Le mille luci di New York

Jay McInerney

Traduttore: M. Caramella
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 153 p., Brossura
  • EAN: 9788845282300
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    19/10/2016 10:54:46

    Non è facile per me scrivere un arecensione su questo libro, semplicemente perchè tra le centinaia di capolavori che, per fortuna, mi è capitato di leggere nella mia vita, "Le mille luci di N.Y." occupa il posto più vicino al cuore. Il libro più struggente che si possa leggere per chi ha vissuto gli anni 80 da giovane.

  • User Icon

    luigiru

    09/12/2015 11:57:27

    Scritto in seconda persona costringe a entrare a piè pari nel libro e a volte a gamba tesa verso la propria autoindulgenza e autocommiserazione. Anche se è passato un po' di tempo da quella/e New York rimane attuale e divertente. Il ruolo della collega? Epico!

  • User Icon

    Lomax

    19/04/2015 17:33:30

    È' un'elettrizzante e forbita divagazione narrativa, originale nella prosa e ricca di fulminanti (e solo all'apparenza contorte) riflessioni esistenziali. È come un giro in Go Kart: non si parte per la destinazione, ma per l'adrenalina del viaggio.

  • User Icon

    Rory

    14/10/2014 20:37:34

    Fantastica scrittura, stratosferica, direi, ricca di invenzioni, paragoni azzardati e calzanti, con un ritmo funambolico. La trama, sono d'accordo, è poca cosa, ma non tutti i romanzi sono necessariamente " di trama". Alcuni, come questo, sono incentrati sui sentimenti, sulle sensazioni, su uno scavo psicologico che, sicuramente, non mancano. E dove lo mettiamo il ritratto d'ambiente ? Io me li ricordo, gli yuppues!

  • User Icon

    manolita

    17/04/2014 13:14:25

    Belle le descrizioni ma la trama -se così si può definire- è piuttosto sterile e,direi,inesistente.

  • User Icon

    GianniF.

    23/03/2014 11:30:34

    Graffiante ed avvincente romanzo con protagonisti abitanti della 'grande mela'descritta stupendamente, come lo sono gli stessi, con probelmi e complessi che la vita di artisti, nella metropoli, impone:compromessi,ipocrisie, droghe e sesso.

  • User Icon

    taty

    23/10/2012 12:39:37

    Io non l'ho trovato chissà che libro. Non mi trovo d'accordo con la maggior parte dei commenti precedenti. Probabilmente non è il mio genere.

  • User Icon

    Luce

    21/04/2009 15:23:30

    Sono perplessa. E' da premettere che questo romanzo è ambientato nella New York anni '80. Notti folli, droghe, cocaina cocaina cocaina. Il protagonista si ritrova spinto nelle notti newyorkesi dopo che la moglie, fotomodella, lo abbandona da un giorno all'altro. ("sono le sei del mattino...lo sai dove stai andando?"). Il libro narra la vita sul filo del rasoio di questo personaggio..di cui non mi ricordo già più il nome. La consapevolezza di essere sul filo del rasoio, ed il suo intimo desiderio di una vita normale. Sinceramente non mi ha convinta. Sarà che lo yuppismo è oramai passato..che la Milano da bere e la folle new york...sono ricordi come la dolce vita...che mi ci sono avvicinata pensando di trovare tuttatro, visto che l'autore è stato "stra-intervistato" sul caso Maddox.. poco coinvolgente

  • User Icon

    xino

    26/04/2008 10:55:37

    Un romanzo davvero sorprendente. L'ho letto inizialmente per non perdermi uno dei pochi grandi libri scritti in seconda persona - "Sei in un nightclub e stai parlando con una ragazza rapata a zero. Il locale è lo Heartbreak oppure il Lizard Luonge. Tutto diventerebbe più chiaro se potessi fare un salto in bagno e sniffare una bella riga di tiramisù boliviano". Leggere una storia raccontata con il "tu" fa uno strano effetto all'inizio, è un po' come star giocando a un videogioco o a un librogioco; poi diventa del tutto normale. E' un romanzo leggero e profondo allo stesso tempo. Coglie perfettamente quell'atmosfera di vertigine spensierata che porta all'annientamento, propria delle grandi metropoli degli anni '80 - New York certo, ma qui in Italia c'era la famosa Milano da bere - che poi è dilagata un po' dappertutto. L'ultima parte è più sentimentale con il protagonista che fa i conti con se stesso e decide di darsi la possibilità di una rinascita, ed è prorio questa seconda parte che dà un valore aggiunto tutto il romanzo.

  • User Icon

    Mimmo

    27/11/2007 02:35:10

    Probabilmente l'ho letto in un periodo di stress abbastanza alto e soprattutto di stanchezza... ma questo libro ha un po' deluso le mie aspettative. Da rileggere! Per il momento il mio giudizio resta nella media. Sarà per la prossima lettura.

  • User Icon

    Lorenzo Berti

    20/06/2007 09:44:58

    Sarà una mia mancanza, ma non vedo molto del "campione del minimalismo", in questo romanzo e in questo autore. Il minimalismo, per come la vedo io, è Carver. E senza scomodare dei o numi tutelari, ci sono comunque altri autori che praticano il genere. Così su due piedi mi viene in mente T. Coraghessan Boyle, per dirne uno. O alcune cose di Cheever, per andar più indietro. Questo è un bel romanzo, con alcuni tratti magistrali (si legga la conversazione con la madre morente, p. 140) e con una passività di fondo che può anche essere considerata (a torto, secondo me) minimalismo. Ad allontanarcelo, sono proprio le mille luci di new york, che se danno comunque una perfetta idea di vuoto, non sono esattamente presentate come un costante basso profilo. Idem per la tristezza di fondo del protagonista, che brucia (ed è un bene, una caratteristica propria ed unica) troppo, per non farsi notare. Infine, un limite della forma: l'impianto verbale su cui è costruito il romanzo - una seconda persona che è quasi come un'esortazione costante, un'invocazione un po' troppo classica (a me venivano in mente le metamoforsi di Ovidio) - alla lunga può stancare, un po' ripetitivo e un po' fuori tempo com'è...

  • User Icon

    Fabio

    05/02/2007 21:38:26

    Se dovessi riassumere la storia sarei in grossa difficoltà. La trama è scarna semmai ce ne fosse una. Il preludio ad una stroncatura? Niente affatto... Un romanzo geniale per COME è scritto, il COSA c'è scritto passa in secondo piano. Amanti delle trame complesse, degli intrecci cervellotici: alla larga! Questo libro non fa per voi. Per chi sa giudicare un libro da poche righe eccovi un assaggio: "La notte ha ormai girato quell'impercettibile chiavetta con cui si passa dalle due alle sei del mattino. Tu sai benissimo che il momento è arrivato e passato, ma non sei disposto ad ammettere di aver superato il limite oltre il quale tutto è effetto collaterale gratuito e paralisi di terminazioni nervose."

  • User Icon

    Matteo

    06/11/2006 16:06:40

    Un libro incantenvole. E' il primo che leggo di Jay McInerney e per un amante incallito come me di New York non potevo perdermelo per nessuna ragione al mondo. Che dire, ha una scrittura che ti cattura, ti lega e ti rapisce. Non è mai banale, non è mai prolisso, ti arriva direttamente al cuore e nella testa. E' molto bravo a disegnare i sentimenti umani e colorare la società nei suoi eccessi, nella sua eccessiva importanza data alla ricchezza materiale e delinea bene a livello psicologico e anche "coreografico" i suoi personaggi. E' un libro bellissimo. Bellissimo. Bellissimo. Solo 153 pagine, questo per insegnare che non ci vogliono per forza 500 pagine per sfornare un gran libro. Messaggio chiaro per alcuni autori che eccedono nel numero delle pagine perchè cosi' facendo credono di rendere migliore il proprio scritto. Sbagliato.

  • User Icon

    MARCO DA VR

    20/09/2006 14:45:46

    IO ADORO QUESTO SCRITTORE. HA UNO STILE CHE CATTURA E CHE TI IMPEDISCE DI MOLLARE IL LIBRO FINCHE' NON ARRIVI ALLA FINE. IL PROTAGONISTA IN PARTICOLARE E' TALMENTE SFORTUNATO DA FARV TENEREZZA...

  • User Icon

    marcello

    19/09/2006 21:58:06

    E'un libro bellissimo.C'è tutto:passione,sofferenza,un pò di follia,energia ma soprattutto tanta verità perchè tutti ci si possono ritrovare. Sarà un romanzo sempre attuale perchè sviluppa con una sincera intensità i temi classici della nostra vita.Per me è eccellente!

  • User Icon

    Francesco

    28/02/2006 13:00:37

    semplicemente il più bel libro che abbia mai letto.

  • User Icon

    Urizen

    11/02/2006 00:11:41

    Ho adorato alla follia American Psycho che descriveva con feticistica compiacenza l'edonismo anni '80. Poi è arrivato Bright light, big city ed è stato come scoprire il lato nascosto, malinconico ed umano di Patrick Bateman. Mcinerney dona umanità, tenerezza alla no-generation descritta dagli scrittori minimalisti. Ellis distrugge, lui raccoglie i pezzi e cerca di rimetterli insieme..Assolutamente da non perdere... Consiglio di accompagnare la lettura di questo libro con "Turn on the bright light" degli Interpol: stesse suggestioni, stessa classe, stessa fatale, indimenticabile New York.

  • User Icon

    Nereo

    09/01/2006 14:19:27

    Leggere il libro dopo aver visto il film toglie inevitabilmente un po' di sapore, ma lascia comunque la possibilita' di dare interpretazioni personali. Marcatissima la New York degli anni '80 che letta oggi sembra quasi "antica". Divertente all'inizio per scemare in un terremoto emotivo del personaggio verso il finale. Da consigliare ad un giovane lettore.

  • User Icon

    vincenzo

    16/12/2005 09:25:35

    Se arrivi a McInerney dopo Ellis, il paragone è inevitabile. Il minimalismo del secondo traborda le esigenze di approfondimento del primo. C'è il problema del romanzo d'esordio, incerto e traballante in alcuni momenti di 'picco' ma comunque complessivamente ben pensato e ben scritto. Meglio averlo letto, che il contrario.

  • User Icon

    paola

    03/11/2005 11:46:10

    Niente a che vedere con Holden e compagnia bella. La parte migliore è riportata pari pari in "Nudi sull'erba" edito da Bompiani. Un autore che si ricicla non ha più nulla da dire. Secondo me

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione