Recensioni Il medioevo e il fantastico

  • User Icon
    04/09/2019 13:18:01

    Una meravigliosa scoperta di uno scrittore conosciuto sempre troppo poco

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/06/2019 19:32:35

    Ottimo libro. Tolkien è un grande scrittore e anche le sue opere meno conosciute sono stupende e degne di una lettura Questo libro è stato d'aiuto anche per capire l'ispirazione che ha avuto tolkien per i suoi romanzi più importanti come il signore degli anelli. È stato inoltre un occasione per fare un tuffo nel medioevo e conoscere saghe molto famose come "Beowulf"

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/03/2019 12:54:56

    Raccolta di sette saggi scritti ed esposti da Tolkien nell'arco temporale che va dal 1931 al 1959, riuniti nel 1983 dal figlio Christopher in un volume edito in Italia con un titolo leggermente fuorviante, che sa un po' di astuta trovata commerciale. Il pretesto di questa pubblicazione, come sottolineato da Gianfranco de Turris nella sua introduzione, è la conoscenza del Tolkien docente, filologo e linguista; almeno la metà degli scritti ("Beowulf: mostri e critici", "Tradurre Beowulf", "Inglese e Gallese") sono di natura strettamente tecnica - di grande interesse per gli "addetti ai lavori", ma marginali persino per il più accanito appassionato. Di grande utilità invece gli altri scritti, pervasi com'è ovvio dalla coinvolgente passione del Professore per le lingue antiche (è costantemente rimarcata l'inscindibilità tra lingua e letteratura), da assumere come strumento propedeutico alla lettura dei romanzi e della produzione novellistica "fantastica". Memorabile infine il Discorso di commiato all'Università di Oxford, quasi una liberazione per il modo personalissimo, tanto affilato quanto garbato, con cui l'autore "abdica" dalla sua cattedra e contemporaneamente si toglie qualche sassolino dalla scarpa. Colpisce l'amara considerazione che Tolkien espone circa l'offerta formativa della prestigiosa università inglese; ritengo che se risuonassero oggi in un qualunque ateneo italiano, queste parole potrebbero facilmente essere accolte da un totale senso di condivisione e attualità, nonostante abbiano ormai compiuto poco più di cinquant'anni.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/12/2006 11:32:27

    Il libro è una raccolta eterogenea di scritti di Tolkien, di cui solo uno (a quanto mi risulta), "Sulle fiabe", era già uscito in Italia. Illuminante per quanto riguarda la sterminata cultura dell'Autore, amante del Beowulf, dal carattere franco, con un'autentica passione per l'insegnamento. Irriverente il suo Discorso di commiato dall'Università, in cui non lesina critiche al sistema scolastico in cui ha lavorato, eppure sempre signorile e rispettoso dell'altro - tanto da terminare il suo intervento con la recitazione di "Namarië", che gli appassionati del Signore degli Anelli conoscono bene. Ottimo testo con l'unica pecca della frammentarietà.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Ian Mc Kellen
    15/12/2003 14:42:04

    Il libro è bello, ma Tolkien non è un conservatore!!!

    Leggi di più Riduci