La mia Africa

Out of Africa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Out of Africa
Paese: Stati Uniti
Anno: 1985
Supporto: DVD

25° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico - Sentimentale

Salvato in 51 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 4,99 €)

Karen Blixen, futura scrittrice, si reca in Africa per un matrimonio di convenienza che si rivela un fallimento. Si innamora di un idealista avventuriero inglese.
4,58
di 5
Totale 19
5
16
4
1
3
0
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giubilea

    17/05/2020 21:46:03

    Una storia in grado di trasportarti e coinvolgerti in ogni scena.

  • User Icon

    Lorenzo

    12/05/2020 10:13:29

    Tratto dal romanzo della Blixen, anche il film è oramai un classico da vedere assolutamente. La bella colonna sonora (dello stesso autore della colonna sonora di Balla coi lupi) tratteggia e sottolinea i paesaggi suggestivi dell'Africa e la storia. Inutile dire che le interpretazioni della Streep e di Redford sono coinvolgenti.

  • User Icon

    Stefania

    22/09/2019 15:33:39

    Film capolavoro che colpisce al cuore. Grandissimi attori. Commovente. Bellissimo al pari del libro. Super consigliato

  • User Icon

    Jayan

    22/09/2019 09:35:06

    Un grandioso film romantico, incantevole e con immagini stupende sull'Africa dei sogni. Ottima interpretazione di Meryil Streep e Robert Redford. Ottima interpretazione del libro bestseller. I paesaggi sono splendidi, le immagini della leonessa che attacca la baronessa sono eccezionali, come anche dell'aereo che sorvola il lago con i fenicotteri. Ci fa vedere la parte più bella dell'Africa (eccetto le eccessive separazioni che facevano gli inglesi tra uomini e donne). La musica è bellissima. Un capolavoro di immagini, parole e musica. Da non perdere! Vale tutti gli 11 premi Oscar, e anche gli latri premi. Il film rende anche di più del libro, che è scritto benissimo da Karen Blixen. Bella la contrapposizione tra il personaggio interpretato da Redford e quello interpretato da Streep, l'uno vuole rimanere libero, come gli animali della savana, l'altra invece vorrebbe che lui stesse con lei per formare una nuova famiglia, e invece deve accettarlo così com'è, fino alle estreme conseguenze... E' un film che fa venire il cosiddetto "mal d'Africa".

  • User Icon

    Giovanna

    21/09/2019 16:40:57

    “La mia Africa” è uno di quei film che non si può non vedere, uno dei miei preferiti in assoluto. Le atmosfere sono incredibili e coinvolgenti grazie al sapiente uso della fotografia e delle musiche e gli attori Meryl Streep e Robert Redford sono impareggiabili. La natura africana è fortemente presente, anzi fondamentale, e questo film ce la mostra in tutto il suo selvaggio splendore.

  • User Icon

    MULTI2010

    20/09/2019 19:03:39

    Film eccezionale, come non ne fanno più ormai: tutto si regge sulla bravura dei protagonisti, assolutamente fantastici!

  • User Icon

    Jayan Walter Ezio Vantaggiato

    19/09/2019 11:37:43

    Film capolavoro capace sempre di emozionare.Le ambientazioni, i paesaggi, i colori della natura africana sono semplicemente magnifici ed in perfetta armonia con le musiche, a cui sicuramente il film deve parte della sua fortuna.La storia, straordinariamente interpretata dagli attori, affascina perchè consente di vivere, o meglio di rivivere insieme ai personaggi, quelle vicende in cui si intrecciano amore, passione, tradimenti, gelosia.Il film rappresenta la volontà di continuare a vivere, e non sopravvivere, nonostante tutto.La protagonista interpreta il desiderio di liberarsi dall' ipocrisia, dall' umiliazione, da un matrimonio di convenienza utile solo all' apparenza ed alla rispettabilità sociale.E'propio il personaggio femminile che guida il corso della vicenda, e sono propio i suoi sentimenti e la sua forte personalità a guidarla verso l'amore e la felicità.La storia è fortemente realistica e non astratta propio perchè si rivivono in tutto film le stesse emozioni provate dai protagonisti.Si ha propio la sensazione di essere quelle persone, in quei luoghi, sotto quel cielo ad ascoltare i suoni di quella straordinaria Africa.Il film è una scelta di vita, in cui si sceglie di lasciare tutto per vivere in un nuovo mondo che si scopre essere il propio mondo, cioè quello che realmente senti come tuo e senza il quale senti mancare ogni cosa.La protagonista trova in Africa la sua casa, dove finalmente è libera di vivere la sua vita, o meglio una vita da lei scelta che è capace di condurla alla libertà, alla felicità, ma soprattutto all' amore.Ma come nella vita reale, a volte la felicità è legata alla sofferenza.La tragica morte dell'uomo di cui la protagonista s'innamora, mette fine ad una vera e magnifica storia d'amore che va al di là del tempo. La fine del film non è segnato solo dal dolore, ma anche dal coraggio, dalla forza, e soprattutto dalla speranza di continuare a vivere perché adesso la protagonista ne è capace.

  • User Icon

    VANY2010

    19/09/2018 21:15:00

    La Blixen ha contribuito a far conoscere il mal d’Africa in tutto il mondo, e Maryl Streep ha saputo mirabilmente dare un volto a questa affascinante scrittrice. E la sua alchimia con Robert Redford in questo film è assolutamente impareggiabile. La scena in cui lui le lava i capelli in mezzo alla savana. La scena più erotica, senza essere esplicita, che io abbia mai visto. Eccezionale!

  • User Icon

    Michele Bettini

    01/04/2017 20:20:18

    Superbamente inutile e pretenzioso, come i romanzi di Stendhal.

  • User Icon

    saverio fabio

    10/03/2010 15:49:49

    capolavoro senza tempo della cinematografia mondiale, dialoghi sublimi e vertiginosi, poca azione ma filmata con l'anima, non x stupire (gli attacchi dei leoni sono un concentrato di vero spavento e bellezza estatica). credo che il ministero della pubblica istruzione farebbe bene a limitare le ore dedicate allo studio di dante, manzoni e compagnia bella, che pure sono fondamentali, e integrarli con la visione di film di pollack, cimino e altri americani anni '70-'80 x comprendere meglio l'estetica e il senso del mondo che ci circonda

  • User Icon

    Bilbo

    22/02/2009 15:02:18

    Quando ho visto il film "Australia" rimasi sconcertato dagli scopiazzamenti disarmanti da questo splendido capolavoro del 1985. Mi sono chiesto come fosse possibile copiare in modo così spudorato e passarla franca! La mia africa è un film splendido inimitabile ed ogni tenetativo di copiarlo è vergognoso. Maryl Streep e Robert Redford sono irraggiungibili. Guardate questo film e non "Australia"! Voto: 8.

  • User Icon

    engy

    11/01/2008 23:09:04

    film superbo, indimenticabile. un capolavoro reso tale anche dalle magnifiche interpretazioni della coppia streep-redford. si riesce quasi a percepire il profumo dell'Africa, a respirarne la vitalità e la bellezza. insomma, un grandissimo film che consiglio a tutti! w streep!

  • User Icon

    Ivano Vezzulli

    01/09/2007 15:18:44

    Un grande inchino a Pollack,che ha fatto diventare un film normale, in una bellissima fotografia immortale.La Streep non ha eguali, e persino Redford riesce a convincere.Un film melanconico,mai banale.Anche l'Africa sembra diversa con quel "Mozart" in sottofondo.Splendido!

  • User Icon

    Angy91

    04/02/2007 00:24:21

    Film senza trama cm aveva sostenuto lo stesso Pollack, ma reso indimenticabile e colossale dall'interpretazione di 2 mostri sacri....magica la Streep!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    paolo

    02/09/2006 19:50:39

    un film intenso e profondo, una musica sensazionale e travolgente.... un film da vedere e rivedere e rivedere e rivedere e rivedere...

  • User Icon

    Beppe il Brema

    01/05/2006 12:34:40

    -Avevo una fattoria in Africa ai piedi delle colline Ngong - Così inizia con la voce fuori campo di Karen queso film dove Pollak ha centrato tutto, sbagliato nulla, e non bastano gli Oscar vinti per onorare quest'opera veramente grande, è mancato l'Oscar più importante, quello alla Streep, dato invece alla scialba interpretazione di Geraldine Page per un insignificante film. Misteri di Holliwood. Il male d'Africa, Africa immensa, sottolineato da una superba fotografia, campi lunghi che evidenziano la piccolezza umana nell'immensità di quel paesaggio, il piccolo treno, il piccolo aereo, che però guarda: -Con l'occhio di Dio- Per una volta tanto un film che è migliore del libro perchè restando fedele alla vicenda ne esalta l'importanza raggruppando il racconto un po' frammentario valorizzandolo per una Blixen amatissima in Danimarca. La musica di Mozart in un luogo selvaggio, contrasto ma non stridente, i canti tribali che permeano tutto con la loro atmosfera magica. Redford perfettamente calato nella figura del cacciatore. Aggiungo che nemmeno nei documentari su quel Continente ho visto una fotografia così grande e appropriata. Due leoni che si accucciano sulla tomba di Denys. Due uomini nella vita di Karen, uno le attacca la sifilide, l'altro un grande amore. Due mani bianche stringono due mani nere che racchiudono una bussola -Chi sono io?- -Tu sei Karen. -Quando accenderai un fuoco accendilo molto grande, che' io possa vederlo.- E' un abbraccio, un triste addio all'Afrca tanto amata, il ritorno alla fredda Danimarca a scrivere le memorie, per non ritornarci più.

  • User Icon

    Alessandra

    15/03/2006 20:46:53

    Il film della mia vita, la scrittrice più incredibile del novecento, ingiustamente ritenuta di "nicchia" la sua letteratura è magica, come la vita della scrittrice stessa. Spero sempre che possa essere rivalutata in futuro, intanto io continuo ad amarla con tutta l'anima.

  • User Icon

    Maurice

    19/02/2006 19:02:31

    Un film da gustare lentamente, anche se lontano dalla completezza del libro, è ben interpretato e delicato, come una foglia verde in mezzo al deserto di tante "rivisitazioni"...è un film da tenere caro e vedere e rivedere, anche per pensare a ciò che veramente conta nella vita.

  • User Icon

    sasso maurizio

    25/08/2004 12:26:47

    Film un po pesantuccio ma con ottimi attori! Fotografia e grande musica del divino e immortale Mozart!

Vedi tutte le 19 recensioni cliente

1986 - David di Donatello - Miglior attrice straniera - Streep Meryl
1986 - Golden Globe - Miglior attrice non protagonista - Brandauer Klaus Maria

  • Produzione: Universal Pictures, 2008
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 150 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Portoghese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; documentario; commenti tecnici; note di produzione; filmografie
  • Meryl Streep Cover

    "Propr. Mary Louise S., attrice statunitense. Bionda, volto spigoloso dai lineamenti duri, occhi sporgenti, dopo gli studi d'arte drammatica ed esperienze di successo in teatro e in televisione, esordisce sul grande schermo alla fine degli anni '70. Il primo ruolo importante lo ottiene nel drammatico Il cacciatore (1978) di M. Cimino, dove interpreta Linda, la sensibile fidanzata rimasta sola. L'anno seguente fornisce due ottime prove come vendicativa Jill nel crepuscolare Manhattan (1979) di W. Allen e come moglie in attesa di divorzio nel drammatico Kramer contro Kramer (1979, con cui vince l'Oscar) di R. Benton. L'estrema professionalità (è famosa per lo studio maniacale dei personaggi) e l'eccezionale talento in pochi anni la portano a diventare una delle più grandi... Approfondisci
  • Robert Redford Cover

    "Propr. Charles R. R. jr., attore, regista e produttore statunitense. È sicuramente la più importante star della Hollywood degli anni '70, una personalità di grande spessore nel panorama cinematografico, capace sempre di battersi in importanti battaglie civili e di impegnarsi per la diffusione del cinema indipendente. Dopo alcuni anni di recitazione teatrale e televisiva e un piccolo ruolo in Caccia di guerra (1961) di D. Sanders, nella seconda metà degli anni '60 mette in mostra la sua recitazione misurata e il suo fascino tipicamente americano, ottenendo il primo significativo successo nel 1967 con A piedi nudi nel parco di G. Saks. La consacrazione definitiva arriva quando G.R. Hill lo chiama ad affiancare P. Newman in Butch Cassidy (1969) e La stangata (1973); la sua popolarità (indubbiamente... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali