Matteo Ricci. Un gesuita alla corte dei Ming

Michela Fontana

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 agosto 2017
Pagine: 433 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804678359
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Il gesuita Matteo Ricci arrivò a Macao nel 1582 e, dopo aver soggiornato in varie città, si trasferì a Pechino, dove visse dal 1601 al 1610 alla corte dell'imperatore Wanli della dinastia Ming. Fu Ricci a scoprire che la Cina coincideva con il Catai descritto da Marco Polo e a farne conoscere per primo, attraverso le sue lettere e i suoi scritti, la cultura e le tradizioni. La vita del gesuita è qui raccontata dalla giornalista Michela Fontana che a Pechino ha vissuto a lungo. Prefazione di Marianne Bastid-Bruguière.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dave

    25/09/2018 14:40:47

    Il gesuita maceratese Matteo Ricci, in cinese Li Madou, ammirato e celebrato ancor oggi in tutta la Cina come simbolo dell’incontro fra due civiltà millenarie, fu il primo europeo a risiedere stabilmente, dal 1582 al 1610, nell’Impero Celeste all’epoca della dinastia Ming. Convinto che l’interesse per la cultura occidentale potesse agevolare la conversione degli intellettuali, intraprese un’infaticabile attività di divulgazione scientifica. Non solo tradusse in cinese opere di astronomia e alcuni libri degli Elementi di Euclide, ma scrisse lui stesso opere di argomento morale e religioso e disegnò celeberrimi mappamondi, dove collocava la Cina al centro del globo terrestre. Nel contempo Ricci fu anche il primo sinologo, colui che, trecento anni dopo Marco Polo, ma con ben altra accuratezza, illustrò al pubblico europeo gli usi, i costumi e la cultura del popolo cinese. In questa documentata e completa biografia, l’autrice, attingendo direttamente agli scritti e alle lettere di Ricci, racconta un’avvincente e umanissima avventura che rappresenta un’illuminante chiave di lettura per comprendere la Cina contemporanea e le principali differenze, a tutt’oggi esistenti, Fra Oriente e Occidente.

  • User Icon

    DDB Services

    25/09/2018 14:38:41

    il gesuita maceratese Matteo Ricci, in cinese Li Madou, ammirato e celebrato ancor oggi in tutta la Cina come simbolo dell’incontro fra due civiltà millenarie, fu il primo europeo a risiedere stabilmente, dal 1582 al 1610, nell’Impero Celeste all’epoca della dinastia Ming. Convinto che l’interesse per la cultura occidentale potesse agevolare la conversione degli intellettuali, intraprese un’infaticabile attività di divulgazione scientifica. Non solo tradusse in cinese opere di astronomia e alcuni libri degli Elementi di Euclide, ma scrisse lui stesso opere di argomento morale e religioso e disegnò celeberrimi mappamondi, dove collocava la Cina al centro del globo terrestre. N Nel contempo Ricci fu anche il primo sinologo, colui che, trecento anni dopo Marco Polo, ma con ben altra accuratezza, illustrò al pubblico europeo gli usi, i costumi e la cultura del popolo cinese. In questa documentata e completa biografia, l’autrice, attingendo direttamente agli scritti e alle lettere di Ricci, racconta un’avvincente e umanissima avventura che rappresenta un’illuminante chiave di lettura per comprendere la Cina contemporanea e le principali differenze, a tutt’oggi esistenti, Fra Oriente e Occidente

Scrivi una recensione