con palmi e avambracci; dall’altra è un diario, un quaderno, un crogiolo di miniature espressive, di epigrammi concentrati traendo ispirazione da molti compositori, da Scarlatti a Stravinsky, ma soprattutto da Bach. Il concerto è dedicato alla memoria di Haydée Charbagi, musicologo amico di Kurtág.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • György Kurtag Cover

    Compositore e pianista ungherese. Dopo gli studi di pianoforte e composizione a Timis¸oara e a Budapest, ebbe nel 1958 la possibilità di recarsi a Parigi, dove furono per lui di grande significato gli incontri con Milhaud, Messiaen e la psicologa Marianne Stein. Alla Stein è dedicato il primo Quartetto per archi (1958), che già efficacemente enuncia la sua poetica fatta di gesti brevi e incisivi, piccole cellule generatrici, motivi frammentati e aforistici, ma anche l'aspirazione a compiere una sintesi fra la tradizione ungherese incarnata nei modelli di Bartók e la metafisica concisione di Anton Webern. La tendenza a miniaturizzare, anche dentro minuscoli organici, le grandi forme è riscontrabile nei Detti di Peter Bornemisza (1968) per soprano e pianoforte, un vero e proprio concerto spirituale... Approfondisci
Note legali
Chiudi