Il matematico si diverte. Duecento giochi ed enigmi che hanno fatto la storia della matematica

Federico Peiretti

Editore: TEA
Collana: Saggistica TEA
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 marzo 2012
Pagine: 328 p., Brossura
  • EAN: 9788850227815

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Matematica e geometria - Storia della matematica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    angelo

    07/09/2015 11:41:32

    Ingredienti: tanti diversi e sorprendenti esempi per trasformare la matematica in gioco, il fascino segreto e sfaccettato di una disciplina ostica ai più, aneddoti e problemi dall'antico Egitto ai nostri giorni, piccoli enigmi (svelati) di una scienza in continua evoluzione. Consigliato: a chi vuol tenere allenata la mente senza tornare sui banchi di scuola, a chi ama giocare con numeri, immagini e parole.

  • User Icon

    maurizio .mau. codogno

    09/01/2011 22:48:24

    Federico Peiretti, oltre a insegnare matematica e fisica in un liceo classico torinese, è l'anima della sezione piemontese di Mathesis, e uno dei più convinti sostenitori della teoria che la didattica della matematica sarebbe da rivedere da capo a piedi. Lo si vede bene in questo suo libro, che presenta una serie di problemi all'interno di una cornice, direi quasi un fil rouge, di "matematici" che come dice il titolo si sono divertiti. Non è necessario che siano matematici; si pensi ad esempio a Martin Gardner. L'idea è ottima, anche perché permette di capire come si possa essere un po' pazzi ma comunque non pericolosi; però la mia impressione è che la parte finale sia stata tirata via, e avrebbe forse avuto bisogno di una rilettura. In generale, però, il libro è apprezzabile anche e soprattutto per i non matematici.

Scrivi una recensione