La mia vita con Virginia - Leonard Woolf,Ilide Carmignani - ebook

La mia vita con Virginia

Leonard Woolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Ilide Carmignani
Editore: Lindau
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 634,16 KB
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788833531670
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo libro è la storia di un matrimonio narrata dal coniuge superstite, che con lo sguardo spregiudicato della vecchiaia ripercorre trent'anni di vita in comune. L'incontro, l'innamoramento, il primo affrontarsi di due identità molto diverse, e poi il fare comune, la tela di ragno dei giorni, le case, le cose, gli amici, i viaggi, l'esperienza di due guerre. Un matrimonio intessuto di fitti dialoghi e di silenzi, di contrasti e di complicità, quotidiano e tragico, concluso dal suicidio di lei. Forse lo si potrebbe leggere anche solo così, come un romanzo coniugale, se i due sposi non fossero, lei soprattutto, tra i protagonisti della cultura del '900; se la loro esistenza non fosse scandita dalla scrittura e dalla pubblicazione dei libri di lei, "Al faro", "La signora Dalloway", "Le onde"; se insieme non avessero avviato, a margine del loro lavoro di scrittori, una fortunata attività editoriale, la Hogarth Press, pubblicando T. S. Eliot, Katherine Mansfield, Freud, Gor'kij, Robert Graves e la stessa Virginia Woolf; se i loro amici non fossero stati J. M. Keynes, Lytton Strachey, Roger Fry, E. M. Forster: in breve, il leggendario gruppo di Bloomsbury. Il racconto di Leonard Woolf, con la sua «passione socratica per la verità» e la sua tenace volontà di «disseppellire i fatti», ha il potere di restituirci intatti il sapore di un'epoca e l'intimità di due grandi intellettuali.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Patri

    25/09/2019 07:48:01

    Leonard Woolf era senz'altro un ottimo scrittore, anche se viene ricordato quasi più per essere solo il marito di Virginia. Il suo stile è accattivante, ti porta dentro la quotidianità di un altro tempo, con aneddoti e dettagli. Sono forse quest'ultimi, talvolta, a rallentare la lettura. Non si tratta di descrizioni, nel senso più classico del termine al quale siamo abituati in letteratura, quanto di un'esternazione del carattere di Woolf, un tratto distintivo della sua personalità. Un uomo che probabilmente annotava tutto, dedito alla precisione (almeno su carta) e dalla quale ci riporta minuziosamente stralci che possono anche disorientarci un pò. In ogni caso un bel libro, un tuffo nel passato in un mondo che - ahimè - non c'è più.

  • User Icon

    Giusy

    20/09/2019 13:36:55

    Questo libro è una selezione di passi dell’autobiografia di Leonard Woolf, marito della celebre scrittrice. Anche egli, infatti, fu uno scrittore piuttosto prolifico. Lo scopo di questa selezione è quello di offrire ai lettori uno spaccato della vita di Leonard con Virginia, dai primi incontri fino alla sua tragica morte. Leonard racconta con onestà momenti felici e tragici della sua vita con Virginia. È un osservatore attento e riporta con meticolosità dati sulle varie fasi della malattia di Virginia, sugli orari della loro routine quotidiana e perfino del variare degli incassi delle loro opere e di quelle pubblicate dalla casa editrice che fondarono quasi per hobby, la Hogarth Press. Il matrimonio tra Leonard e Virginia non fu certo tradizionale, sappiamo bene delle relazioni di Virginia con altre donne e non sappiamo dire se tra i coniugi la relazione sia mai stata anche fisica. Ma dalle memorie di Leonard, oltre che dalle parole di Virginia nei suoi diari e nelle sue lettere, comprendiamo che il loro fu senza dubbio un amore profondo.

Note legali