Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più

Giacomo Mazzariol

Editore: Einaudi
Edizione: 2
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 26 aprile 2016
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788806229528

98° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Finalista Premio John Fante Opera prima 2017
Finalista Premio Letteraria 2017

Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire "supereroe". Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sì, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l'adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Con "Mio fratello rincorre i dinosauri" Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    06/11/2018 19:16:17

    Stupendo! Lo si legge facilmente

  • User Icon

    Diana

    10/10/2018 08:23:16

    E’ un libro commovente, raccontato attraverso gli occhi del protagonista all’inizio bambino, poi adolescente e poi adulto. E’ molto interessante rendersi conto degli stato d’animo del fratello piu’ grande (il protagonista) nei confronti di quello piu’ piccolo, affetto dalla sindrome di Down. All’inizio si tratta di euforia (all’idea di avere un fratello con cui condividere esperienze da maschio), poi incertezza, rabbia, vergogna, senso di colpa e infine serenita’. Da leggere!

  • User Icon

    Nadia V

    22/09/2018 23:35:27

    Che cos'è la disabilità? Giacomo ce lo spiega senza metter su storie strappalacrime e surreali, che ci colpiscono lasciandoci una bella emozione, ma senza modificare il nostro punto di vista. Ci consegna la sua esperienza, concreta e straordinaria; ci insegna a trovare il "miracolo" nella quotidianità dell'esistenza. Finalmente una bella notizia per Giacomo: arriverà un fratellino! Un fratellino... non un'altra sorellina! Come non essere felici di questa sbalorditiva novità per casa Mazzariol? E infatti Giacomo reagisce con grande gioia all'arrivo del fratellino, finché non scopre che questo fratellino è un tipo un po' strano: ha un sorriso più largo dei suoi occhiali, ruba il cappello a un barbone e scappa via, ama i dinosauri e il rosso, per lui non importa quanto tempo passa, sono sempre 20 minuti... A un certo punto, Giacomo dovrà confrontarsi con le caratteristiche che rendono il suo fratellino speciale. E lo farà scontrandosi con la realtà, cercando di sfuggire ad essa, rinnegandola e poi, alla fine, riuscendo a ricomporre il tutto!

  • User Icon

    Barbara

    22/09/2018 16:08:39

    "Nella vita ci sono cose che si possono governare, altre che bisogna prendere come vengono. E' talmente più grande di noi, la vita..l'unica cosa che si può scegliere è amare - disse - Amare senza condizioni." Giovanni e i suoi fratelli, i suoi genitori, la sua famiglia, la sua spontaneitá, le sue attenzioni verso gli altri, i suoi sorrisi verso tutti. Giovanni sempre vero e senza filtri. Giovanni che apre la mente e i cuori di chi lo circonda. Libro profondo ed emozionante capace di far ridere e piangere ma soprattutto riflettere.

  • User Icon

    Greta

    22/09/2018 12:58:49

    Dovrebbe essere fatto leggere a scuola a tutti i ragazzi per far capire a tutti che la parola "down" significa essere portatori di un handicap ma soprattutto di tante altre cose positive, gioia, allegria, entusiasmo, voglia di vivere.. Libro fonte di insegnamento ed arricchimento per tutti!

  • User Icon

    Caterina

    21/09/2018 14:09:24

    Ho acquistato questo libro avendone letto una recensione breve. È davvero bello! Scritto con garbo e al tempo stesso con brio, leggero ma profondo, giocoso ma che fa meditare. C’è bisogno di prestare attenzione ai sentimenti, quelli veri, che scaldano i cuori e attraversano le nostre giornate. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Cla7582

    20/09/2018 14:21:44

    Come raccontare una tragedia con una dolcezza e una forza infinita. Come affrontare le avversità della vita con il sorriso e la voglia di trarre il meglio da tutto. Senza retorica e falsa modestia, ma con la determinazione che solo pochissimi diciannovenni possono avere. E' un libro che fa piangere, fa ridere, fa riflettere. Perfetto insomma.

  • User Icon

    Mariacarmela

    20/09/2018 07:07:54

    << La vita con Gio era un continuo viaggio tra gli opposti, tra divertimento e logoramento,azione e riflessione, imprevedibilità e prevedibilità, ingenuità e genialità, ordine e disordine. Gio che si butta a terra fingendo di cadere per sbaglio. Gio che scrive ogni azione prima di farla. Gio che salva una lumaca dalla nonna che la vuole cucinare. Gio che, se gli chiedi se quello che ha in mano è un pupazzo o un lupo vero, risponde: «Pupazzo vero». Gio che fa lo sgambetto alle bambine solo per aiutarle a rialzarsi, far loro una carezza e chiedere: «Come stai?» Gio che: in Africa ci sono le zebre, in America i bufali, in India gli elefanti, in Europa le volpi, in Asia i panda, in Cina i cinesi. Che se passano dei cinesi ride e si tira gli occhi, anche se li ha già come loro. Che la piú grande disputa è stata se il T-Rex era carnivoro o erbivoro. Che le vecchie sono molle; e glielo dice proprio, a tutte quelle che incontra. Gio che se vede un cartello con scritto «Vietato calpestare l’erba» lo gira e poi la calpesta. Che se lo mandi di sopra a prenderti il telefono e a chiedere a papà se vuole la minestra lui va da papà a chiedergli se vuole il telefono. Che dice faccio da solo e ti manda via, con nella voce un’incertezza che capisci che lo sta dicendo a sé stesso, per farsi forza. Gio che non capisce perché la sua ombra lo segue, e di tanto in tanto si volta di scatto a vedere se è ancora lí. Gio era tutto, ma piú di ogni altra cosa era libertà. Lui era libero in tutti i modi in cui avrei voluto essere libero io. Gio era tornato a essere il mio supereroe. E non avrebbe piú smesso di stupirmi.>> BELLO BELLO BELLO <3

  • User Icon

    Chiara

    19/09/2018 20:45:09

    Semplice, scorrevole, leggero. L'amore di un fratello, l'unione della famiglia, i problemi di tutti i giorni: ci si mette nei panni dei personaggi e si legge tutto d'un fiato. Bellissimo!

  • User Icon

    vanessa

    19/09/2018 15:13:02

    Giacomo Mazzariol racconta il suo rapporto con suo fratello. Questo bambino è per lui la speranza di un compagno di giochi poi un supereroe poi un segreto poi una condanna ed alla fine il suo migliore amico. Convivere con la disabilità non è facile ma se scopri la strada giusta, se sai ascoltare, se hai ricevuto delle basi solide ma, soprattutto, se sei solido tu, puoi scoprire un mondo che non ti aspetti. Cambiare punto di vista fa bene a tutti. A volte diciamo parole che per noi non hanno peso ma per gli altri ne hanno tanto, nel bene e nel male. Io spero di aver lasciato tante tracce nel bene, c'è chi si ricorda cose che ho detto anche a distanza di anni, frasi che io non ricordo e lo stesso è per me, ricordo frasi e sguardi e sorrisi che mi hanno cambiato la vita perché hanno cambiato il mio punto di vista. Aprirsi all'ascolto è fondamentale. Un duro percorso quello di Giacomo, un duro percorso per ognuno di noi ma se ci guardiamo in giro, ascoltiamo e siamo pronti alla scoperta il mondo potrebbe riservarci tante sorprese. Una storia bellissima che parla di rispetto e amore. Fa ridere, pensare e piangere.

  • User Icon

    Debora

    18/09/2018 14:04:32

    L'autore (fratello del protagonista) racconta di una tematica delicata come quella di avere un handicap e fa capire come questo può essere a volte fonte di insegnamento e arricchimento per gli altri. La scrittura scorrevole e spontanea, dovuta forse anche alla familiarità con l'argomento, insieme all'ironia e agli aneddoti divertenti su Giovanni, sono le cose di questo libro che ho preferito in assoluto e mi hanno fatto affezionare al protagonista. Consigliatissimo, merita davvero una lettura!

  • User Icon

    Mari

    18/09/2018 09:41:38

    Un libro divertente, tenero, autentico. Una storia di crescita, di acquisizione di consapevolezze, il tutto però attraverso un ritmo incalzante e giocoso. Giacomo Mazzariol a soli 19 anni è capace di raccontare la sua storia in maniera onesta, mettendosi a nudo e facendoci assumere una prospettiva spesso dimenticata, quella di coloro che sono vicini a persone che hanno difficoltà o disturbi, mostrandoci tutte le fragilità e le opportunità che questo tipo di relazioni comportano. Lo consiglio a tutti!

  • User Icon

    Sara

    17/09/2018 21:47:02

    La storia, raccontata con uno stile fresco e semplice, è incentrata sul rapporto dell'autore con il fratello, affetto da sindrome di Down. Nonostante la sua diversità sia il tema centrale del libro, la cosa che ho davvero apprezzato è la capacità di scindere il fratello dalla trisomia, vedendone pregi e difetti al di là dei limiti della sindrome e di ironizzare sulla malattia in un modo tale da spingere alla riflessione. Lo consiglio soprattutto per avere una visione diversa da quella comune, per vedere in maniera meno distaccata una persona Down e considerarla semplicemente per quello che è, una persona.

  • User Icon

    Mariuccia

    18/07/2018 12:01:57

    Il libro è fantastico! Fa parte dei compiti delle vacanze di mio nipote è leggerlo è stato davvero un piacere e una scoperta x me e x mio nipote. Il servizio: preciso e puntuale.

  • User Icon

    Maria76

    29/06/2018 19:38:55

    Bellissimo da leggere \nStoria commovente

  • User Icon

    rafed73

    27/06/2018 13:35:22

    Tenero e forte allo stesso tempo. Da leggere

  • User Icon

    ST360

    03/02/2018 18:25:40

    Semplicemente delizioso. Le aspettative, le paure, il senso di vergogna, il sentimento di forte amore del fratello maggiore verso il fratellino speciale sono descritte veramente molto bene ed in modo realistico senza mai scadere nello scontato o nel mioloso sentimentalismo. Ottima prova di Mazzariol.

  • User Icon

    Carla

    28/01/2018 07:41:28

    Libro toccante e commovente. Fa capire quanto handicap e diversità possano diventare un arricchimento nonostante le difficoltà. Il coraggio di cambiare punto di vista e trasformare il proprio approccio....da applicare a tutte le età e situazioni. Leggetelo!

  • User Icon

    Ale

    24/12/2017 16:45:31

    Deliziosamente tenero dalla prima all'ultima pagina. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    n.d.

    14/10/2017 11:43:03

    Scrittura molto scorrevole e storia appassionante! Merita una lettura

Vedi tutte le 55 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


Ci sono voluti dodici anni perché Giacomo imparasse a vedere davvero suo fratello, a entrare nel suo mondo. E a lasciare che gli cambiasse la vita.

Nella vita ci sono cose che si possono governare, altre che bisogna prendere come vengono. È talmente più grande di noi, la vita. È complessa, ed è misteriosa. L’unica cosa che si può sempre scegliere è amare. Amare senza condizioni.

Esistono tantissimi libri che raccontano la disabilità. Ci sono quelli lo fanno mettendo in risalto le potenzialità e le particolarità di una persona disabile. Quelli che ci conducono nella mente di quella persona e ci permettono di capire cosa prova, cosa pensa, come ragiona. E poi ci sono quelli che ci raccontano la sua vita, la sua quotidianità, e lo fanno con un tocco delicatissimo e carico di tenerezza, mettendo in gioco affetto e sentimenti. Questo libro è uno di quelli.

È la storia di Giacomo (Jack, o Mazza, per gli amici) e del suo fratellino Giovanni (Gio, o Joe, o Little John, per chi gli vuole bene). Giovanni che adora la musica e il movimento che scatena; che per colpa del suo collo troppo debole non sarà mai in grado di fare le capriole; che non ha paura degli insetti né dei mostri né del buio. Giovanni che è nato con un cromosoma in più e che quel cromosoma se lo porta dietro da dodici anni. Giovanni, il fratellino con i poteri speciali che rincorre i dinosauri. Giovanni: il supereroe.
È Giacomo, il fratello maggiore, a narrarci la loro storia. È una storia di vita familiare che diventa un racconto di formazione. Inizia in un parcheggio, quando il papà ferma la macchina per comunicare a Giacomo, Chiara e Alice – le sue due sorelle – che presto avranno un altro fratellino. E continua nello stesso parcheggio, settimane dopo, quando papà e mamma annunciano che quel fratellino sarà speciale. E quando nasce, Giovanni è davvero speciale, con quella sua testa così grande, quella lingua così lunga, quei piedini tanto strani. E più cresce, più le stranezze aumentano. E con queste, nella mente di Giacomo, aumentano le domande. Perché Giovanni fa così fatica a parlare? Perché deve fare continue visite dai medici? Perché non potrà fare capriole, non potrà arrampicarsi sugli alberi, non potrà fare la lotta con lui, il suo fratellone?
Ma non è solo Giovanni a diventare più grande. Anche Giacomo cresce. Dalla scuola elementare passa alla scuola media, dove non rivela a nessuno di avere un fratello perché si vergogna di quel piccolo supereroe che sembra aver perso tutti i suoi poteri, se mai ne ha avuti. Ha paura di quello che potrebbero pensare e dire e fare i suoi compagni. Della reazione che potrebbe avere Arianna, la ragazza che ha trovato un posto nel suo cuore. Sarà una serie di coincidenze e di eventi inaspettati a far capire a Giacomo chi è davvero suo fratello, a fargli capire che ci sono casi, nella vita, in cui non possiamo scegliere chi amare. Dobbiamo farlo e basta. Solo in questo modo sarà possibile affrontare la vita a testa alta, proprio come un diplodoco, quel dinosauro dal collo dritto e lunghissimo tanto amato da Gio.
Giacomo e Giovanni li abbiamo già conosciuti in un video – dal titolo “The Simple Interview” – pubblicato su YouTube lo scorso anno, in occasione della giornata mondiale delle persone con sindrome di Down. Un video che è diventato subito virale, in cui si immagina un colloquio di lavoro tra i due fratelli, con Giacomo che sottopone il suo fratellino a una serie di domande, permettendoci di conoscerlo e di capire che prima della disabilità, prima della sindrome di Down, viene la persona. Con la sua vita e le sue passioni, i suoi pregi e i suoi difetti, la sua ironia e la sua voglia di farsi valere e dimostrare chi è.

Giacomo Mazzariol, classe 1997, è ancora giovane, ma in questo libro ci mette tutta la forza e la maturità che possiede, ci butta dentro tutto il suo affetto e tutto il suo amore. Tutta la sua vita.