Il matrimonio di Maria

Rossana Campo

Editore: Feltrinelli
Edizione: 2
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 90 p., Brossura
  • EAN: 9788807815133
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 3,51

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francescomare

    16/07/2009 16:01:21

    E' il secondo libro che leggo di Rossana Campo, ho apprezzato il modo tragicomico in cui viene affrontata la complicata situazione. La storia in sè fa riflettere rispetto ai condizionamenti delal famiglia e della società che ciascuno di noi si trova a dover fronteggiare.

  • User Icon

    Milena

    13/04/2007 23:36:12

    Finalmente qualcosa di serio raccontato con un po' d'ironia! Brava la Campo.

  • User Icon

    Alessandra

    01/04/2007 11:27:48

    La scrittura è come sempre efficace, il linguaggio veloce, immediato. Però, mentre il "parlato" è realistico, l'evoluzione del racconto sfiora il ridicolo piuttosto che il tragicomico. Che bello il quadretto finale della famiglia allargata che pensa di essere immune dalle meschinità sociali! Sembra di assistere ad una fiction televisiva,accomodante,semplicistica,politicamente corretta. E poi che c'entra quel Gimmy che ha il solo grande merito di essere un uomo "demente" (con l'attributo maschile che funziona)che mette incinte le ragazze semincoscienti senza preoccuparsene troppo? Perchè dovrebbe vivere con loro? E quanto è conformistico quel tentativo di convivenza! E' come se i due sposi si fossero detti: ci siamo sposati per scherzo, ma magari dall'oggi al domani saprò amarti; in fondo aspetto un bambino tuo e questo vorrà pure dire qualcosa! E ancora che dire della Patti disposta a defilarsi per sempre come niente fosse? E questo sarebbe amore? Senza contare che,seppur in chiave ironica, l'autrice avrebbe potuto risolvere il travagliato rapporto di Maria con la famiglia d'origine,come, dopotutto,date le premesse era lecito aspettarsi sarebbe accaduto. Insomma è stata un'occasione sprecata per un racconto sincero su una realtà nascosta e molto più oggetto di discriminazione della corrispondente maschile.

Scrivi una recensione