Le mie prime vere scarpe. La tata dei divi

Filomena Secci

Editore: Sovera Edizioni
Collana: La fronda peneia
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 1 marzo 2003
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788881243150
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,68

€ 16,50

Risparmi € 0,82 (5%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    GALLEGGIANTI GIOVANNI

    06/12/2017 20:32:12

    “LE MIE PRIME VERE SCARPE”, inizia con un ricordo ai sacri oggetti, le scarpe, che da centinaia di secoli hanno avuto il compito di trasportare, attraverso il mondo, l’essere più nobile della Creazione, l’Uomo. E che, in questo libro, trasportano, una giovane sarda, lungo le 160 pagine, dalla Sardegna al Continente, e attraverso le quattro stagioni della sua esistenza: il freddo inverno fatto “di istanti di elemosina, di povertà e di violenze subite”; di una primavera fatta di scoperte, di germogli, di emozioni e di sentimenti dei primi amori dell’adolescenza; di una calda estate fatta di speranze, di studi e di contatti scolastici a Roma con bambini, al contrario di lei, nati con le scarpe. E infine, la stagione autunnale fatta di grigio e di foglie al vento, ma anche e soprattutto di nostalgia e di ricordi. Nella sua autobiografia, Filomena Secci non si contenta di descrivere la sua storia personale, ma anche di presentarci la cornice sociologica della sua terra, dei suoi villaggi, dei suoi abitanti ricchi o poveri, padroni o servi, delle tradizioni e delle prepotenze, della fede e delle superstizioni, degli abiti variopinti dei ricchi e di quelli rozzi e neri dei poveri contadini e dei pastori. Tutto questo descritto e vissuto da una ragazza, che con una feroce volontà, dalla Sardegna al Continente, seppe superare le numerose difficoltà e pericoli che tutte le ragazze emigranti, trovano lungo le strade per la riuscita, per infine studiare e diplomarsi come governanti dei bambini degli altri. Priva di cultura, ma non di classe, Filomena Secci seppe educare, con amore materno, bambine e bambini che più tardi le saranno debitori di una educazione seria, sensata e senza tanti fronzoli. Io considero questo libro, questa descrizione delle quattro stagioni di una “Tata dei divi”, più interessante di un romanzo inventato di sana pianta. Il romanzo fa sognare, amare, odiare, mentre questo libro, partecipa alla realtà della vita, con amore, senza sognare e senza odiare

  • User Icon

    ant

    16/02/2005 11:47:02

    Stupendo resoconto della propria vita, fatto con il cuore, da parte di una donna che ha attraversato tutti gli stati d'animo possibili ed immaginabili(dal riscaldarsi i piedi negli escrementi degli animali al prestare servizio in casa di "Mina"). Grazie sig.ra Secci per avermi regalato intense emozioni, e visto che ho letto la data del suo compleanno le auguro tutta la serenità possibile

Scrivi una recensione