Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Mia madre e altre catastrofi - Francesco Abate - ebook

Mia madre e altre catastrofi

Francesco Abate

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 199,64 KB
Pagine della versione a stampa: 152 p.
  • EAN: 9788858422243
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È "maoista" ma va in chiesa, è devota al marito ma non rinuncia al collettivo femminista. Per merenda ti propina la solita rosetta con margarina e zucchero, ed è convinta che due colpi di battipanni ben assestati sul sedere non possano che temprarti il carattere. Insegna in una scuola di periferia e fa il bagno al mare anche in dicembre. Se le chiedi perché, ti risponde: lo so io. Se le racconti una cosa, ti risponde: lo so già. È la mamma di Francesco. Nato come una serie social a episodi, questo libro mette in scena una giocosa, inarrestabile dialettica tra madre e figlio che, tra una risata e l'altra, ci commuove.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,28
di 5
Totale 13
5
6
4
4
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    federica

    15/05/2020 08:53:39

    La mamma di Francesco è esattamente come tutte le madri, soprattutto quelle sarde! Sempre testarde e pronte ad avere l’ultima parola. L’ironia è il filo conduttore del libro e di tutte le tematiche che tratta, anche nelle situazioni più tragiche un sorriso ci scappa sempre! Consigliato per una lettura leggera che fa riflettere.

  • User Icon

    francesca

    25/09/2019 14:57:19

    Libro che da tutti viene descritto come leggero, frizzante e simpatico. Leggero, se ci si limita ad una scorsa veloce dei dialoghi, e quindi spiritoso e simpatico sempre in conseguenza di questa analisi frettolosa. I temi trattati sono tanti, molti dei quali spinosi, come l'empatia (la mancanza della stessa) , la malattia, la solitudine, l'emarginazione, la morte...e così via. Il bello del libro sta proprio nel fatto che le cose si rivelano per lo più a posteriori, mentre, scorrendo le pagine, si sorride divertiti e spensierati. Tutto sommato alla fine l'ho apprezzato anche se in qualche dialogo confesso di essermi un po' persa ;-P

  • User Icon

    Mauro

    31/08/2019 17:35:35

    Il libro e' molto divertente e scorrevole, forse un po' ripettivo nella struttura e alla fine stanca. Ho conosciuto Abate su altri registri e lo preferisco.

  • User Icon

    patrizia b.

    01/11/2018 11:21:43

    Si ridacchia, ma è molto ripetitivo e mi sono stufata presto. Non l'ho finito perché era sempre la stessa solfa.

  • User Icon

    Giada

    23/09/2018 07:54:14

    Ho riso dalla prima all’ultima pagina. Ben scritto, comico e con perle di saggezza. I dialoghi comici mi hanno fatto sorridere e quindi ridere a crepapelle. Complimenti a Francesco Abate, bravissimo. Il libro mi è stato regalato ma anche io, dopo averlo letto, credo che a mia volta lo sceglierò come idea regalo, successo assicurato.

  • User Icon

    Mauro

    18/09/2018 14:55:07

    Probabilmente il mio libro preferito tra quelli di Abate. Letto in poche ore. Un libro scorrevole e ironico, capace di strappare un sorriso anche quando vengono narrate delle vicende poco piacevoli.

  • User Icon

    Diletta

    18/09/2018 13:20:06

    Un libro divertentissimo che si legge in poco tempo. Particolare è anche la struttura del testo: un "botta e risposta" continuo tra l'autore e sua madre che si perde nel tempo ma che viene raccolto per argomenti. Non nego che alcune volte ho dovuto rileggere due volte lo stesso dialogo per capire chi fosse a parlare ma non è affatto complicato. In questo testo l'autore è in grado di far sorridere, e a volte anche scoppiare a ridere, il lettore su argomenti al limite della drammaticità. Cosa veramente non facile. Un consiglio: leggere alcuni passaggi con lieve accento sardo faciliterà la comprensione di non poche espressioni!

  • User Icon

    Marta

    18/09/2018 10:00:24

    Questo libro mi ha fatto morire dalle risate dalla prima pagina. Ho riso tantissimo fino a quando non l'ho terminato. Tanto da farmi venire voglia di leggere anche altri libri di Abate. Ideale per quando si è tristi e si vuole tornare a sorridere.

  • User Icon

    archipic

    03/01/2017 14:56:34

    Libretto spiritoso con diversi momenti simpatici; quello che ho trovato insopportabile è stata la figura della madre. Completamente anaffettiva, ottusa e simpatica come un'unghia incarnita: insopportabilmente fastidiosa! Una madre così crea figli disabili o assassini; chi si salva è fortunato. Non sono riuscito ad apprezzare l'aspetto "comico" della signora, mi è rimasto solo un enorme fastidio epidermico leggendo alcune sue perle di "saggezza".

  • User Icon

    Mariflo

    01/07/2016 19:27:51

    Convinta dalle recensioni, ho regalato due mesi fa questo libro a una amica e ora, che me lo ha prestato e ne ho divorato le pagine in un paio d'ore, ho capito di averle fatto un bel regalo. La bravura di Abate è stata quella di rendere, con pochi episodi, brevi dialoghi e situazioni rappresentate come fossero scenette divertenti, la forte personalità di una donna e il suo legame con il figlio e la sua famiglia. Un'educazione di altri tempi, che anch'io ho conosciuto e nella quale mi sono riconosciuta, e un rapporto saldo e saldato dai tanti drammi familiari e le malattie. Sorrisi e lacrime. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    vincenzo

    29/06/2016 17:02:51

    Un rapporto madre/figlio autoritario che chi e' di qualche generazione fa ha vissuto, forse con minore "intensità'" di Francesco Abate. Il libro e' costituito da brevi dialoghi, aneddoti e battute davvero esilaranti da cui emergono anche tratti della vita delle famiglie degli anni 70, piccoli spaccati di vita che evocano ricordi negli ultraquarantenni come me. Oltre le risate, i pregi del libro sono la testimonianza dell'amore che li ha uniti davanti alle avversità' ed il ritratto di una donna forte, determinata, da ammirare.

  • User Icon

    angelo

    27/05/2016 11:57:35

    Ingredienti: un figlio che rimarrà sempre un bambino agli occhi di mamma, una madre dispotica e onnisciente, un rapporto fatto di dialoghi surreali e ironici, una lingua (il sardo) frizzante e saporita. Consigliato: a tutti i figli di madri italiane, a chi rimane intrappolato a vita nei legami familiari.

  • User Icon

    Josto Salani

    29/04/2016 14:26:34

    Un libro tra i più divertenti letti negli ultimi mesi. Una scrittura agile, umoristica al punto giusto, senza battute forzate ma giocata moltissimo sulla "situazione comica". Dialoghi fluenti e rapidissimi e le poche parole in slang cagliaritano sono di facilissima comprensione anche per gli "svizzeri", visto che domani, 30 aprile, è ospite insieme a Roberto Vecchioni, del Festival Letterario nella mia Chiasso. Farò di tutto per esserci. So che c'è anche una web serie tratta da questo libro, ma non l'ho mai vista, quindi non posso giudicare. Di suo avevo già letto "Un posto anche per me", più malinconico, dove, secondo me, dà il meglio come narratore e che consiglio insieme a questo libro, giusto per fare un raffronto tra due stili diversi di scrittura entrambi godibilissimi. Complimenti!

Vedi tutte le 13 recensioni cliente
  • Francesco Abate Cover

    È giornalista professionista per l'«Unione Sarda» e DJ nei club dell'isola col nome di Frisco. Come scrittore pubblica nel 1998 Mister Dabolina il suo primo romanzo, edito da Castelvecchi. Nel 2003 pubblica Il cattivo cronista edito dal Maestrale. Nel 1999 vince il premio Solinas con il soggetto Ultima di campionato, che verrà pubblicato sotto forma di romanzo nel 2004, edito dal Maestrale. Nel 2006 pubblica il quarto romanzo solista: Getsemani per Frassinelli-Il Maestrale e inizia la collaborazione con Massimo Carlotto pubblicando Catfish. Nel 2007 pubblica Il cattivo cronista (Il Maestrale), e insieme a Massimo Carlotto Mi fido di te (Einaudi). Nello stesso anno escono i libri I ragazzi di città e Mister Dabolina remix, mentre nel... Approfondisci
Note legali