Categorie

Stefan Zweig

Traduttore: A. Vigliani
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
Pagine: 53 p. , Brossura
  • EAN: 9788845922749

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesco v

    03/08/2015 09.32.38

    La scrittura di Zweig è come sempre equilibrata e profonda. Un racconto piacevole, ma parlare di capolavoro mi sembra eccessivo

  • User Icon

    Maurizio Nasi

    13/07/2015 06.48.39

    Il Mendel dei libri- che definirei il capolavoro indiscusso di Stefan Zweig- si ispira certamente a Sholem Yankev Abramowitsch, che significa in ebraico proprio "Mendel il venditore di libri", lo pseudonimo utilizzato dallo scrittore di letteratura yiddish Mendele Moicher Sforim.

  • User Icon

    spaggio

    25/10/2014 09.23.06

    Un racconto un poco al di sotto di altri scritti da questo grande creatore di gioielli letterari. Comunque sempre gratificante.

  • User Icon

    lina

    17/10/2012 01.50.21

    decisamente sopravvalutato. un po' per la brevità del racconto, un po' per la prevedibilità del suo sviluppo, questo libro non riesce a "toccare" il lettore più smaliziato.

  • User Icon

    lamberto

    17/03/2012 15.10.00

    ho letto questo libro spaventato dalla sua brevità. ma m'è piaciuto davvero tanto!!! la storia di una passione, o forse di una mania, ma io direi anche di un grande amore, quello per i libri!

  • User Icon

    Giuseppe

    24/08/2011 22.06.36

    Un piccolo "gioiello" di Zweig che vi resterà nel cuore!

  • User Icon

    Giulia

    10/11/2010 19.02.03

    Zweig non delude mai, veloce e profondo, come dovrebbero essere tutti i migliori libri.

  • User Icon

    stefano

    28/05/2010 09.05.19

    il personaggio di mendel alla lunga (pur nella brevità del racconto) diventa simpatico. Pur nelle sue poco probabili caratteristiche, accentuate in funzione della morale.

  • User Icon

    claudio

    21/05/2010 11.42.38

    Stupendo racconto di quel grande scrittore che fu Zweig. Mi ricorda molto una statuetta che ho comprato recentemente a Venezia, al Ghetto e che raffigura proprio un personaggio come Mendel, con le sue caratteristiche fisiche e quelli occhi piccoli dietro grandi lenti.

  • User Icon

    Giovanni B.

    15/09/2009 12.21.37

    semplice, breve, carino, commovente, ancor più per chi è <i>drogato</i> di libri :-)

  • User Icon

    canguro di mezzanotte

    03/09/2008 23.19.53

    come sempre, zweig si legge tutto d'un fiato, e poi ci si pensa a lungo... e poi lo si rilegge.

  • User Icon

    ivan

    02/09/2008 17.33.46

    un libro sul piacere dei libri ! bello, intenso, commuovente.

  • User Icon

    Fabio Scarnati

    22/05/2008 10.18.30

    Stupendo. Una scrittura rara e preziosa e un personaggio, Mendel appunto, che non dimenticherete mai. Come il Bartleby di Melville, ma infinitamente più bello.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione